Il ricevitore del cervello che regolamenta la temperatura corporea può anche essere il tasto a perdita di peso rapida

Il meccanismo del cervello che ci permette di mantenere una temperatura corporea costante può anche essere il tasto a perdita di peso rapida, ritrovamenti nuovi di uno studio. Negli esperimenti che comprendono i mouse che sono stati dati una dieta caloria-limitata, gli scienziati alla ricerca di Scripps hanno scoperto che quella didascalia un ricevitore del cervello che regolamenta normalmente il calore dell'organismo ha provocato le riduzioni significative del peso.

I risultati più ulteriormente saranno esplorati come approccio potenziale del trattamento per l'obesità, che l'organizzazione mondiale della sanità ha chiamato un'epidemia globale. L'obesità pregiudica virtualmente tutti gli età e gruppi socioeconomici--rischio aumentante per la malattia di cuore, il colpo, il diabete, il cancro e molti altri stati di salute seri.

Il nuovo studio, piombo dal professor Bruno Conti della ricerca di Scripps, PhD, compare nella biologia corrente.

Fino a 50 per cento di cui mangiamo ogni giorno sono usati come energia per mantenere la temperatura corporea. Ma quando l'alimento è insufficiente, i mammiferi si adattano abbassando la loro temperatura, limitando il dispendio energetico e la perdita di peso corporeo.„

Bruno Conti, PhD, professore di ricerca di Scripps

Alcune specie, nota, può entrare in letargo completo. Naturalmente, gli esseri umani non ibernano quando sono su una dieta caloria-limitata, ma avvertono naturalmente una temperatura corporea più bassa appena come altri mammiferi. E quello lo rende più duro perdere il peso quando su una dieta.

“È un meccanismo di base di sopravvivenza,„ Conti dice. “L'organismo sta dicendo: Risparmiamo l'energia oggi e forse troveremo domani l'alimento.„

In una continuazione della loro ricerca più iniziale sulla durata della vita e sull'invecchiamento, Conti ed il suo gruppo hanno studiato i meccanismi cellulari che regolamentano la risposta di raffreddamento dell'organismo alla restrizione di caloria. I dati biologici ottenuti in collaborazione con il laboratorio di ricerca di Scripps di Gary Siuzdak, PhD, hanno suggerito la possibilità che i composti dell'opioide che si presentano naturalmente all'interno dell'organismo potrebbero mediare questi effetti.

Dopo, il gruppo ha provato se bloccare l'attività dei ricevitori dell'opioide avrebbe pregiudicato la temperatura corporea durante la restrizione di caloria. Ha fatto. Egualmente hanno determinato che questo meccanismo è stato regolamentato unicamente da uno dei tre tipi conosciuti del ricevitore dell'opioide: il ricevitore dell'opioide delle kappe. Il senso fatto d'individuazione, come il ricevitore delle kappe è il ricevitore dell'opioide più abbondante nell'ipotalamo, la parte del cervello già conosciuto per svolgere un ruolo sia nella temperatura corporea che nel alimentare di regolamentazione.

Il gruppo di Conti poi si è domandato se bloccando il ricevitore delle kappe, l'organismo continuerebbe a divampare le calorie per regolamentare il calore anche quando l'alimento era limitato. “Abbiamo sviluppato un protocollo sperimentale che avrebbe permesso che noi determiniamo che cambiamenti stavano accadendo come conseguenza della termoregolazione dell'organismo, non dieta,„ dice il Cintron-Colon di Rigo, il PhD, primo autore dello studio.

In una serie di esperimenti, gli scienziati hanno osservato due gruppi di mouse magri che già erano stati sulle diete caloria-limitate per sei settimane. Un gruppo poi è stato curato con una droga per bloccare il ricevitore delle kappe. Il gruppo di controllo si era adattato alla nuova dieta e la perdita di peso plateaued, mentre il gruppo sperimentale ha mostrato il maggior dispendio energetico ed ha perso i 6 per cento supplementare del peso corporeo.

“Quando abbiamo bloccato il ricevitore delle kappe, gli animali non hanno abbassato la loro temperatura durante la restrizione di caloria e non hanno perso più peso corporeo,„ Conti dice.

Risultati simili sono stati ottenuti con i mouse che avevano sviluppato dall'l'obesità indotta da dieta. Il blocco del ricevitore dell'opioide delle kappe durante la restrizione di caloria quasi ha raddoppiato la perdita di peso dell'organismo che gli animali obesi avrebbero subito normalmente se il loro ricevitore fosse funzionale. Tuttavia, quando agli animali sono stati permessi mangiare liberamente, bloccare il ricevitore dell'opioide delle kappe non ha avuto effetti sulla temperatura corporea e non ha alterato la tariffa normale di perdita di peso dell'organismo.

Ciò è importante, Conti dice, poichè ci dice che gli stampi dell'opioide delle kappe sono efficaci in entrambi i mouse magri e mouse obesi, ma che la medicina può pregiudicare il peso corporeo soltanto in animali che stanno essendo a dieta.

I risultati suggeriscono una possibilità che traducendo questi risultati negli esseri umani, un prodotto farmaceutico può potere aiutare coloro che sta lottando per perdere il peso, malgrado la loro aderenza ad una dieta caloria-limitata. Come punto seguente, Conti vorrebbe esplorare se le medicine attuali che sono conosciute per bloccare il ricevitore delle kappe potrebbero essere repurposed e raffinate per trattare sicuro l'obesità.

“Gli strumenti da interagire con questo meccanismo possono già essere disponibili e se sono, possono potere tradurre rapidamente in medicina,„ dice. “Purtroppo, per molta gente che è peso obeso e perdente non è semplice quanto mangiando di meno.„

Source:
Journal reference:

Cintron-Colon, R., et al. (2019) Activation of Kappa Opioid Receptor Regulates the Hypothermic Response to Calorie Restriction and Limits Body Weight Loss. Current Biology. doi.org/10.1016/j.cub.2019.10.027.