Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La ricerca asserisce la capacità della tecnica del DRS di caratterizzare il tessuto sano e non sano

In un articolo pubblicato nel giornale pari-esaminato della pubblicazione di SPIE dell'ottica biomedica (JBO), “influenza di chemioterapia neoadjuvant sugli spettri di riflessione diffusa del tessuto negli esemplari della chirurgia del petto,„ la ricerca osservata attraverso 92 ex vivo esemplari del petto suggerisce che ci sia piccolo a nessun impatto sulle impronte ottiche del tessuto del petto dopo la chemioterapia neoadjuvant.

I risultati dello studio, in cui le misure della spettroscopia di riflessione (DRS) diffusa sono state realizzate su 92 ex vivo esemplari del petto da 92 pazienti curati con e senza la chemioterapia neoadjuvant, indicano che il contrasto fra il tessuto sano ed il tessuto del tumore non è alterato dovuto la chemioterapia neoadjuvant, suggerente che le stesse caratteristiche spettrali di riflessione possano essere usate per l'indipendente di orientamento del margine del tumore dallo stato della chemioterapia del paziente.

Poiché il tessuto del tumore e sano può essere discriminato prontamente, valutazione del tumore-margine da DRS -- quale può discriminare i tipi differenti del tessuto basati sulle caratteristiche ottiche -- diventa una considerazione fattibile durante l'ambulatorio diconservazione, anche se il paziente ha ricevuto la chemioterapia neoadjuvant prima di chirurgia, una procedura che è diventato ordinaria. Lo scopo finale dell'applicazione della intra-chirurgia di DRS permetterebbe che il chirurgo valuti il tessuto mentre eseguiva la resezione dei tumori per assicurarsi che il margine di resezione fosse chiaro del tessuto del tumore.

Secondo il redattore capo di JBO, il collega di SPIE e professore di MacLean di assistenza tecnica al banco di Thayer di assistenza tecnica all'istituto universitario di Dartmouth, a New Hampshire, a Brian W. Pogue, al documento ed ai sui risultati sono notabile dovuto il grande numero di campioni clinici analizzati e la pertinenza conseguente con valutazione dei cambiamenti neoadjuvant della chemioterapia.

Mentre una quantità significativa di lavoro è stata fatta che definisce le caratteristiche spettrali dei tumori del cancro al seno e che indica che questa può essere usata per orientamento, questo è uno dei primi tentativi di esaminare i tumori che seguono la chemioterapia neoadjuvant pure. I risultati indicano che le impronte non sembrano cambiare ed in modo dallo stato del paziente non confonderebbe la rappresentazione spettrale per contribuire a definire il margine di lumpectomy.„

Source:
Journal reference:

de Boer, L.L., et al. (2019) Influence of neoadjuvant chemotherapy on diffuse reflectance spectra of tissue in breast surgery specimens. Journal of Biomedical Optics. doi.org/10.1117/1.JBO.24.11.115004.