Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il tempo dello schermo ha potuto cominciare nell'infanzia, dice lo studio di NIH

I bambini al giorno d'oggi potrebbero rischiare la loro salubrità inerente allo sviluppo tramite l'eccessiva esposizione a tempo dello schermo. Il tempo medio che i bambini fissano alla casella di idiota, o altri videi, compreso un computer o un dispositivo mobile, era quasi un'ora al giorno a 12 mesi dell'età, aumentanti oltre a 150 minuti (2,5 ore) dall'età di 3 anni. Due studi separati pubblicati nella pediatria di JAMA del giornale indicano che i bambini al più grande rischio di alto tempo d'osservazione dello schermo nascono quel alle nuove madri, o nell'assistenza all'infanzia gli impianti si allontanano da una casa.

La ricerca disponibile indica che c'è una possibilità dello sviluppo e della salubrità alterati di infanzia con eccessivo tempo dello schermo. Di conseguenza, l'organizzazione mondiale della sanità (WHO) ha suggerito che quel tempo dello schermo fosse limitato durante gli anni prescolari, a 1 ora o a di meno al giorno e quello anche, soltanto programmi di alta qualità.

Secondo l'accademia americana delle linee guida della pediatria, il tempo digitale dello schermo è evitato il più bene prima che un bambino sia almeno 1,5 anni. La prima introduzione dovrebbe essere nei brevi segmenti, fra 1,5 e 2 anni. Dopo questa età e finché il bambino non giri 5 circa, solo un'ora di tempo dello schermo dovrebbe concedersi.

Credito di immagine: Troyan/Shutterstock
Credito di immagine: Troyan/Shutterstock

Lo studio

I dati per il primo studio sono stati catturati Upstate dallo studio dei CAPRETTI, un database creato per continuare i bambini sopportati dopo che i loro genitori sono stati curati per la sterilità. Tutti i bambini nascevano nello stato di New York durante gli anni 2008-2010. Dopo compilando di base demografico dato, facendo uso delle registrazioni e di altra di nascita moduli di indagine, i ricercatori hanno chiesto alle madri riguardo alla quantità di tempo che dello schermo i loro bambini hanno avuti all'età di 1, 1,5, 2, 2,5 e 3 anni e poi a 7 e 8 anni.

I bambini sono stati divisi in 2 gruppi basati sull'aumento età-dipendente nel tempo quotidiano dello schermo di media dall'età di 1 - 3 anni.

Nel secondo studio, le madri hanno riferito sul momento dello schermo per i loro bambini, comprendente quasi 4.000 bambini complessivamente. Circa 1.600 e 2.000 bambini sono stati invecchiati 2 e 3 anni, rispettivamente. L'anno in cui i dati egualmente sono stati registrati perché i media digitali sono diventato onnipresenti appena in alcuni anni, creante un cambiamento significativo nei bambini di modo ha accesso a queste unità.

I risultati

Il primo studio

Nel primo gruppo che ha composto 73%, l'aumento era circa 51 minuto, in media, con i bambini definitivo che finiscono con 1 ora 47 minuti di tempo dello schermo un il giorno. I bambini dei genitori più istruiti hanno teso ad essere in questo gruppo. Le ragazze erano egualmente un poco più probabili essere in questo gruppo.

Nel secondo gruppo, composto di circa 27% dei bambini, il pendio era molto più ripido, da un'iniziale 37 minuti a circa 4 ore al giorno. I bambini delle madri principianti erano più probabili essere in questo gruppo.

Un diagramma di percentile riguardo a tempo dello schermo indica che i bambini nell'più alto percentile erano due volte più probabili essere quelli di cui i genitori hanno avuti un livello più basso di formazione, fino alla graduazione di High School o al suo equivalente. I gemelli erano egualmente più probabili essere in questo gruppo confrontato agli unici nati. In entrambi gli studi, bambini piccoli che si sono preoccupati per a casa avuto, purtroppo, più due volte tanto un rischio di tempo di sorveglianza dell'alto schermo, indipendentemente dal guardiano reale - parent, il parente o babysitter. Ciò può essere perché più unità dello schermo sono disponibili a casa.

Il secondo studio

All'età di 2 anni, il tempo dello schermo era probabile essere quasi tre volte al di sopra delle linee guida se la madre guardasse l'eccessiva televisione o altri media digitali e circa 70% aumentasse il rischio con cure domiciliari. All'età di 3, il tempo materno dello schermo era il solo fattore pertinente.

Tuttavia, 80% dei bambini di 2 anni e 95% dei bambini di 3 anni stavano guardando troppa televisione o altri simili media. In generale, 87% dei bambini ha avuto tempi dello schermo al di sopra delle durate raccomandate - finché non girassero 7 o 8 anni. A questo punto il tempo di sorveglianza dello schermo totale è caduto a meno di 1,5 ore al giorno, probabilmente perché avevano unito il banco per allora e non hanno avuti tan tempo per i media digitali.

Implicazioni

Il ricercatore Edwina Yeung dice, “i nostri risultati indicano che le abitudini dello schermo cominciano presto. Gli interventi per diminuire il tempo dello schermo potrebbero avere una migliore possibilità di successo se introdotti presto.„ Tali interventi devono considerare le abitudini disorveglianza del resto della famiglia, come indicato dal forte legame con tempo materno dello schermo in uno studio.

Molte decisioni dovranno essere prese insieme all'interno della famiglia, compreso come, dove e quando di tale uso di media, installando le buone abitudini per sonno e l'esercizio fisico ed introducendo altri mezzi di ricreazione e di interazioni che massimizzano le opportunità interpersonali.

Journal reference:

Trinh M, Sundaram R, Robinson SL, et al. Association of Trajectory and Covariates of Children’s Screen Media Time. JAMA Pediatr. Published online November 25, 2019. doi: https://doi.org/10.1001/jamapediatrics.2019.4488

Dr. Liji Thomas

Written by

Dr. Liji Thomas

Dr. Liji Thomas is an OB-GYN, who graduated from the Government Medical College, University of Calicut, Kerala, in 2001. Liji practiced as a full-time consultant in obstetrics/gynecology in a private hospital for a few years following her graduation. She has counseled hundreds of patients facing issues from pregnancy-related problems and infertility, and has been in charge of over 2,000 deliveries, striving always to achieve a normal delivery rather than operative.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Thomas, Liji. (2019, November 25). Il tempo dello schermo ha potuto cominciare nell'infanzia, dice lo studio di NIH. News-Medical. Retrieved on November 24, 2020 from https://www.news-medical.net/news/20191125/Screen-time-could-be-starting-in-infancy-says-NIH-study.aspx.

  • MLA

    Thomas, Liji. "Il tempo dello schermo ha potuto cominciare nell'infanzia, dice lo studio di NIH". News-Medical. 24 November 2020. <https://www.news-medical.net/news/20191125/Screen-time-could-be-starting-in-infancy-says-NIH-study.aspx>.

  • Chicago

    Thomas, Liji. "Il tempo dello schermo ha potuto cominciare nell'infanzia, dice lo studio di NIH". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20191125/Screen-time-could-be-starting-in-infancy-says-NIH-study.aspx. (accessed November 24, 2020).

  • Harvard

    Thomas, Liji. 2019. Il tempo dello schermo ha potuto cominciare nell'infanzia, dice lo studio di NIH. News-Medical, viewed 24 November 2020, https://www.news-medical.net/news/20191125/Screen-time-could-be-starting-in-infancy-says-NIH-study.aspx.