Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Arrayjet assicura il nuovo contratto per fornire SciLifeLab la tecnologia di microarray per la ricerca di proteomics

Arrayjet, alla la società basata a scozzese di strumentazione di microarray, ha assicurato un contratto GBP250,000 per fornire lo SciLifeLab svedese - il hub nazionale per scienze biologiche molecolari in Svezia - la tecnologia di microarray per fornire ulteriori informazioni analitiche per la mappatura dell'atlante umano della proteina.

Arrayjet assicura il nuovo contratto per fornire SciLifeLab la tecnologia di microarray per la ricerca di proteomics
Tecnologia di microarray di Arrayjet che ora è utilizzata ampiamente usata nei laboratori di ricerca attraverso il globo

SciLifeLab è un hub nazionale per le scienze biologiche molecolari in Svezia, creato da quattro università a Stoccolma ed Upsala: Università di Stoccolma, Karolinska Institutet, istituto di tecnologia di KTH ed università reali di Upsala. SciLifeLab userà la maratona eccellente per convalidare l'analisi di bio- molecole quali le proteine, che sono esposte alle centinaia di termini sperimentali su un singolo chip facendo uso di immagine all'infrarosso.

Uno dei ruoli chiave per SciLifeLab è di supportare la comunità di ricerca svedese consentendo l'accesso a strumentazione dell'avanguardia ed a competenza scientifica. Ciò è raggiunta tramite dieci piattaforme dell'infrastruttura con quasi 40 impianti di ricerca, di supporto vicino oltre 150 gruppi di ricerca e le reti di collaborazione, ospitati dalle università svedesi multiple.

Arrayjet inizialmente ha fornito la strumentazione di microarray a KTH nove anni fa che sono stati usati estesamente per produzione delle schiere che sono state utilizzate per la convalida di decine di migliaia di anticorpi all'interno di HPA e per molti progetti all'interno dell'autoimmunità che profila la funzione. Con gli avanzamenti nella tecnologia e nella domanda di un più ad alta densità delle proteine e il più alta capacità di lavorazione dei campioni la maratona recentemente installata di Arrayjet a SciLifeLab fornisce i mezzi per migliorare significativamente non solo la capacità di lavorazione ma anche la robustezza.

L'autoimmunità di SciLifeLab che profila la funzione, ospitata da KTH, userà la strumentazione di Arrayjet insieme a migliaia di frammenti della proteina prodotti dall'atlante umano della proteina per generare i microarrays ad alta densità della proteina per il delineamento dei repertori degli autoanticorpo nei biofluids e la convalida dei reagenti di affinità.

Iain McWilliam, CEO, osservazioni di Arrayjet:

SciLifeLab sta spingendo i limiti della nostra comprensione nello sviluppo e le complessità del proteome e dell'me umani sono contentissime che Arrayjet sta contribuendo ad avanzare quello che capisce, dando ai ricercatori i mezzi con la nostra strumentazione.„

La grande risorsa in reagenti di affinità che alimentano gli impianti di affinità-proteomics a SciLifeLab rintraccia la sua origine di nuovo all'atlante umano della proteina. La creazione dell'atlante umano della proteina ha cominciato indietro nel 2003 allo scopo mappare tutte le proteine umane in celle, tessuti ed organi, facendo uso dell'integrazione di varie tecnologie compreso a biologia basata anti organismo della rappresentazione, di transcriptomics, di proteomics e di sistemi.

Oggi l'atlante comprende sei sotto-atlanti che mappano la posizione oltre di 17.000 proteine e del loro impatto nel cancro, la presenza nel sangue ed in cervello ed il contesto nelle vie metaboliche. Tutti i dati nell'atlante sono forniti come risorsa di conoscenza di accesso aperto per gli scienziati dentro nell'accademia e nell'industria egualmente.

Corrente le schiere sono generate con 42.000 frammenti umani differenti della proteina che rappresentano più di 18.000 geni umani unici di codifica della proteina, permettendo a SciLifeLab di offrire la selezione proteome di ampiezza per la reattività degli autoanticorpo sui grandi microarrays, facendo uso della maratona eccellente di Arrayjet per permettere alla stampa più efficiente e più accurata nelle condizioni ambientali altamente controllate.

Source: