Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

aspirina della Basso dose connessa con il rischio diminuito di attacco di cuore fra gli afroamericani

l'aspirina della Basso dose non è stata associata con un rischio diminuito di attacco di cuore interno fra gli afroamericani, secondo uno studio d'osservazione pubblicato nel giornale dell'associazione americana del cuore, il giornale di accesso aperto dell'associazione americana del cuore.

“La maggior parte dei dati disponibili indicano che gli afroamericani hanno un elevato rischio di avere un attacco di cuore, il colpo o altre malattie di cuore confrontati ai bianchi; tuttavia, gli studi precedenti non hanno incluso abbastanza partecipanti neri per determinare se catturare un'aspirina della basso dose per la prevenzione primaria della malattia di cuore fosse utile per questo gruppo di persone,„ hanno detto Rodrigo Fernandez-Jimenez, M.D., Ph.D., l'autore principale dello studio e di un cardiologo e ricercatore a Centro Nacional de Investigaciones Cardiovasculares (CNIC) Madrid, in Spagna ed ex ricercatore alla scuola di medicina di Icahn al monte Sinai in New York.

I risultati dello studio di approfondimento da 11 anno hanno indicato che l'aspirina della basso dose è sembrato non diminuire il rischio di attacco di cuore interno fra i partecipanti afroamericani, anche quando l'analisi si è limitata alla gente all'elevato rischio della malattia cardiovascolare (rischio cardiovascolare di dieci anni maggior di 10% secondo il punteggio di rischio di Framingham). Lo studio ha mostrato un'associazione dell'aspirina della basso dose con una tendenza verso il rischio in diminuzione di attacchi di cuore interni nei bianchi, specialmente fra le donne.

I ricercatori hanno usato i dati dallo studio di gruppo del sud della Comunità, un'iniziativa in corso coordinata dalla Vanderbilt University che sta tenendo la carreggiata i fattori di rischio per cancro ed altre malattie importanti di più di 65.000 uomini e donne principalmente a basso reddito, le età 40 - 79, che vivono nel sud-est degli Stati Uniti. Più di due terzi dei partecipanti di studio sono afroamericani e circa due terzi dei partecipanti erano ad ad alto rischio di avere un attacco di cuore o un colpo all'inizio dello studio, secondo il punteggio di rischio di Framingham.

Pensiamo che l'uso dell'aspirina di ragione non abbia avuto un effetto benefico per gli afroamericani potrebbe comprendere una risposta genetica differente alla terapia dell'aspirina ed al controllo del povero di altri fattori di rischio. La necessità di capire meglio l'associazione fra uso dell'aspirina, la corsa/l'origine etnica e lo stato socioeconomico e come gioco di questi fattori un ruolo nella malattia cardiovascolare è importante alla luce di questi risultati.„

Rodrigo Fernandez-Jimenez, M.D., Ph.D., autore principale dello studio

Ciò era uno studio d'osservazione, non destinato per provare la causa - e - effetto.

L'associazione americana del cuore non raccomanda di catturare un'aspirina per impedire la malattia cardiovascolare senza parlare con un fornitore di cure mediche. Se una persona è ad a basso rischio per avere un attacco di cuore o un colpo secondo l'associazione americana del cuore/istituto universitario americano del calcolatore aterosclerotico di rischio della malattia cardiovascolare della cardiologia, la terapia dell'aspirina non si consiglia generalmente per ognuno perché i vantaggi possibili non stampano in offset il rischio di spurgo aumentato. La terapia dell'aspirina può essere appropriata per qualche gente che è all'elevato rischio della malattia cardiovascolare, tuttavia, le decisioni circa uso dell'aspirina devono essere individualizzate a stato di salute specifico di un paziente in consultazione con il loro medico.