Gli scienziati scoprono il ruolo per la vitamina D nel melanoma

Un nuovo studio pubblicato nella ricerca sul cancro il 6 novembre 2019, da ricerca sul cancro Regno Unito suggerisce che la vitamina D possa diminuire la natura aggressiva delle celle del melanoma e migliora i tassi di sopravvivenza.

Il melanoma è un tipo di cancro di interfaccia che è micidiale ma relativamente raro nella popolazione. Questa malattia aggressiva rappresenta la maggior parte delle morti dovuto il cancro di interfaccia. Ogni anno 16.000 pazienti recentemente sono diagnosticati ogni anno con il melanoma nel Regno Unito, con circa 300 di questi che sono cancro della avanzato-fase.

Con l'avanzamento dei metodi di trattamento, il tasso di sopravvivenza si è raddoppiato in questi ultimi 40 anni. Malgrado questo, il melanoma avanzato della fase ha un tasso di sopravvivenza di un anno di appena 55%, confrontato a quasi 100% per quelli di cui il cancro è preso molto presto.

Macchia di H&E delle celle del melanoma in interfaccia

Credito di immagine: David Litman/Shutterstock.com

La vitamina D (o correttamente, 1α, 25-dihydroxyvitamin D3) è una vitamina liposolubile con le funzioni fisiologiche importanti nell'organismo. La ricerca priore ha indicato che la carenza di vitamina D nel sangue è associata con i risultati più difficili nel melanoma.

I pazienti del melanoma evitano spesso la luce solare, per evitare l'esposizione della loro interfaccia alle razze ultraviolette solari e sono quindi ad un elevato rischio di essere vitamina D-carente. Per contro, un di più alto livello della vitamina D nel sangue è collegato ai più piccoli tumori ed ai migliori risultati. Tuttavia, il meccanismo responsabile di questo che trova è sconosciuto.

Studio del collegamento fra i livelli di vitamina D ed il melanoma

Per studiare questo fenomeno, l'università corrente di studio di Leeds ha esaminato come la vitamina D interagisce con le celle del melanoma tramite il ricevitore di vitamina D (VDR) sulla superficie delle cellule.

In primo luogo, gli scienziati hanno esaminato il gene di VDR in 703 melanomi dai pazienti umani ed altri da 353 tumori del melanoma che avevano andato oltre il loro sito dell'origine. Hanno voluto scoprire quanto attivamente questo gene stava producendo la proteina di VDR in questi tumori. Per fare questo, hanno misurato la quantità di VDR in celle raccolte da ciascuno di questi tumori.

Egualmente hanno indicizzato lo spessore di ogni tumore ed il suo tasso di crescita. I ricercatori poi hanno paragonato il livello di attività di gene di VDR (o di espressione, come è chiamato) alle caratteristiche cliniche del melanoma in ogni paziente.

I dati hanno suggerito un collegamento fra l'espressione del VDR (o della quantità di proteina di VDR) trovata in ogni cella, che indica l'attività di gene e l'aggressività del tumore.

La via responsabile del collegamento

I ricercatori hanno trovato che i bassi livelli di espressione genica di VDR si sono presentati in tumori con gli più alti tassi di accrescimento, se melanomi primari o metastatici. Inoltre, i bassi livelli di vitamina D egualmente sono sembrato essere collegati all'inibizione di geni che regolamentano le risposte immunitarie di Cancro-combattimento nell'organismo. A loro volta, tali tumori hanno mostrato i numeri più bassi delle celle immuni, specialmente dei linfociti di tumore-infiltrazione (TILs) su esame al microscopio.

L'espressione bassa di VDR egualmente è stata associata con un'più alta espressione dei geni che sono stati associati con la crescita e la diffusione più veloci dei tumori, o cioè con i geni che promuovono l'aggressività del tumore. L'espressione diminuita di VDR è stata collegata particolarmente ai geni che regolamentano la via del catenin di Wnt/β, una via cellulare di segnalazione che influenza i trattamenti multipli all'interno della cella compreso la crescita delle cellule.

Gli scienziati egualmente hanno trovato determinate mutazioni genetiche in tumori metastatici, quale l'eliminazione dell'aggiunta del gene di VDR o del gruppo metilico sulla regione del promotore del gene. Ciò impedisce l'attivazione del gene e così provoca eccessivamente un a basso livello di VDR su queste celle del tumore.

Per confermare i loro risultati, hanno ripetuto le analisi sulle celle del melanoma del mouse. Questi esperimenti egualmente hanno mostrato che quello espressione aumentare di VDR in celle del melanoma ha inibito la via del catenin di Wnt/β ed ha diminuito i tassi di accrescimento della cellula tumorale come pure la loro velocità di diffusione. Per concludere, hanno trovato che la presenza di carenza di vitamina D è stata associata con la più breve sopravvivenza nei tumori primari del melanoma.

Quindi, lo studio conferma che quando la via di Wnt/β-catenin è attiva all'interno di queste celle del tumore, sopprime la risposta immunitaria che normalmente combatte le celle cancerogene e le elimina prima che possano formare i tumori.

Questa via egualmente incoraggia la proliferazione delle cellule e la crescita del tumore. La soppressione della via aumentando l'associazione della vitamina D-VDR migliora l'immunità ospite e diminuisce la tariffa della crescita e della metastasi del tumore.

Implicazioni della ricerca

I ricercatori emozionanti dicono che questo ha dato loro la conoscenza di come la vitamina D pregiudica le celle del melanoma via il VDR per aumentare la segnalazione del catenin di Wnt/β ed a sua volta per incoraggiare la crescita del tumore e per spargersi. Il Newton-Vescovo di Julia del ricercatore senior dice,

Ciò ci aiuterà meglio a capire come il melanoma si sviluppa e diffusioni ed eventualmente trova i nuovi obiettivi per gestirla. Possiamo ora vedere come la vitamina D potrebbe aiutare il sistema immunitario a combattere il cancro.„

L'incoraggiamento della trafilatura dal modo che la vitamina D sopprime la via di Wnt/β-catenin, lei più ulteriormente dice, “sebbene la vitamina D da sè non tratti il cancro, noi potrebbe catturare le comprensioni dal modo funziona per amplificare gli effetti di immunoterapia, che utilizza il sistema immunitario per trovare ed attaccare le cellule tumorali.„

Martin Ledwick da ricerca sul cancro Regno Unito ha precisato che il servizio nazionale sanitario (NHS) già consiglia che la gente richiede a 10 microgrammi della vitamina D ogni giorno per mantenere la buona salubrità dell'osso e del muscolo, più specialmente durante l'inverno in cui l'esposizione alla luce solare è bassa.

Ledwick dice che se il melanoma recentemente è stato diagnosticato, il paziente dovrebbe fare una misura di vitamina D del siero fare per guidare la gestione. Se il livello di questa vitamina è basso, una visita medica dovrebbe essere fatta per impedire i cattivi effetti dovuto questa carenza, poichè i livelli di vitamina D possono essere aumentati dalla dieta o dai supplementi.

Journal reference:

Muralidhar, S., et al. (2019). Vitamin D-VDR signaling inhibits Wnt/beta-catenin-mediated melanoma progression and promotes anti-tumor immunity. Cancer Research. DOI: 10.1158/0008-5472.CAN-18-3927.

Dr. Liji Thomas

Written by

Dr. Liji Thomas

Dr. Liji Thomas is an OB-GYN, who graduated from the Government Medical College, University of Calicut, Kerala, in 2001. Liji practiced as a full-time consultant in obstetrics/gynecology in a private hospital for a few years following her graduation. She has counseled hundreds of patients facing issues from pregnancy-related problems and infertility, and has been in charge of over 2,000 deliveries, striving always to achieve a normal delivery rather than operative.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Thomas, Liji. (2019, November 08). Gli scienziati scoprono il ruolo per la vitamina D nel melanoma. News-Medical. Retrieved on January 27, 2020 from https://www.news-medical.net/news/20191108/Scientists-discover-role-for-vitamin-D-in-treating-skin-cancer.aspx.

  • MLA

    Thomas, Liji. "Gli scienziati scoprono il ruolo per la vitamina D nel melanoma". News-Medical. 27 January 2020. <https://www.news-medical.net/news/20191108/Scientists-discover-role-for-vitamin-D-in-treating-skin-cancer.aspx>.

  • Chicago

    Thomas, Liji. "Gli scienziati scoprono il ruolo per la vitamina D nel melanoma". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20191108/Scientists-discover-role-for-vitamin-D-in-treating-skin-cancer.aspx. (accessed January 27, 2020).

  • Harvard

    Thomas, Liji. 2019. Gli scienziati scoprono il ruolo per la vitamina D nel melanoma. News-Medical, viewed 27 January 2020, https://www.news-medical.net/news/20191108/Scientists-discover-role-for-vitamin-D-in-treating-skin-cancer.aspx.