Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I 2019 criteri di classificazione di ACR/EULAR per la malattia di IgG4-Related rilasciata

L'istituto universitario americano della reumatologia (ACR) e la lega europea contro reaumatismo (EULAR) hanno rilasciato i 2019 criteri di classificazione di ACR/EULAR per la malattia di IgG4-Related. È i primi criteri sviluppati specificamente per questo malattia recentemente riconosciuta.

Una cambiale dei criteri è stata presentata nel corso della riunione annuale di 2018 ACR/ARP in Chicago. Da allora, i criteri team hanno svolto un secondo studio di convalida, che ha confermato l'alte sensibilità e specificità che è stata trovata nel primo studio di convalida.

La malattia di IgG4-Related (IgG4-RD) è una malattia immune-mediata che può pregiudicare i sistemi differenti dell'organo e spesso imita altre malattie come la sindrome di Sjögren, il cancro del pancreas, la granulomatosi con il polyangiitis (GPA), l'arterite delle cellule ed (GCA) i lupus eritematosi sistemici giganti (SLE o lupus). Riconosciuto soltanto durante i 10 - 15 anni ultimi, IgG4-RD può causare le lesioni fibro-infiammatorie in quasi tutti gli organo o organi multipli. I preventivi suggeriscono che IgG4-RD pregiudichi 180,000 persone negli Stati Uniti e molti altri mondiali.

IgG4-RD ora è riconosciuto per essere uno stato mondiale che è veduto non solo dai reumatologi ma anche dai non specialisti e dagli sotto-specialisti di quasi ogni genere. I test clinici ora stanno sviluppandi in IgG4-RD ed i ricercatori hanno bisogno dei criteri su cui basare l'inclusione o l'esclusione dei pazienti per tali prove ed altri tipi di ricerche.„

John H. Stone, MD, MPH, professore di medicina alla facoltà di medicina di Harvard e Direttore del comitato di esperti internazionale che hanno sviluppato i nuovi criteri

I criteri di classificazione permettono che i ricercatori identifichino esattamente i pazienti per l'inclusione nelle indagini cliniche, epidemiologiche e di base. Il comitato di esperti che hanno sviluppato i nuovi criteri di classificazione ha incluso i ricercatori dalla reumatologia e da altre specialità da cinque continenti, riflettenti l'impatto mondiale di questa malattia.

Nei criteri, classificare i pazienti con IgG4-RD è un trattamento in tre tappe che valuta con attenzione i dati da quattro domini, che devono avere significato nel contesto di IgG4-RD. Il trattamento comprende la sintetizzazione delle informazioni dalla presentazione clinica del paziente, i risultati dei test o la sierologia di sangue, i risultati radiologici ed i dati di patologia. Poche altre malattie richiedono tale sintesi attenta di varie informazioni di ottenere una diagnosi accurata ed attualmente, non c'è test diagnostico per la malattia.

I 2019 criteri di classificazione di ACR/EULAR per la malattia di IgG4-Related sono stati convalidati in un grande gruppo dei pazienti ed hanno dimostrato le prestazioni eccellenti della prova. Il Dott. la Stone ritiene che dovrebbero essere un contributo altamente utile alle indagini future in questa malattia ed infine contribuiscano a migliorare le vite dei pazienti con IgG4-RD.

“IgG4-RD è una malattia che tende ad affliggere di mezza età alle persone anziane e spesso alle influenze e danneggia il pancreas severamente, rendente a glucocorticoids una terapia suboptimale per questa circostanza,„ il Dott. Stone dice. “I test clinici contribuiranno a sviluppare le terapie mirate a che tossicità di riserva dai trattamenti convenzionali. I ricercatori devono avere criteri come questo per determinare se un paziente dovrebbe essere classificato come avendo IgG4-RD.„

Il Dott. Stone è un professore di medicina per la facoltà di medicina di Harvard e l'Edward A. Fox Chair nella medicina al policlinico di Massachusetts.