Gli scienziati russi spiegano come una componente supplementare può triplicare il risparmio di temi vaccino

Un gruppo degli scienziati russi ha effettuato uno studio al livello di immunità cellulare ed ha scoperto come un adiuvante chiamato bromuro del azoximer aumenta l'immunizzazione del vaccino antiinfluenzale. I risultati dello studio sono stati presentati al simposio di Russo-Cinese sulle malattie infettive a St Petersburg (5-7 novembre 2019).

Il rischio di epidemie aumenta con la crescita dei livelli della popolazione e della migrazione del nostro pianeta. Per evitarlo, gli scienziati dappertutto lavorano a creare i nuovi vaccini che devono essere a disposizione più efficienti e di ampio pubblico. Uno dei modi farlo è di aggiungere gli adiuvanti - sostanze che aumentano la risposta immunitaria all'antigene iniettato, cioè una molecola “nemica„ affinchè il sistema immunitario combatti con gli anticorpi. Se un vaccino è prodotto con un adiuvante, meno sostanze attive sono richieste per la sua lavorazione. Questo effetto è stato scoperto dai batteriologi Alexandre Yersin (l'un bacillo di peste, pestis di Yersinia, è nominato dopo) e dai roux di Emile. Hanno notato che la risposta immunitaria in animali vaccinati con il diphterin è aumentato se il cloruro di calcio si aggiungesse al vaccino.

L'uso degli adiuvanti concede applicare la cosiddetta strategia antigene-con parsimonia. Se più vaccino può essere prodotto dalla stessa quantità di antigeni, la lavorazione può essere lanciata più velocemente e più gente può essere vaccinata durante i periodi di scarsità, che è estremamente importante durante le epidemie. Inoltre, gli antigeni sono proteine non Xeros per i nostri organismi e di meno di loro è iniettato, più basso sono il rischio di effetti secondari„

Alexey Matveichev, la testa del centro di Petrovax per gli studi preclinici

Il bromuro di Azoximer è stato utilizzato in vaccini antiinfluenzali russi da Petrovax per oltre 20 anni. L'adiuvante tiene conto riduzione tripla del dosaggio dell'antigene confrontato ai vaccini senza alcune sostanze supplementari. Parecchi studi clinici sono stati effettuati per confermare il risparmio di temi di questo dosaggio e la sicurezza del vaccino (vedi per favore l'esame degli studi qui: https://www.epidemvac.ru/jour/article/view/794). Tuttavia, i requisiti della base fondata dei vaccini continuano ottenere più rigorosi e la necessità di studi per accendere. La società continua ad effettuare la ricerca del meccanismo dell'atto dell'adiuvante. I nuovi dati ottenuti nel corso di questa ricerca sono stati presentati al simposio.

“Questi risultati si sono acquistati quasi un anno fa. In conformità con le pratiche internazionali, la maggior parte degli esperimenti è stata effettuata sui mouse. Abbiamo studiato l'effetto del bromuro del azoximer sulle celle dentritiche umane (uno degli iniziatori chiave della risposta immunitaria alla vaccinazione) e sulle nk-celle dei mouse. Egualmente abbiamo scoperto che la nuova prova spiega come questo adiuvante aiuta lo sviluppo della risposta immunitaria umorale (risposta dell'anticorpo) che è l'obiettivo principale della vaccinazione. Inoltre, abbiamo studiato la risposta immunitaria comunicata per cellule che è estremamente importante se una persona ottiene infettata e gli inizio del virus riprodurrsi nelle celle. In questo caso le guide comunicate per cellule di risposta immunitaria identificano e distruggono le celle infettate„, Alexey commentato Matveichev.

Gli animali sono stati divisi in quattro gruppi ed ogni gruppo è stato iniettato con una delle componenti studiate: antigeni vaccino con e senza l'adiuvante, un vaccino con una quantità standard dell'antigene, o una soluzione vaccino usata come placebo. Dopo che i ricercatori hanno analizzato la capacità delle celle animali di partecipare alla risposta immunitaria umorale e comunicata per cellule, cioè al disaccordo, sintetizzare le citochine (proteine solubili importanti) ed uccidere le cellule bersaglio simili ha infettato quelli. Tutti questi atti fanno parte del trattamento complesso che è risposta immunitaria e determinano il suo risparmio di temi. Il lavoro ha indicato che in presenza dell'adiuvante (bromuro del azoximer) il vaccino che ha contenuto una poca quantità di antigeni lavorati efficientemente come quello con il contenuto più elevato di tre volte dell'antigene. La vaccinazione egualmente aumenta l'attività degli uccisori naturali: cominciano combattere più efficientemente le celle infettate, presunto aiutando una persona malata a recuperare da influenza (o da un freddo) più velocemente.

“In questo studio che abbiamo lavorato con i cosiddetti effettori di risposta immunitaria, cioè con le celle che direttamente combattono l'infezione. Ma prima che “l'attacco delle cellule del soldato, essi debba ottenere i loro ordini, altrimenti non noteranno semplicemente il nemico. Di conseguenza, la fase seguente del nostro studio ha riguardato l'effetto dell'adiuvante “sui generali di risposta immunitaria„, cioè, celle dentritiche„, Alexey aggiunto Matveichev.

In questo esperimento le celle dentritiche umane usate gruppo hanno fornito dai volontari sani. Un vaccino con l'adiuvante è risultato aumentare la velocità della loro maturazione e migrazione. Presto come una tal cella raggiunge un linfonodo, la risposta immunitaria comincia svilupparsi e le difese dell'organismo cominciano a formarsi. La velocità è dell'emissione qui, particolarmente sugli stadi avanzati di un periodo pre-epidemico, o ai rischi aumentati di pandemia.

Secondo l'esperto, a vaccini basati a bromuro del azoximer sono stati utilizzati in Russia e numeroso altri stati dal 1996. Inoltre, l'uso potenziale di questo adiuvante non è limitato ai vaccini antiinfluenzali. La ricerca precedente ha indicato la sua capacità di attivare la risposta immunitaria a una vasta gamma di altri agenti patogeni socialmente significativi che pregiudicano sia gli esseri umani che gli animali. Il bromuro di Azoximer dimostra il potenziale di un adiuvante vaccino universale e rispetta il risparmio di temi e le norme di sicurezza del mondo.