Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Ricercatori di UIC per studiare l'impatto della malattia dell'occhio cronica fra i latini

Con $9,7 milioni in finanziamento dall'istituto nazionale dell'occhio, i ricercatori all'università dell'Illinois a Chicago studieranno l'impatto della malattia dell'occhio cronica fra i latini.

Ci sono circa 60 milione latini che vivono negli Stati Uniti e l'istituto nazionale dell'occhio riferisce che i latini hanno più alte tariffe di sviluppare il danno visivo, la cecità, la malattia dell'occhio diabetica e le cataratte che i bianchi del non Latino-americano.

Lo studio -- ha chiamato lo studio dell'occhio del solenoide o,„ di Ojos sullo studio “dei latini di studio -- condurrà circa 3.000 esami di occhio per i latini che vivono a Chicago e Miami che già sono iscritti allo studio ispano di salubrità della Comunità/studio dei latini, il più grande studio epidemiologico mai futuro sulla comunità del latino. A seguito degli esami di occhio, i partecipanti riceveranno gli stampati dei risultati, delle copie della rappresentazione e delle informazioni per cura di seguito se avuti bisogno di.

Con i dati raccolti dagli esami, i ricercatori studieranno la prevalenza dei termini di occhio comuni come il glaucoma, la retinopatia diabetica e la degenerazione maculare senile fra questa comunità. Egualmente studieranno i fattori di rischio come la malattia cardiovascolare ed i fattori socioculturali, che sono associati con la malattia dell'occhio.

Il Dott. Charlotte Joslin di UIC è il ricercatore principale di nuovo premio e lavorerà accanto ai colleghi all'university of miami, un sito della sorella della prova. La speranza dei ricercatori i dati raccolti da questi siti informerà gli approcci personali della medicina alla schermatura, alla diagnosi ed al trattamento della malattia dell'occhio nella comunità del latino e nei suoi numerosi gruppi di sfondo.

Sappiamo che il latino-americano/latini sviluppa determinati stati di occhio alle più alte tariffe che altri gruppi etnici, ma non conosciamo perché. Capendo la cronologia di salubrità e dopo la salubrità dei latino-americani/latini con la malattia dell'occhio, possiamo potere identificare i reticoli o le cause della malattia che possono essere impedite o rallentate con il trattamento.„

Dott. Charlotte Joslin, professore associato di UIC di oftalmologia all'istituto universitario di medicina e di epidemiologia e di biostatistica al banco della salute pubblica

Joslin ha detto che il nuovo studio fornirà un insieme dei dati robusto che possono essere stratificati oltre il più vasto gruppo etnico del latino.

“Vogliamo capire la malattia dell'occhio fra i portoricani, i messicani, cubani ed i molti tipi differenti di gente che sono considerate latino-americano/latino,„ Joslin ha detto. “Questo è particolarmente pertinente perché il carico della malattia dell'occhio sta aumentando come l'età media degli aumenti di popolazione e questo renderà il latino-americano/latini particolarmente vulnerabili alla malattia dell'occhio, che in casi gravi può essere debilitante.„

Lo studio ispano di salubrità della Comunità/studio dei latini parent lo studio ha cominciato nel 2008 con il finanziamento dal cuore nazionale, polmone ed istituto di sangue ed altri sei istituti, centri ed uffici degli istituti della sanità nazionali.

“L'inclusione di un esame di occhio completo dello studio dei latini renderà le comprensioni importanti in come a migliore salubrità dell'occhio della prerogativa in questa rapido crescita ed al segmento diverso della popolazione degli Stati Uniti,„ ha detto David Lee, professore delle scienze di salute pubblica alla scuola di medicina di Miller dell'university of miami ed al ricercatore co-principale.