Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Sei medici di modi possono contribuire ad ottimizzare la salute riproduttiva in donne con l'epilessia

Universalmente, più di 15 milione donne dell'età di gravidanza hanno epilessia. Ogni anno circa 600.000 di loro diventano incinti.

Nel passato, le donne con l'epilessia sono state dette di non ottenere incinte. Alcuni sono stati sterilizzati con forza. Ora, la maggior parte delle donne con l'epilessia possono avere gravidanze sicure e sane; tuttavia, ci sono rischi unici che possono richiedere la gestione attenta. Qui sono sei modi che i medici possono aiutare per ottimizzare la salute riproduttiva in donne con l'epilessia.

Encourage pianificazione la gravidanza

Avere una gravidanza prevista rende tutto più facile e riduce molti dei rischi connessi con l'epilessia materna, ha detto la pagina Pennell, direttore di ricerca a Brigham & all'ospedale delle donne e professore della neurologia alla Harvard University. La progettazione concede il tempo di trovare il farmaco antiepilettico più efficace e più sicuro (AED) - uno che diminuisce o elimina gli attacchi mentre però minimizzare rischia ad un feto.

I risultati dalle gravidanze previste sono molto meglio. Abbiamo scelte ora che può portare giù il rischio di malformazioni congenite importanti ed egualmente stiamo trovando che anche i rischi di complicazioni ostetriche - C-sezioni, consegne premature - possono essere vicini alle tariffe della popolazione in genere se le donne hanno buona visita prenatale.

Impagini Pennell, Presidente corrente della società americana dell'epilessia

Uno studio 2019 dalla registrazione basato negli Stati Uniti del controllo delle nascite dell'epilessia ha trovato che le gravidanze non pianificate hanno portato più di due volte il rischio di perdita fetale spontanea, rispetto alle gravidanze previste. Delle gravidanze nell'analisi, 67% erano non pianificati; l'incidenza globale della gravidanza non pianificata è circa 44%, secondo l'organizzazione mondiale della sanità.

Uno studio di gruppo retrospettivo di 132 donne con l'epilessia nel Giappone ha trovato che le donne con le gravidanze previste erano meno probabili avere attacchi durante la gravidanza e meno probabile subire i cambiamenti del farmaco. Le gravidanze non pianificate non sono state associate con i maggiori rischi di complicazioni ostetriche o di risultati neonatali, tuttavia.

Prescriva l'acido folico alle ragazze ed alle donne dell'età di gravidanza

I supplementi dell'acido folico sono raccomandati affinchè tutte le donne incinte proteggano da determinati tipi di difetti di nascita. Sebbene l'acido folico non sia stato indicato per diminuire i rischi di malformazioni congenite importanti nei bambini delle madri con l'epilessia, gli studi hanno trovato che l'acido folico può diminuire i rischi per le emissioni e le caratteristiche conoscitive di autismo.

Gli effetti di Neurodevelopmental del gruppo di studio della droga antiepilettica (NEAD), piombo da Kimford Meador - Direttore clinico del centro completo dell'epilessia di Stanford e professore della neurologia & delle neuroscienze all'università di Stanford hanno trovato che il completamento dell'acido folico di preconceptional è stato associato con un più alto quoziente d'intelligenza all'età 6, confrontata senza il completamento. La differenza, mentre modesta (circa 7 punti), era statisticamente significativa.

“Il folato sembra extra protettivo per le donne con l'epilessia,„ ha notato Meador durante la sessione sull'epilessia e sulla gravidanza al congresso dell'epilessiard dell'internazionale di ILAE 33 a Bangkok. Senza supplementi dell'acido folico, ha detto che i rischi di mora di linguaggio e di autismo erano più di 4 volte quelli dei bambini nati dalle donne senza epilessia. La cattura dell'acido folico cade il rischio a circa 1,7 volte.

L'acido folico può essere più efficace se cominciato prima di concezione-un altro vantaggio a pianificazione una gravidanza. Ma iniziando i supplementi dopo che la concezione non può danneggiare, Pennell celebre, dato che il cervello sta sviluppandosi in tutto tutti e tre gli acetonidi.

Un'indagine 2019 dei neurologi in 81 paese ha trovato quello circa 75% ha detto che avrebbero raccomandato l'acido folico alle donne dell'età di gravidanza, sebbene le dosi variassero da 0,4 mg/giorno almeno a 4 mg/giorno. La maggior parte dei dichiaranti hanno avuti pochi pazienti incinti; nei 12 mesi precedenti, 66% aveva veduto 10 o meno e 15% non ne ha veduto.

Sebbene ci non sia ancora ad una raccomandazione basata a prova per dosaggio dell'acido folico in donne con l'epilessia, Pennell ha detto che la sua strategia personale è di scrivere una prescrizione per 1 mg, catturata una volta al giorno. Dice che anecdotally, ha notato la migliore aderenza con una prescrizione, piuttosto che una raccomandazione approvvigionarla sopra il contatore.

Parli del controllo delle nascite

“Più di 50% delle gravidanze in donne con l'epilessia sono non pianificati,„ Pennell ha detto; ciò è leggermente superiore alla percentuale nella popolazione in genere. Il più alto numero può essere parzialmente dovuto la relazione complessa fra i farmaci antiepilettici d'induzione (AEDs) ed i metodi ormonali del controllo delle nascite. la Co-prescrizione può piombo ai livelli di sangue diminuiti di entrambe le droghe, diminuenti l'efficacia del metodo del controllo delle nascite mentre però aumentando il rischio per gli attacchi.

Inoltre, il controllo delle nascite ormonale diminuisce i livelli di sangue di lamotrigina, in grado di pregiudicare il controllo di attacco. Non c'è prova concludente che la lamotrigina diminuisce gli effetti protettivi di controllo delle nascite.

“Penso che cada al neurologo per parlare dei metodi del controllo delle nascite, perché siamo quei che prescrivono i medicinali che pregiudicano il controllo delle nascite,„ lei abbia detto. “Molto spesso, le donne otterranno il loro controllo delle nascite da un medico di pronto intervento, che non può sapere circa questi tipi di interazioni. Ci sono lotti delle storie delle donne che dicono “oh, il mio medico mai mi non hanno detto„„ circa le interazioni fra controllo delle nascite e AEDs.

Contraccettivo consigliare quello comprende le raccomandazioni può fare una differenza, ma non è ancora terreno comunale. Uno studio 2016 ha trovato che soltanto 37% delle donne ha discusso la contraccezione con il loro curante dell'epilessia; la prima visita era il momento più comune per questa discussione. Donne che hanno ricevuto il consiglio specifico circa gli IUD ed i loro vantaggi (rispetto agli anticoncezionali ormonali) ha teso a passare più spesso ad un IUD delle donne che hanno ottenuto soltanto il consiglio generale circa le interazioni fra AEDs e certi moduli di controllo delle nascite.

Conosca i rischi di valproate

Valproate (acido valproic, Depakote) aumenta il rischio di determinati difetti di nascita, compreso i difetti del cuore, la spina bifida, il labbro leporino, il palato di spacco ed altri. I bambini sopportati delle donne che catturano il valproate durante la gravidanza egualmente tendono ad avere più scarso sviluppo conoscitivo e uno studio di registrazione del Danese 2013 sulle più di 655.000 nascite indicate ha aumentato il rischio per autismo in bambini sopportati alle donne che catturano il valproate durante la gravidanza.

Torbjorn Tomson, professore della neurologia e del epileptology a Karolinska Institutet e capo della sezione dell'epilessia all'ospedale universitario di Karolinska, Stoccolma, sta attento a notare che malgrado i rischi di valproate, alcune donne lo richiedono. “Ci sono donne che non rispondono a qualunque altra droga. Per esempio, per l'epilessia generalizzata idiopatica, il valproate è superiore,„ ha detto. “Ci sono donne che lo hanno bisogno. Ma devono essere completamente informati e capire che cosa i rischi sono.„

Indipendentemente dal regime dell'VEA di una donna, riflettere i livelli di sangue di farmaci può contribuire a diminuire il rischio di attacchi, ha detto Pennell. Un certo AEDs, quali la lamotrigina e il levetiracetam, sembra avere velocità di eliminazione più veloci durante la gravidanza.

Contribuisca a dissipare i miti

La dissipazione dei miti può aiutare le donne ad essere più sicure circa le loro gravidanze e diminuisce l'ansia. Per esempio, alcune donne (e medici!) credono che la frequenza di attacco aumenti sempre durante la gravidanza e di periodo successivo al parto. Ciò non è necessariamente il caso. Una registrazione europea ed internazionale delle droghe antiepilettiche nello studio di gravidanza (EURAP) ha trovato che nella maggior parte delle donne (50%-83%), la frequenza di attacco non cambierà e che 7% - 25% delle donne vederanno una diminuzione negli attacchi durante la gravidanza. EURAP ha trovato che fino a 33% delle donne avrà un aumento negli attacchi durante la gravidanza e che gli attacchi durante la consegna erano relativamente rari (3,5% dei casi, più comune in donne che hanno avute attacchi durante la gravidanza).

I dati dai risultati e dagli effetti materni di Neurodevelopmental delle droghe antiepilettiche (MONEAD) studiano - un'estensione dello studio di NEAD - trovato che 46,7% delle donne incinte erano senza attacco nei 9 mesi prima della loro gravidanza, rispetto a 45,0% delle donne non gravide che erano attacco libero nei 9 mesi prima dell'iscrizione di studio. Fra le donne senza attacco, non c'erano differenze fra le donne incinte e non gravide nei 18 mesi dopo l'iscrizione di studio (vedi il diagramma).

Un esame dei fabbisogni informativi in relazione con la gravidanza e di conoscenza fra le donne con l'epilessia ha trovato che mentre le donne erano informate di molte emissioni in relazione con la gravidanza, la loro conoscenza di quelle emissioni ed i rischi reali in questione spesso stavano mancando di. Molte donne hanno detto che hanno voluto ricevere più informazioni - specialmente circa i rischi dell'VEA - con un gran vantaggio sulla pianificazione della gravidanza.

Un'indagine 2018 delle donne con l'epilessia in paesi di lingua tedesca ha rinforzato l'idea che molte donne hanno bisogno di più informazioni sulla gravidanza e sull'epilessia. Delle 192 donne che hanno fatto l'indagine:

  • 60% aveva parlato con i loro neurologi circa le emissioni in relazione con la gravidanza.
  • 46% non ha creduto che la maggior parte delle donne con l'epilessia desse alla luce ai bambini in buona salute
  • 41% di quelli che catturano il valproate non erano informati della sua associazione con le malformazioni
  • 38% di quelli che catturano enzima-inducendo AEDs non erano informati che queste droghe interagiscono con gli anticoncezionali orali

Molte donne egualmente credono che dovrebbero smettere di catturare AEDs durante la gravidanza per proteggere il loro bambino crescente. Tuttavia, la sospensione non è raccomandata, mentre porta i rischi multipli, compreso gli attacchi e SUDEP. L'analisi di EURAP ha trovato che 63% delle donne non ha richiesto i cambiamenti dell'VEA durante la gravidanza. Per le donne responsabili circa gli effetti di AEDs sulla loro gravidanza, una chiara conversazione circa i rischi ed i vantaggi possono andare un modo lungo verso l'alleviazione dei loro timori.

Per il passato parecchi anni, Sanjeev Thomas, capo della neurologia all'istituto di Sree Chitra Tirunal per le scienze mediche e della tecnologia in Thiruvananthapuram, India, si siede con i suoi pazienti femminili prima che diventino incinti per discutere i rischi ed i vantaggi di varie scelte. Ogni donna le annota le preoccupazioni - gli attacchi durante la gravidanza, i rischi di malformazioni - e Thomas parla delle opzioni per minimizzare i rischi mentre massimizzare si avvantaggia. Thomas usa i dati di rischio dalla registrazione di gravidanza del Kerala, che gestisce.

Insieme, oltre 15 - 20 minuti, Thomas ed il suo paziente creano una tabella che mostra i rischi ed i vantaggi ad ogni scelta. Thomas dice che questo approccio - un modulo di processo decisionale comune - non solo donne di guide capisce il migliore trattato, ma egualmente le rende più sicure circa le loro gravidanze e la loro salubrità.

Quando ho usato per fornire tutte questi informazioni al paziente in una conversazione, l'estremità mi esaminerebbero e dire, 'curare, conoscete il meglio; decidete prego e seguiremo che cosa dite. Quello significa che non hanno capito nulla. Ora, con la tabella di rischio, quel genere di risposta è diminuito. Penso che possano afferrare le informazioni e prendere la loro propria decisione.

Sanjeev Thomas, capo di neurologia all'istituto di Sree Chitra Tirunal per le scienze mediche e di tecnologia in Thiruvananthapuram, India

Fornisca la riassicurazione

Le tabelle del rischio di Thomas non solo forniscono le informazioni, ma anche un modulo di riassicurazione. Le donne con l'epilessia possono essere rassicurate che il loro viaggio non è drasticamente differente che quello della maggior parte delle altre donne incinte, Pennell ha detto.

A tal fine, ha detto Meador, “dobbiamo stare attenti a non presentare tutti i rischi e risultati potenzialmente negativi„ senza riassicurazione, ha detto. “In tutta la prima gravidanza particolarmente, le donne sono ansiose e se hanno almeno epilessia che l'ansia è raddoppiata. Poiché la gente con l'epilessia egualmente tende ad avere ansia pure, è così importante fornire la riassicurazione.„