Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Prova che confronta tre droghe per lo status epilepticus

Lo status epilepticus è una circostanza che è caratterizzata dagli attacchi ripetuti ed è un'emergenza medica. Il trattamento è solitamente con una benzodiazepina quali diazepam o Lorazepam ecc. Ci sono stati non alcuni studi che esaminano il vantaggio comparativo dei medicinali che potrebbero essere prescritti per coloro che non risponde alle benzodiazepine. Lo studio nominato, “una prova ripartita con scelta casuale di tre farmaci dell'anticonvulsivo per lo status epilepticus,„ è stato pubblicato nell'ultima edizione del giornale New England Journal di medicina.

Credito di immagine: Kateryna Kon/Shutterstock
Credito di immagine: Kateryna Kon/Shutterstock

Gli autori dello studio hanno scritto che il trattamento di iniziale dello status epilepticus dovrebbe essere con le benzodiazepine, tuttavia, “gli attacchi non rispondono alle benzodiazepine fino ad un terzo dei pazienti.„ hanno aggiunto che tre droghe sono utilizzate in questi casi - levetiracetam, fosfenitoina e valproate, ma di questi tre, solo la fosfenitoina è approvata da Food and Drug Administration (FDA) da utilizzare in questi casi in adulti e nessun droghe sono stati approvati per i bambini con lo status epilepticus refrattario. L'esigenza della chiusura degli attacchi comprende la diminuzione “nel rischio di complicazioni cardiache e respiratorie„, “rischio di ammissione ad un'unità di cure intensive (ICU)„ e “la mortalità fra i bambini„. Hanno aggiunto che gli studi rivelano che lo status epilepticus se non gestito potrebbe piombo a perdita ed al trauma cranico di un neurone come è stato veduto in entrambi gli studi sugli animali ed in esseri umani. Così è di capitale importanza per gestire rapido gli attacchi in status epilepticus benzodiazepina-refrattario. Tutti hanno detto, nessuna droga sono stati descritti nelle linee guida per questi casi hanno scritto i ricercatori.

Crea Jaideep Kapur, professore all'università di Virginia, in primo luogo creano altri ricercatori dal NETT e lo studio di PECARN ha spiegato che questa era una prova ripartita con scelta casuale dove hanno confrontato l'efficacia di tre droghe utilizzate in pazienti dello status epilepticus che non rispondono alle benzodiazepine. Questi comprendono il levetiracetam, la fosfenitoina e l'uso del valproate in bambini ed in adulti. Hanno controllato se i pazienti dati l'una o l'altra di queste tre droghe riacquistassero la coscienza in 60 minuti dopo avere iniziato l'infusione della droga senza la necessità per altri farmaci di gestire gli attacchi. Egualmente hanno esaminato la sicurezza dei farmaci per vedere se le droghe e la terapia piombo alle complicazioni quali ipotensione pericolosa, le anomalie cardiache del ritmo, la ricorrenza di attacco, l'esigenza di intubazione endotracheale o la morte.

Per lo studio il gruppo ha incluso 384 pazienti che sono stati classificati a caso in tre gruppi. Complessivamente 145 hanno ricevuto il levetiracetam, la fosfenitoina ricevuta 118 e la terapia del valproate ricevuta 121. Una casualizzazione necessaria secondo episodio ancora per 16 pazienti, ha scritto i ricercatori. Hanno scritto che 10 per cento di tutti i pazienti hanno avuti attacchi psicogeni. La prova è stata interrotta se i pazienti non rispondessero ed il paziente fosse cura adeguata fornita per farle rivivere.

I risultati finali hanno mostrato quello fra 68 o 47 per cento di ricezione del levetiracetam i 145, della coscienza riacquistata in 60 minuti dell'amministrazione del farmaco. Il momento per il riacquisto della coscienza ha variato fra 39 - 55 minuti. Fra i 118 pazienti sulla fosfenitoina, 53 (45 per cento) e fra 121 il valproate di ricezione 56 (46 per cento) hanno riacquistato la coscienza in 60 minuti rispettivamente. Gli autori hanno scritto rispettivamente che la probabilità che ogni droga era più efficace era “0,41, 0,24 e 0,35,„.

Parlando sulla sicurezza delle droghe, hanno scritto quell'ipotensione e l'esigenza di intubazione è stata veduta la maggior parte con la fosfenitoina. Le morti sono state vedute il più su nei numeri con levetiracetam. Tuttavia questi numeri non erano statisticamente significativi.

Il gruppo ha scritto, “status epilepticus fermato in circa 50% dei pazienti in ogni gruppo del trattamento.„ Hanno detto che ha stato un'analisi del meta che esamina 22 studi differenti con uno dei tre anti--epileptics che hanno confrontato. Questi studi hanno mostrato che il controllo di attacco è stato raggiunto nei pazienti di 68,5 per cento su levetiracetam, i pazienti di 75,7 per cento con valproate e 50,2 pazienti con fenitoina. I numeri con levetiracetam e valporate erano superiori allo studio presente che hanno scritto.

I ricercatori hanno concluso che ciascuna delle tre droghe nel contesto dello status epilepticus convulsivo benzodiazepina-refrattario “piombo a cessazione di attacco ed ha migliorato la vigilanza entro 60 minuti a metà approssimativamente dei pazienti e le tre droghe sono state associate con le simili incidenze degli eventi avversi.„

Alcune delle limitazioni degli studi hanno compreso l'esigenza dell'aggiunta della seconda droga in alcuni pazienti che non hanno risposto adeguatamente alla prima droga. Ciò era fatto dovuto le ragioni etiche. Egualmente 10 per cento dei pazienti hanno avuti attacchi nonepileptic psicogeni. Questi pazienti hanno dovuto escludersi dalla popolazione iniziale di studio. Per confermare che non stavano avendo un attacco epilettico, l'elettroencefalogramma o l'elettroencefalogramma ha dovuto essere usato. Avanzi in 52 pazienti là era sonnolenza o sonnolenza residua 60 minuti dopo amministrazione della droga. La dose delle droghe era risoluta dalla ricerca pubblicata e gli autori hanno scritto che altre dosi elevate potrebbero sollevare l'efficacia delle droghe.

Lo studio è stato costituito un fondo per dall'istituto nazionale dei disordini neurologici e dal colpo (NINDS) che fa parte degli istituti della sanità nazionali (NIH). Robin Conwit, Direttore di programma di NINDS ed uno degli autori hanno detto in un'istruzione, “medici possono essere sicuri che il trattamento che particolare scelgono per i loro pazienti con lo status epilepticus è sicuro ed efficace e possono aiutarli per evitare il intubate di bisogno il paziente come pure i soggiorni nell'unità di cure intensive. Ciò era uno studio vero di collaborazione e pluridisciplinare che ha fatto partecipare i pediatri, medici della medicina di emergenza, i neurologi, i farmacologi ed i biostatisticians tutti che contribuiscono la loro competenza.„

“Il nostro studio suggerisce che i risultati clinici siano determinati dai fattori all'infuori delle droghe. Le differenze in come medici decidono di trattare lo status epilepticus, come quando danno più droghe o in quando anestetizzare i pazienti e metterli su un ventilatore meccanico, possono essere più importanti delle terapie specifiche applicate per gestire gli attacchi in pazienti,„ Dott. aggiunto Robert Silbergleit, professore all'università del Michigan, che piombo lo studio.

Source:

NIH study finds anti-seizure drugs equally effective - https://www.healtheuropa.eu/nih-study-anti-seizure-drugs-for-epilepsy/95318/

Journal reference:

Randomized Trial of Three Anticonvulsant Medications for Status Epilepticus, Jaideep Kapur, M.B., B.S., Ph.D., Jordan Elm, Ph.D., James M. Chamberlain, M.D., William Barsan, M.D., James Cloyd, Pharm.D., Daniel Lowenstein, M.D., Shlomo Shinnar, M.D., Ph.D., Robin Conwit, M.D., Caitlyn Meinzer, Ph.D., Hannah Cock, M.D., Nathan Fountain, M.D., Jason T. Connor, Ph.D., et al., for the NETT and PECARN Investigators, N Engl J Med 2019; 381:2103-2113, DOI: 10.1056/NEJMoa1905795, https://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJMoa1905795

Dr. Ananya Mandal

Written by

Dr. Ananya Mandal

Dr. Ananya Mandal is a doctor by profession, lecturer by vocation and a medical writer by passion. She specialized in Clinical Pharmacology after her bachelor's (MBBS). For her, health communication is not just writing complicated reviews for professionals but making medical knowledge understandable and available to the general public as well.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Mandal, Ananya. (2019, December 01). Prova che confronta tre droghe per lo status epilepticus. News-Medical. Retrieved on September 29, 2020 from https://www.news-medical.net/news/20191201/Trial-comparing-three-drugs-for-status-epilepticus.aspx.

  • MLA

    Mandal, Ananya. "Prova che confronta tre droghe per lo status epilepticus". News-Medical. 29 September 2020. <https://www.news-medical.net/news/20191201/Trial-comparing-three-drugs-for-status-epilepticus.aspx>.

  • Chicago

    Mandal, Ananya. "Prova che confronta tre droghe per lo status epilepticus". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20191201/Trial-comparing-three-drugs-for-status-epilepticus.aspx. (accessed September 29, 2020).

  • Harvard

    Mandal, Ananya. 2019. Prova che confronta tre droghe per lo status epilepticus. News-Medical, viewed 29 September 2020, https://www.news-medical.net/news/20191201/Trial-comparing-three-drugs-for-status-epilepticus.aspx.