Le proteine del sangue hanno potuto contribuire a fornire “un controllo sanitario liquido„ completo in futuro

Le proteine nel nostro sangue potrebbero nella guida futura fornire “un controllo sanitario liquido„ completo, valutare la nostra salubrità e predire la probabilità che noi svilupperà un intervallo delle malattie, secondo la ricerca pubblicata oggi nella medicina della natura.

Programmi della medicina quale il controllo sanitario del servizio nazionale sanitario BRITANNICO e più sano preventivi programmate siete puntati su che migliorate la nostra salubrità e che diminuite il nostro rischio di sviluppare le malattie. Mentre tali strategie sono economiche, redditizie ed evolutive, potrebbero essere rese più efficaci facendo uso di informazioni personali sul rischio della salubrità e della malattia di una persona.

L'aumento e l'applicazione “di grandi dati„ nella sanità, valutanti ed analizzanti dettagliati, gruppi di dati su grande scala lo rende sempre più fattibile fare le previsioni circa i risultati di malattia e di salubrità e permettere agli approcci stratificati alla prevenzione ed alla gestione clinica.

Ora, un gruppo internazionale dei ricercatori dal Regno Unito e U.S.A., lavoranti con la società SomaLogic di Biotech, ha indicato che la misura su grande scala delle proteine in una singola analisi del sangue può fornire le informazioni importanti circa la nostra salubrità e può contribuire a predire un intervallo delle malattie e dei fattori di rischio differenti.

I nostri organismi contengono intorno 30.000 proteine differenti, che sono codificate per dal nostro DNA e regolamentano i trattamenti biologici. Alcune di queste proteine entrano nella circolazione sanguigna dalla secrezione utile per orchestrare i trattamenti biologici nella salubrità o nella malattia, per esempio ormoni, citochine e fattori di crescita. Altri forniscono il sangue con dispersione dalla morte di danno delle cellule e delle cellule. Sia le proteine secernute che disgiunte possono informare il rischio di stato di salute e di malattia.

In uno studio del proof of concept basato su cinque gruppi d'osservazione in quasi 17.000 partecipanti, i ricercatori hanno scandito 5.000 proteine in un campione del plasma prelevato da ogni partecipante. Il plasma è la singola più grande componente di sangue ed è il chiaro liquido che rimane dopo la rimozione dei globuli e delle piastrine rossi e bianchi. Lo studio ha risultato dentro intorno 85 milione obiettivi della proteina che sono misurati.

La tecnica comprende facendo uso dei frammenti di DNA conosciuti come i aptamers che legano alla proteina bersaglio. Soltanto i frammenti specifici legheranno generalmente alle proteine particolari - allo stesso modo che soltanto un tasto specifico andrà d'accordo un blocco particolare. Facendo uso della tecnologia d'ordinamento genetica esistente, i ricercatori possono poi cercare i aptamers e determinare quali proteine sono presenti ed in che concentrazioni.

I ricercatori hanno analizzato i risultati facendo uso dei metodi e delle tecniche di apprendimento automatico statistici per sviluppare i modelli premonitori - per esempio, quello una persona di cui il sangue contiene un determinato reticolo delle proteine è al rischio aumentato di sviluppare il diabete. I modelli hanno riguardato una serie di stati di salubrità, compreso i livelli del grasso del fegato, funzione del rene e grasso viscerale, consumo dell'alcool, attività fisica e comportamento di fumo e per il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 e la malattia cardiovascolare.

L'accuratezza dei modelli ha variato, con alcune alte potenze premonirici di rappresentazione, quale per il grasso corporeo di percentuale, mentre altre hanno avute soltanto potenza prognostica modesta, quale per il rischio cardiovascolare. I ricercatori riferiscono che i loro modelli a base di proteine erano tutti i migliori preannunciatori che i modelli basati sui fattori di rischio tradizionali o costituirebbero le alternative più convenienti e meno più costose alla prova tradizionale.

Molte delle proteine sono collegate ad una serie di stati o stati di salubrità; per esempio, la leptina, che modula l'appetito ed il metabolismo, era informativa per i modelli premonitori del grasso corporeo di percentuale, del grasso viscerale, dell'attività fisica e della forma fisica.

Una differenza fra sequenziamento del genoma ed il cosiddetto “proteomics„ - studiando le proteine di una persona approfondite - è che mentre il genoma è fisso, il proteome cambia col passare del tempo. Potrebbe cambiare mentre una persona diventa più obesa, meno fisicamente attivo o fuma, per esempio, in modo dalle proteine potranno tenere la carreggiata i cambiamenti nello stato di salute di una persona sopra una vita.

Le proteine che circolano nel nostro sangue sono una manifestazione del nostro trucco genetico come pure molti altri fattori, quali i comportamenti o la presenza di malattia, anche se non ancora diagnosticate. Ciò è una delle ragioni per le quali le proteine sono tali buoni indicatori del nostro attuale e stato futuro di salubrità ed hanno il potenziale di migliorare la previsione clinica attraverso le malattie differenti e diverse.„

Dott. Claudia Langenberg, dall'unità di epidemiologia di MRC all'università di Cambridge

“È notevole che i reticoli della proteina del plasma da solo possono rappresentare fedelmente una tal ampia varietà di emissioni di salubrità comuni ed importanti e pensiamo che questa sia appena la punta dell'iceberg,„ abbiamo detto il Dott. Stephen Williams, capo ispettore sanitario di SomaLogic, che piombo lo studio. “Abbiamo più di cento prove nella nostra conduttura di SomaSignal e crediamo che lo scansione su grande scala della proteina abbia il potenziale di trasformarsi in in una sola sorgente di informazioni per le valutazioni individualizzate di salubrità.„

Mentre questo studio mostra un prova-de-principio, i ricercatori dicono che mentre la tecnologia migliora e diventa più accessibile, è fattibile che una valutazione completa di salubrità facendo uso di una batteria dei modelli della proteina derivati da un singolo campione di sangue potrebbe essere offerta come routine dai servizi sanitari.

Questo studio del proof of concept dimostra un nuovo paradigma che la misura delle proteine del sangue può trasmettere esattamente le informazioni di salubrità che misurano attraverso le numerose specialità mediche e che dovrebbero essere perseguibili per i pazienti ed i loro fornitori di cure mediche. Prevedo che in futuro osserviamo indietro questo studio proteomic della medicina della natura come pietra miliare critica nella personalizzazione e così nel miglioramento della cura dei nostri pazienti.„

Peter Ganz, MD, co-dirigenti di questo studio e Maurice Eliaser ha distinto professore di medicina al UCSF e Direttore del centro di eccellenza nella ricerca vascolare al policlinico di Zuckerberg San Francisco ed al centro di trauma

Source:
Journal reference:

Williams, S.A., et al. (2019) Plasma protein patterns as comprehensive indicators of health. Nature Medicine. doi.org/10.1038/s41591-019-0665-2.