Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio esamina il collegamento fra i media sociali e le abittudine alimentare disordinate in giovani adolescenti

La nuova ricerca indica che i media sociali è giovani ragazze adolescenti e ragazzi principali giù un percorso preoccupantesi verso le emissioni di immagine dell'organismo ed i comportamenti di sviluppo di disordine alimentare - anche se sono smartphone di buon senso.

La ricerca australiana, pubblicata nel giornale internazionale dei disordini alimentari (Wiley), piattaforme trovate con un forte fuoco sull'invio di immagine e visualizzazione quali Instagram e Snapchat è più usato ed il più rischioso.

Il Flinders e l'università di ricercatori di Australia occidentale hanno esaminato 996 anni 7 e 8" adolescenti della scuola secondaria„ sul loro uso di Instagram, di Facebook, di Tumblr e di Snapchat.

I comportamenti relativi al cibo disordinato sono stati riferiti da 51,7% delle ragazze e da 45% dei ragazzi, con l'esercizio rigoroso ed il pasto che saltano per perdere il peso o impedire l'obesità che è il più comune.

Complessivamente 75,4% delle ragazze e 69,9% dei ragazzi hanno avuti almeno un conto di media del sociale, con Instagram il più comune. Ciò era malgrado la metà del campione che è più giovane di 13 anni, l'età minima raccomandata per queste piattaforme.

I conti più sociali di media ed il maggior tempo passato facendo uso di loro, sono stati associati con un'più alta probabilità dei pensieri disordinati del cibo ed i comportamenti, dice il Dott. Simon Wilksch, un ricercatore senior dell'autore principale in psicologia alla Flinders University.

Lo studio è creduto per essere il primo per esaminare la relazione fra le piattaforme sociali specifiche di media e le abittudine alimentare ed i pensieri disordinati in giovani adolescenti.

Il Dott. Wilksch ritiene che i risultati siano fonte di preoccupazioni.

Una componente chiave di impedire i disordini alimentari è di dare il messaggio che la nostra autostima dovrebbe essere definita da una miscela delle nostri abilità, valori e relazioni. I media sociali sembra incoraggiare i giovani a mettere a fuoco forte sul loro aspetto e sul modo che è giudicato o che percepito da altri.„

Dott. Simon Wilksch

“Per trovare queste chiare associazioni fra il cibo disordinato e l'uso sociale di media in giovani ragazze adolescenti ed i ragazzi suggerisce che molto più debba essere fatto per aumentare l'elasticità in giovani per essere incastrato meno avversamente dalle pressioni sociali di media,„ dice il Dott. Wilksch, che sta lanciando una prova Australia di ampiezza del programma online astuto di media destinato per combattere tali pressioni nella gente di tutto il genere invecchiata fra 13 e 25 anni.

Il programma è appoggiato dai risultati positivi dalla prima prova con le donne di 18-25 anni in cui inizio diminuito online astuto di disordine alimentare di media da 66% (in quelli che non incontrano diagnosi al punto di inizio di studio) e ripristino aumentato di disordine alimentare da 75% (per quelli che iniziano con il cibo disordinato), riguardante i comandi.

Un intervallo di altri fattori di rischio anche migliori con l'abbassamento della probabilità dell'inizio dei sintomi e dei pensieri depressivi circa autolesionismo.

“Eravamo molto piacevoli con i risultati della prima prova e siamo eccitati per ampliare il programma ad un più ampio intervallo di età e la gente di alcun genere in questa nuova ricerca, poiché sappiamo queste preoccupazioni non è limitata alle femmine.„

Un messaggio chiave del programma è per i giovani “compone la loro propria mente„ su che relazione vuole avere con i media sociali e come il loro uso di media si adatta con i loro valori personali.

Source:
Journal reference:

Wilksch, S. M. et al. (2019) The relationship between social media use and disordered eating in young adolescents. International Journal of Eating Disorders. doi.org/10.1002/eat.23198.