Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

MRI rivela i segni di lesione cerebrale fra gli adolescenti obesi

La rappresentazione biomedica dei cervelli degli adolescenti obesi ha rivelato i segni di danno che possono essere collegati con infiammazione nel sistema nervoso, secondo la nuova ricerca.

MRICredito di immagine: Zaiets romano/Shutterstock.com

L'individuazione viene da uno studio dovuto essere presentato la settimana prossima alla riunione annuale della società radiologica dell'America settentrionale.

L'obesità fra i bambini e gli adolescenti è un problema grave

La percentuale di bambini ed adolescenti influenzati dall'obesità negli Stati Uniti rappresenta una preoccupazione importante di salute pubblica.

Secondo il centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), la percentuale dei bambini e gli adolescenti che sono obesi ha aumentato più triplo dagli anni 70.

Un centro nazionale di CDC per il rapporto di statistica della sanità ha stimato che la prevalenza dell'obesità fra i giovani negli Stati Uniti fosse 18,5% fra 2015 e 2016.

La prevalenza dell'obesità fra gli adolescenti (invecchiati 12 - 19 anni) e gli scolari (invecchiati 6 - 11 anno) era superiore era fra i bambini della scuola materna (invecchiati 2 - 5 anni), a 20,6%, a 18,4% e a 13,9%, rispettivamente.

Secondo i dati dall'organizzazione mondiale della sanità, il numero degli infanti obesi o di peso eccessivo e dei bambini (di cinque anni o più giovani) universalmente è aumentato nel 2016 da 32 milioni nel 1990 a 41 milione.

Facendo uso di MRI per valutare la salubrità della materia bianca nel cervello

La ricerca recentemente ha suggerito che l'obesità causasse l'infiammazione nel sistema nervoso (neuroinflammation) che potrebbe danneggiare le aree importanti del cervello.

Gli avanzamenti nell'imaging a risonanza magnetica (MRI) quale la rappresentazione del tensore della diffusione (DTI) hanno permesso ai ricercatori di studiare direttamente questo danno. DTI è una tecnica di rappresentazione che gli scienziati possono usare per tenere la carreggiata l'acqua mentre si diffonde lungo i tratti diconduzione della materia bianca nel cervello.

Per lo studio corrente, lo scienziato biomedico Pamela Bertolazzi dall'università di São Paulo nel Brasile ed i colleghi hanno usato DTI per studiare la materia bianca nei cervelli di 59 adolescenti (invecchiati 12 - 16 anni) con gli adolescenti normale-peso di 61 e dell'obesità nello stesso intervallo di età.

Il gruppo ha derivato una misura dall'anisotropia frazionaria chiamata DTI (FA), che ha correlato con la salubrità della materia bianca: diminuito (FA) è un indicatore di danneggiamento aumentante della materia bianca.

Il cervello cambia in adolescenti obesi relativi alle regioni importanti del cervello

Sul paragone dei risultati di DTI, Bertolazzi ed il gruppo hanno trovato che gli adolescenti obesi avevano diminuito i valori di FA nelle aree del corpo calloso, un gruppo di fibre nervose che connettono gli emisferi destri e sinistri del cervello. I valori di FA egualmente sono stati diminuiti nella circonvoluzione orbitofrontal media, in una parte del cervello in questione nel controllo emozionale e nel circuito della ricompensa. Nessuno degli adolescenti obesi avevano aumentato i valori di FA in tutta la regione di loro cervelli.

I cambiamenti del cervello trovati in adolescenti obesi si sono riferiti alle regioni importanti responsabili di controllo di appetito, di emozioni e delle funzioni conoscitive,„

Pamela Bertolazzi, università di São Paulo nel Brasile

I cambiamenti del cervello egualmente si sono riferiti agli ormoni importanti

Questo reticolo di danneggiamento della materia bianca è stato correlato con la leptina infiammatoria dell'indicatore, un ormone prodotto dalle celle grasse che è compreso nel regolamento delle memorie e dei livelli energetici grassi.

A volte, nei casi dell'obesità, il cervello non risponde come sempre alla leptina, che induce la persona a continuare mangiare anche se hanno abbastanza o più abbastanza grasso memorizzato. Questa circostanza, che si riferisce a come resistenza di leptina, induce le celle grasse a fare eppure più leptina.

Il reticolo della materia bianca di danno egualmente ha correlato con i livelli di insulina, l'ormone fatto dal pancreas che contribuisce a gestire i livelli del glucosio di sangue. Le persone obese hanno spesso insulino-resistenza, uno stato dove l'organismo più non risponde agli effetti dell'ormone.

“Le nostre mappe hanno mostrato una correlazione positiva fra i cambiamenti del cervello ed ormoni quali la leptina e l'insulina,„ dice Bertolazzi. “Ancora, abbiamo trovato un'associazione positiva con gli indicatori infiammatori, che piombo noi credere in un trattamento del neuroinflammation oltre alla resistenza di leptina e dell'insulina.„

Bertolazzi dice che ulteriori studi sono necessari stabilire se questa infiammazione in giovani obesi derivi dai mutamenti strutturali nel cervello.

“In futuro, vorremmo ripetere la risonanza magnetica cerebrale in questi adolescenti dopo che il trattamento multi-professionale affinchè la perdita di peso la valutiamo se i cambiamenti del cervello sono reversibili o non,„ aggiungiamo.

Sally Robertson

Written by

Sally Robertson

Sally has a Bachelor's Degree in Biomedical Sciences (B.Sc.). She is a specialist in reviewing and summarising the latest findings across all areas of medicine covered in major, high-impact, world-leading international medical journals, international press conferences and bulletins from governmental agencies and regulatory bodies. At News-Medical, Sally generates daily news features, life science articles and interview coverage.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Robertson, Sally. (2019, November 25). MRI rivela i segni di lesione cerebrale fra gli adolescenti obesi. News-Medical. Retrieved on November 25, 2020 from https://www.news-medical.net/news/20191125/MRI-reveals-signs-of-brain-damage-among-obese-adolescents.aspx.

  • MLA

    Robertson, Sally. "MRI rivela i segni di lesione cerebrale fra gli adolescenti obesi". News-Medical. 25 November 2020. <https://www.news-medical.net/news/20191125/MRI-reveals-signs-of-brain-damage-among-obese-adolescents.aspx>.

  • Chicago

    Robertson, Sally. "MRI rivela i segni di lesione cerebrale fra gli adolescenti obesi". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20191125/MRI-reveals-signs-of-brain-damage-among-obese-adolescents.aspx. (accessed November 25, 2020).

  • Harvard

    Robertson, Sally. 2019. MRI rivela i segni di lesione cerebrale fra gli adolescenti obesi. News-Medical, viewed 25 November 2020, https://www.news-medical.net/news/20191125/MRI-reveals-signs-of-brain-damage-among-obese-adolescents.aspx.