I fattori medici e socioeconomici possono ostacolare l'idoneità al lavoro della gente con il HIV/AIDS

La gente che vive con il HIV/AIDS può affrontare la distinzione nelle pratiche di noleggio dei datori di lavoro. Uno studio pubblicato nel giornale americano della medicina del lavoro ha trovato che i fattori medici e socioeconomici possono ostacolare la loro occupazione.

Lo studio ha incluso 170 persone che vivono con il HIV/AIDS in Turchia. I giovani con il HIV hanno avuti una probabilità molto più alta di partecipazione nella manodopera, come ha fatto coloro che era più ricco ed ha generato un più alto reddito. Inoltre, le persone che stavano lavorando ai tempi della diagnosi erano più probabili essere impiegate. L'uso della droga illecita, un tempo maggiore dalla diagnosi ed i conteggi bassi delle cellule di T CD4 sono stati associati negativamente con occupazione.

Possiamo gestire facilmente il virus del HIV con il farmaco anti-retroviral, ma è quasi impossible da gestire i fattori socioeconomici quali il marchio di infamia ed i pregiudizi, che sono riforniti dall'ignoranza e dalla mancanza di campagne di informazione. C'è un ruolo serio affinchè i governi e le organizzazioni non governative spieghi l'impatto positivo del trattamento anti-retroviral e l'esigenza di una vita normale per la gente che vive con il HIV.„

Durmuș Özdemir, PhD, autore corrispondente e professore all'università di Yasar

Source:
Journal reference:

Özdemir, H.O., et al. (2019) The determinants of employability of people living with HIV/AIDS in Turkey. American Journal of Industrial Medicine. doi.org/10.1002/ajim.23056.