Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I modi tradizionali dell'apprendimento dell'anatomia rimangono superiori che i modelli virtuali e misti della realtà

Uno studio dalla McMaster University ha indicato che i modi tradizionali dell'apprendimento dell'anatomia rimangono superiori a quelli che contano sui media digitali.

La ricerca suggerisce che la realtà virtuale (VR) e la realtà mista (MR) siano inferiori ai modelli dell'apprendimento fisici tradizionali e presenta gli svantaggi importanti nel costo e nella funzionalità.

I risultati egualmente supportano il ruolo fondamentale della visione stereoscopica - la capacità di percepire profondità facendo uso della visualizzazione leggermente diversa da ogni occhio - nell'apprendimento efficiente dell'anatomia.

I risultati di studio sono stati pubblicati oggi nella formazione anatomica di scienze del giornale.

Queste più nuove tecnologie promettono di fornire il linguaggio figurato dinamico e vivo che l'utente può interagire con per un attivo e un'esperienza di apprendimento a ritmo individuale, senza dovere entrare in un laboratorio dell'anatomia. Sorprendente, la prova per questo vantaggio evidente sopra il materiale didattico tradizionale è insufficiente.„

Bruce Wainman, primo autore e Direttore del programma educativo in anatomia a McMaster

Lo studio sull'anatomia umana ha compreso tradizionalmente la dissezione cadaverica e la visualizzazione dei prosections, delle illustrazioni, delle fotografie e dei modelli fisici dell'anatomia.

Gli avanzamenti rapidi in tecnologie informatiche piombo a molti moduli differenti delle simulazioni anatomiche digitali destinate per completare e perfino sostituire, il materiale didattico tradizionale, ha detto Wainman.

Lo studio di McMaster ha confrontato un SIG. il modello (Microsoft HoloLens) e un modello di VR (HTC VIVE) derivato da un modello fisico al modello reale. I ricercatori hanno messo a fuoco sulla prestazione d'apprendimento globale e sugli effetti dello stereopsis usando una strategia dove l'occhio non dominante è stato coperto in una condizione di prova.

I gruppi di 20 studenti universitari a McMaster senza addestramento anatomico priore hanno imparato l'anatomia pelvica in sette circostanze: modello fisico con e senza visione stereo; SIG. con e senza visione stereo; VR con e senza visione stereo e visualizzazioni chiave su un video del computer. Tutti sono stati provati con un bacino umano reale e i 15 punto, prova del riconoscimento di breve risposta. Agli studenti non sono stati permessi toccare c'è ne dei modelli fisici.

I risultati hanno indicato che, confrontato alle visualizzazioni chiave su un video del computer, il modello fisico ha avuto un aumento di 70 per cento nell'accuratezza; il VR un aumento di 25 per cento ed il SIG. un vantaggio non significativo di 2,5 per cento.

“A fine giornata, c'era poco vantaggio all'apprendimento dalla realtà virtuale o mista confrontata ad una foto su pezzo di carta ed erano molto peggiori di un modello solido,„ ha detto Wainman.

“Abbiamo trovato che quello quando avete portato via la visione stereo dalla cuffia avricolare di realtà virtuale collaudata, era ancora peggiore dell'imparando da pezzo di carta. I promotori di questa tecnologia dicono spesso che è un modo superiore imparare, ma la nostra ricerca mostra che non è vera.„

Il normanno di Geoff, il co-author del documento ed il professore emerito dei metodi, della prova e dell'impatto della ricerca di salubrità a McMaster ha passare i 20 anni scorsi messi a fuoco sulla ricerca educativa, compreso l'ultima decade che lavora con Wainman sui best practice anatomici di formazione.

“Ci sono reclami circa realtà virtuale che è migliore, ma d'altra parte trovate che non è solo peggiore, ma significativamente peggio e molto peggiore per i segmenti della popolazione che hanno sfide già con la loro visione stereoscopica,„ ha detto il normanno.

“Incoraggiamo la ricerca più quantitativa in questa area più ulteriormente a valutare i sistemi di realtà virtuale e misti prima dell'entrata in vigore nei programmi educativi anatomici.„

Prima della prova primaria, i 40 studenti universitari da McMaster sono stati reclutati per ottenere i dati qualitativi per quanto riguarda l'ambiente ottimale per i modelli di VR e del SIG.

“Quando abbiamo esaminato la gente circa quanto tempo erano disposte ad impararli in quanto l'ambiente virtuale, nessuno ha indicato potevano imparare per più di 30 minuti,„ ha detto Wainman. “Nel frattempo, abbiamo studenti che studiano nelle ore al giorno dei laboratori sei o sette dell'anatomia che esaminano il materiale umano.

“Non stiamo pensando alla tecnologia così tanto poichè che cosa è il migliore modo imparare. Vogliamo la tecnologia essere nel servizio di formazione e non l'altro modo intorno.„