Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo scienziato del UCLA ha assegnato una concessione di $3,5 milioni NIH agli effetti d'alleviamento di studio delle cannabis

Il bottaio di Ziva, direttore di ricerca della cannabis del UCLA ricerca l'iniziativa, ha ricevuto una concessione $3,5 milioni dagli istituti della sanità nazionali per intraprendere gli studi quinquennali che valutano gli effetti d'alleviamento delle cannabis e dei cannabinoidi, i prodotti chimici nell'impianto della cannabis.

La concessione costituirà un fondo per il primo studio clinico per l'iniziativa della ricerca della cannabis, che è stata fondata nel 2017 come componente della Jane e dell'istituto di Terry Semel per la neuroscienza ed il comportamento umano. Il bottaio ha unito l'iniziativa come suo primo direttore di ricerca a gennaio.

Ciò è un primo progetto ideale poichè sonda i problemi sanitari di salute pubblica significativi relativi agli effetti contrari medicinali e potenziali delle cannabis e dei cannabinoidi, una missione centrale dell'iniziativa„

Bottaio di Ziva, professore-in-residenza di psichiatria e scienze biobehavioral alla scuola di medicina di David Geffen al UCLA

Il progetto egualmente esaminerà i beni inducenti al vizio delle cannabis e valuta se gli uomini e le donne avvertono diversamente gli effetti della droga.

“La prova dagli studi sugli animali indica che le femmine sono più sensibili ai vantaggi d'alleviamento di THC, la componente primaria della cannabis. Ma sono egualmente più sensibili agli effetti negativi,„ Cooper ha detto.

In un momento in cui le tariffe di uso medicinale della cannabis stanno aumentando rapido fra le donne, i risultati dello studio aiuteranno meglio i ricercatori a capire come gli uomini e le donne rispondono diversamente sia al terapeutico potenziale che agli effetti negativi delle cannabis, Cooper ha detto. Lo studio egualmente esplorerà se gli ormoni e i endocannabinoids, il proprio sistema del cannabinoido dell'organismo, svolgono un ruolo in queste differenze.