Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Scienza moderna di rianimazione: Illuminare i trattamenti complessi della morte

Lunedì 18 novembre 2019 l'accademia di New York delle scienze e del programma di ricerca critico della rianimazione e di cura a NYU Langone presenterà un evento di due parti nominato che cosa accade quando moriamo? agli uffici dell'accademia a Manhattan del centro.

La morte è un'esperienza umana universale, eppure rimane uno di grandi misteri della vita. Osservato tradizionalmente come punto finale irreversibile assoluto, gli studi scientifici recenti hanno indicato le cellule cerebrali per essere resilienti agli effetti della privazione dell'ossigeno dopo che il cuore si ferma e dei dadi di una persona. Ciò piombo ad una variazione importante di paradigma nella scienza, poichè ora capiamo che la morte potesse essere reversibile, anche ore dopo che ha avuto luogo. Questa comprensione dà le nuove possibilità affinchè i trattamenti salvi le vite ed i cervelli oltre la rianimazione cardiopolmonare (CPR). Intrigante, molta gente riferisce avvertire la coscienza e l'attività conoscitiva dopo che il cuore si ferma, sollevanti le questioni per quanto riguarda i modelli correnti della natura della coscienza.

Durante il simposio, i clinici ed i ricercatori discuteranno i risultati recenti che hanno capovolto le nozioni convenzionali circa la natura del trauma cranico e della morte. Questi comprendono uno studio recente da Yale, in cui la funzione del cervello è stata riparata in 32 cervelli post mortem del maiale quattro o più ore dopo la morte e la consapevolezza durante lo studio) II INFORMATO della rianimazione (, che sta esplorando che cosa accade alla mente ed alla coscienza ai tempi di arresto cardiaco e della morte clinica. Questo studio già ha reclutato 500 oggetti di arresto cardiaco ed è corrente il più grande del suo tipo attraverso 20 americani e gli ospedali europei. Un progetto imminente lusinghiero esplora la coscienza e l'attività conoscitiva in pazienti che subiscono l'arresto circolatorio ipotermico profondo (DHCA), una tecnica medica che biologicamente imita l'arresto cardiaco e la morte through raffreddando la temperatura corporea di un paziente centigrado ad intorno 20 gradi.

La morte è una delle poche esperienze universali garantite ad ogni essere umano. Eppure la conclusione di vita è egualmente uno di grandi misteri della vita e la ricerca che cerca di illuminare i trattamenti complessi della morte nel cervello, nell'organismo, nella mente e nella coscienza ha implicazioni etiche, sociali e filosofiche di ampio-raggiungimento. Questi simposio e tavola rotonda riuniranno i medici ed i ricercatori principali nelle discipline che variano dalla cura e dalla neurologia critiche alla neuroscienza ed alla psicologia, per tracciare una carta di un percorso per le nuove direzioni nello studio sulla rianimazione e sulla coscienza. Chiaramente, la morte circostante richiamata di esperienza ora merita ulteriore ricerca genuina senza pregiudizio.„

Dott. Sam Parnia, scuola di medicina di NYU

Provocatori, sorprendenti e sfidando, questi nuovi viali della ricerca possono informare le strategie per il miglioramento della sopravvivenza di qualità, eppure egualmente portano le implicazioni significative per i programmi di donazione di organo, il processo decisionale di estremità-de-vita e la comprensione della natura della coscienza umana.

A seguito del simposio di pomeriggio, il Dott. Parnia modererà una tavola rotonda di sera intitolata che cosa accade quando moriamo? Arresto cardiaco di sopravvivenza. Il comitato esplorerà i trattamenti complessi della morte nel cervello e nell'organismo e illumina le implicazioni bioetiche di questa nuova comprensione per la pianificazione di estremità-de-vita, i programmi di donazione di organo e più.

Gli altoparlanti ed i partecipanti per il programma in due parti includono:

  • Lancia Becker, MD, FAHA, l'istituto di Feinstein per ricerca medica su arresto cardiaco e sindrome Post-Cardiaca di arresto: Una rassegna storica e gli orientamenti futuri
  • Ariane Lewis, MD, salubrità di NYU Langone sul cervello criticamente malato nell'arresto cardiaco
  • Samuel Tisherman, MD, scuola di medicina dell'università del Maryland sull'animazione sospesa
  • MD di Daniele Stefano, candidato di PhD. Scuola di medicina di Yale University che ripara funzione al cervello dopo la morte
  • Cherie Amie, superstite di arresto cardiaco, sull'esperienza nella sopravvivenza di arresto cardiaco
  • Sam Parnia, MD, PhD, scuola di medicina di NYU su coscienza, consapevolezza & risultati psicologici dopo arresto cardiaco
  • Peter B. Forgacs, MD, medicina di Weill Cornell su coscienza e ripristino
  • Shari Brosnahan, MD, salubrità di NYU Langone sulle strategie di Neuroprotection per arresto cardiaco
  • Tom Aufderheide, MD, ms, FACEP, FACC, FAHA, internazionalmente - ricercatore riconosciuto nella cura cardiaca di emergenza all'istituto universitario medico di Wisconsin
  • Sonja Lyubomirsky, PhD, psicologo distinto all'università di California, riva del fiume di ricerca di felicità
  • Stephan Mayer, MD, FCCM, esperto nel mondo nella terapia intensiva neurologica alla scuola statale di Wayne di medicina
  • Sara Perman, MD, una guida nella scienza di rianimazione e cura post-cardiaca di arresto all'università di scuola di medicina di colorado