Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I lieviti derivati da alimento possono diminuire le micosi resistenti della multi-droga

Uno studio dai ricercatori negli Stati Uniti ed in India ha indicato che i lieviti probiotici derivati da alimento possono diminuire la virulenza di e perfino impedisce le infezioni vicino, parecchi tipi di funghi che sono responsabili delle infezioni pericolose in persone ospedalizzate e immune-compromesse, compreso i auris resistenti del candida della multi-droga, che recentemente è stato quotato come minaccia urgente dai centri degli Stati Uniti per controllo di malattie nel suo rapporto 2019 di minacce di resistenza a antibiotici.

Mentre i albicans del candida è la causa principale delle micosi ospedale-acquistate, lo studio mette a fuoco su varie specie non-albicans che sono di crescente preoccupazione ai funzionari di salute pubblica mentre possono causare le simili infezioni e gli altrettanti di questi sforzi stanno sviluppando la resistenza ai farmaci antifungosi disponibili.

Reeta Rao, professore di biologia e di biotecnologia e decano di socio degli studi del laureato all'istituto politecnico di Worcester (WPI) ed uno degli autori principali dello studio, spiegati, “auris del candida, per esempio, che possono causare severo, infezioni spesso interne in pazienti ospedalizzati, non risponde frequentemente affatto alle droghe antifungose comunemente usate, rendenti le infezioni quasi impossibli trattare.„

In pazienti immune-compromessi o persino in persone in buona salute con gli apparecchi medici impiantati, il candida può penetrare il tessuto submucosal del tratto gastrointestinale e raggiungere gli organi interni, in cui può causare le infezioni sistematiche pericolose. La farmacoresistenza dei microbi stacca, in parte, dalla loro capacità di aderire alle superfici e di formare i biofilms. “Un biofilm è un ecosistema complesso che può trasformarsi in in una barriera fisica contro le droghe,„ Rao ha detto. “I Biofilms possono formarsi sugli apparecchi medici, sui cateteri e su IV righe e perfino lenti a contatto. Possono anche penetrare il tessuto epiteliale nell'organismo, piombo a varie infezioni, compreso le infezioni che micidiali della circolazione sanguigna possiamo vedere con i auris del candida.„

Anche quando funzionano, le droghe antifungose hanno spesso effetti secondari seri. Le celle fungose sono simili alle celle eucariotiche che compongono i corpi umani, in modo dalle droghe possono attaccare e nuocere ai tessuti che stessi sono destinati per proteggere. “Questo piombo ad un riconoscimento crescente dell'esigenza delle terapie alternative,„ Rao ha detto. “Abbiamo scelto di esaminare il lievito probiotico alimento-derivato, in grado di presentare un metodo sicuro e redditizio di tenere il candida nell'assegno.„

Nello studio, pubblicato nel mBio del giornale (“i lieviti probiotici inibiscono la virulenza delle specie Non-albicans del candida„) e raccomandato da F1000Prime, un servizio online che evidenzia gli articoli scientifici di interesse critico alla comunità di ricerca, i ricercatori ha esaminato la capacità di due lieviti, occidentalis alimento-derivati di Issatchenkia e di saccharomyces cerevisiae, che si sviluppano naturalmente sulla frutta e su altri alimenti, di combattere la formazione del biofilm e di aderenza in specie non-albicans di candida.

Hanno trovato che quello applicare questi lieviti alle superfici non biologiche ha diminuito la capacità dei funghi non-albicans, compreso i auris del candida, di aderire a queste superfici vicino fino a 53 per cento. I lieviti egualmente hanno diminuito la formazione di biofilms vicino fino a 70 per cento. Risultati simili sono stati ottenuti con contenere di colture miste non-albicans e le specie fungose dei albicans. Applicando i lieviti alimento-derivati alle superfici egualmente ha inibito un trattamento conosciuto come il filamentation in una serie di funghi non-albicans. Filamentation è un meccanismo usato dai funghi virulenti per eludere la risposta immunitaria dell'organismo ed è creduto per essere importante ad aderenza ed a formazione del biofilm.

In un'altra serie di esperimenti, i ricercatori hanno esaminato l'effetto della presenza dei lieviti alimento-derivati sulla capacità dei funghi non-albicans di aderire alle celle epiteliali umane. Hanno trovato che i lieviti erano altamente efficaci nella diminuzione dell'aderenza, specialmente quando erano presenti prima che i microbi fungosi fossero presentati. Per provare se i lieviti avrebbero avuti un simile effetto in un organismo vivente, i ricercatori hanno infettato i elegans di Caenorhabditis, un nematode che imita gli aspetti chiave della fisiologia intestinale umana, con i funghi non-albicans. Hanno trovato che i nematodi hanno vissuto più lungamente ed i funghi recuperati dai nematodi infettati erano meno attivo quando sono stati trattati con i lieviti alimento-derivati.

I ricercatori egualmente hanno indicato che gli estratti dalle celle di lievito potevano inibiscono l'aderenza dai funghi non-albicans, suggerenti che l'effetto potrebbe essere dovuto dai metaboliti secondari prodotti dai lieviti. “Come la tariffa delle infezioni micidiali tramite i auris del candida ed altri aumenti non-albican di specie dei funghi, c'è una necessità urgente di più efficace ed i farmaci più sicuri a sia impediscono che trattano queste malattie intrattabili,„ Rao ha detto. “Questo studio ha indicato che il lievito probiotico può essere l'alternativa che stiamo cercando e certamente autorizza l'indagine successiva.„

Rao, un collega dell'accademia americana di microbiologia, corrente è messo a fuoco sulla comprensione del meccanismo molecolare di atto come pure sulla modellistica di calcolo delle interazioni microbiche in silicio.

Source:
Journal reference:

Kunyeit, L. et al. (2019) Probiotic Yeasts Inhibit Virulence of Non-albicans Candida Species. mBio. doi.org/10.1128/mBio.02307-19