Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori confermano due nuovi indicatori prognostici per cancro al seno negativo triplo

I medici che curano i pazienti con cancro al seno negativo triplo hanno due nuovi modi predire quali pazienti possono trarre giovamento la maggior parte dal trattamento affermato della post-chirurgia conosciuto come la chemioterapia di CA, lo short per doxorubicina ausiliaria e la ciclofosfoammide.

I ricercatori dalla rete di ricerca sul cancro di SWOG, una rete costituita un fondo per dall'istituto nazionale contro il cancro, parte di test clinici del cancro degli istituti della sanità nazionali, confermano nei risultati della ricerca pubblicati nel giornale dell'oncologia clinica che due biomarcatori - un'impronta di risposta di danno del DNA di 44 geni (DDIR) ed i linfociti stromal di tumore-infiltrazione (sTILs) - possono servire da indicatori prognostici nella gente diagnosticata con cancro al seno negativo triplo. Queste nuove prove potrebbero essere usate per guidare il trattamento del cancro allo stesso modo che la fase del cancro o la dimensione di tumore corrente è usata per personalizzare la cura.

Ciò ci muove un piccolo più vicino a basare il trattamento di cancro al seno negativo triplo sulla biologia di diversi pazienti. Se sapeste, aperto, che le donne avrebbero reagito bene alla chemioterapia di CA, potremmo selezionare preferenziale questo trattamento - e risparmiarli l'altro trattamento. Con altri pazienti, vorremmo studiare le strategie differenti quali le immunoterapie o le droghe mirate a.„

Priyanka Sharma, M.D., un ricercatore di SWOG e un medico e un ricercatore all'università di Cancro di Kansas concentra

I cancri al seno negativi tripli ottengono il loro nome per i fattori che di crescita comuni del cancro mancano - dei ricevitori dell'estrogeno, i ricevitori del progesterone ed il gene HER2. I cancri al seno negativi tripli tendono a svilupparsi più veloci e spargersi più frequentemente di altri tipi di cancri al seno e molte droghe correnti non sono efficaci nel rallentamento o nella fermata della loro crescita. Sharma ha passare più di 10 anni che studiano questi cancri, provanti a capire meglio come funzionano nell'organismo e come possono essere trattati più efficacemente. I cancri al seno negativi tripli rappresentano circa 15 - 20 per cento di tutti i cancri al seno diagnosticati ogni anno negli Stati Uniti.

La ricerca preliminare aveva indicato che due biomarcatori, l'impronta di DDIR e sTILs, potrebbero essere usati per predire i buoni risultati dopo la chemioterapia di CA in pazienti con l'ormone ricevitore-negativo ed i cancri al seno della quantità negativa HER2. Sharma ed il suo gruppo hanno voluto vedere se potessero confermare questi risultati in pazienti con cancro al seno negativo triplo. Per agire in tal modo, hanno immerso nel vasto gruppo illuminazione diffusa dell'esemplare di SWOG - che contiene oltre il tessuto 800.000, il sangue ed altri campioni biologici. Sharma ha usato i campioni del tumore dai pazienti iscritti a S9313, una prova del cancro al seno di SWOG che valuta l'efficacia della chemioterapia di CA in pazienti con i cancri al seno di moderato-rischio ed alti-. S9313 ha smesso di iscrivere i pazienti nel 1997, ma il tessuto del tumore del petto da quel resti dei pazienti, conservato alla cera paraffinica.

Analizzando questi campioni, Sharma ed il suo gruppo hanno confermato 425 casi di cancro al seno negativo triplo. Poi hanno condotto le due analisi. Uno stava creando un'impronta di DDIR, ad un profilo basato a RNA del tumore che mostra se il sistema immunitario di un paziente è attivato in base al lavoro di 44 geni differenti. Nell'altra analisi, i histopathologists del cancro al seno hanno contato i linfociti stromal di tumore-infiltrazione (sTILs), globuli bianchi che migrano nei tumori.

Ecco perché materia di queste prove. Sia lo stato di DDIR che la densità dello sTIL possono essere calibri della capacità degli organismi di riparare il danno del DNA e di montare la risposta immunitaria contro cancro; La chemioterapia di CA funziona il più bene in tumori con la carenza della riparazione del DNA. Così uno stato positivo di DDIR e una densità degli sTILs di livello, hanno potuto essere usati per predire i migliori risultati con il chemo di CA.

Quello è appena che cosa il gruppo di SWOG ha confermato.

I ricercatori potevano completare le valutazioni di DDIR sul tessuto da 381 paziente. Di quelli, 62 per cento erano positivo di DDIR - ed hanno avuti migliori risultati dalla chemioterapia di CA basata sui risultati S9313. I ricercatori potevano ottenere i risultati di densità dello sTIL da 423 campioni pazienti - e più alta la densità, migliori i risultati dal chemo di CA, la loro analisi hanno mostrato. In entrambi i casi, i pazienti curati chemo di CA con un'impronta positiva di DDIR e un'più alta densità dello sTIL erano più lungo senza Cancro ed anche vivo più lungamente.

I risultati hanno implicazioni per cura del cancro e ricercano. I punteggi di DDIR hanno potuto essere usati per guidare il trattamento per i pazienti di cancro al seno negativi tripli. Quelli con la positività di DDIR potrebbero essere trattati con la chemioterapia di CA da solo, mentre quelli con negatività di DDIR potrebbero ottenere le terapie alternative sole o insieme con la chemioterapia di CA. Inoltre, la ricerca ha indicato che il trattamento biologico più significativo in tumori DDIR-positivi era attivazione del sistema immunitario, suggerente che questi tumori potessero essere un buon obiettivo per gli inibitori immuni del controllo - una riga possibile di ricerca per i test clinici futuri.

Source:
Journal reference:

Sharma, P., et al. (2019) Validation of the DNA Damage Immune Response Signature in Patients With Triple-Negative Breast Cancer From the SWOG 9313c Trial. Journal of Clinical Oncology. doi.org/10.1200/JCO.19.00693.