Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Indagine: Più di 50% dei consumatori vorrebbe usare gli assistenti di voce per la sanità

Sulla base di un'indagine di 1.004 adulti degli Stati Uniti, il rapporto include questi punti culminanti chiave:

  • 7,5% dei consumatori degli Stati Uniti hanno usato gli assistenti di voce quale Alexa o googlano l'assistente per la sanità il settembre 2019
  • Quasi 52% vorrebbe usare gli assistenti di voce per i casi di uso di sanità in futuro
  • 18-29 anni sono il più probabile da usare un assistente di voce per i servizi in relazione con la sanità, ma 45-60 anni sono il più fiducioso sulla tecnologia

La ricerca è pubblicata in rapporto di 40 pagine che comprende 20 diagrammi, dieci studi finalizzati che evidenziano le odierne soluzioni voce a forza nell'ambiente di sanità e 35 pagine dell'analisi. È disponibile senza alcun costo per il download a voicebot.ai

Questo rapporto è la prima analisi completa che considera come i consumatori stanno usando oggi gli assistenti di voce per i bisogni in relazione con la sanità, esplora le funzionalità che vorrebbero vedere in futuro ed i punti culminanti come le organizzazioni della tecnologia e del fornitore hanno risposto all'opportunità finora. Orbita è un pioniere conosciuto della tecnologia nelle domande di voce di sanità e siamo soddisfatti di portare questa ricerca ai nostri clienti, ai nostri partner ed all'industria di sanità at large.„

Nathan Treloar, Presidente di Orbita

Teri Fisher, MD, ha detto, “da una prospettiva clinica, opportunità tremenda di offerte di voce di impegnarsi con i pazienti nei modi che mai prima abbiamo immaginato. Questo rapporto fornisce informazioni apprezzate per le organizzazioni che possono mettere in discussione il loro approccio o cronometrare con le nuove offerti di voce.„

Fisher è il fondatore ed il host di due podcast, salubrità di VoiceFirst e Alexa nel Canada. È un medico di pratica della medicina dello sport e un professore clinico di aiuto all'università di British Columbia.

L'editore di rapporto, Voicebot.ai, ha lanciato tre anni fa come blog sperimentale ed ha trasformato nella sorgente online principale della ricerca e della pubblicazione dedicata alla voce ed alle tecnologie di AI. Il mese scorso, il sito sorpassava quattro milione visualizzazioni della pagina ed un milione di ospiti unici, con più di 2.000 articoli originali hanno pubblicato.

Bret Kinsella, fondatore di Voicebot.ai ed il CEO, hanno detto, “siamo soddisfatti di collaborare con Orbita per pubblicare il primo rapporto completo che analizziamo l'intersezione degli assistenti e della sanità di voce. I consumatori sono entusiasti del potenziale di queste nuove tecnologie e speriamo che le organizzazioni di sanità di guide di dati capiscano meglio il servizio e prendano le decisioni circa come possono fare leva gli assistenti di voce per migliorare l'impegno paziente.„

Il rapporto è segmentato in sei parti compreso un esame di come gli assistenti e la sanità di voce intersecano oggi, un'approvazione di aiuto di voce del consumatore, un'approvazione di aiuto di voce nella sanità, i casi di uso di tecnologia vocale nella sanità e le piattaforme della tecnologia.

Ad agosto, una giuria curated da VoiceBot.ai ha nominato il CEO di Orbita Bill Rogers alla lista 2019 del principale 11 Influencers nella voce. È uno di soli quadri sanità-messi a fuoco nominati alla lista che ha incluso le guide da Amazon, da Apple, da Microsoft, da Samsung, da Adobe e dalla sfumatura.