Gli scienziati di Yale lanciano lo script sulla terapia innovatrice del cancro per trovare le nuove comprensioni in lupus

Nell'ultima decade, gli scienziati hanno scoperto che bloccando un regolatore chiave del sistema immunitario contribuito per liberare le difese naturali dell'organismo contro parecchi moduli di cancro, aprenti una nuova era di immunoterapia del cancro. Ora gli scienziati di Yale essenzialmente hanno lanciato questo script ed hanno trovato che una volta alterato un regolatore molecolare simile può causare gli attacchi offensivi del sistema immunitario ad interfaccia e gli organi che sono l'marchio di garanzia del lupus di malattia autoimmune, essi riferiscono l'11 dicembre nella medicina di traduzione di scienza del giornale.

I risultati di studio contribuiscono a spiegare le origini di lupus e suggerire i ricercatori novelli di modi potrebbe potere riparare la funzione di questo inibitore e fornire la nuova terapia tanto necessaria per trattare la malattia, gli scienziati hanno detto.

Il sistema immunitario ha una serie di regolatori destinati per impedirla i tessuti d'attacco in suo host, un sistema che va storto nelle malattie autoimmuni. I ricercatori di Yale hanno trovato che mouse che mancano di un inibitore del sistema immunitario chiamato omologo programmato death-1, o PD-1H, sintomi spontaneamente sviluppati che somigliano a due moduli di lupus -- sistematico, in cui il sistema immunitario attacca gli organi multipli; e cutaneo, che è tracciato dalle deformità pronunciate dell'interfaccia.

Questa molecola è compresa chiaramente nel lupus d'inibizione, ma sembra essere selettiva perché non ha lo stesso effetto in parecchie altre malattie autoimmuni.„

Lieping Chen, il professore nella ricerca sul cancro, professore di società per azioni di United Technologies del immunobiology, della dermatologia e della medicina, autore senior

PD-1H è molecolare simile alla molecola più comunemente conosciuta PD-1, che egualmente le guide sopprimono la risposta di sistema immunitario. Chen era un pioniere in inibitori d'identificazione e di sviluppo a PD-1, che ha liberato le celle di T per attaccare parecchi moduli di cancro. Parecchi laboratori egualmente hanno provato ad usare PD-1H come trattamento del cancro ma finora sono stato infruttuosi.

Chen ha detto che i suoi risultati suggeriscono che nella gente con lupus la funzione di PD-1H fosse critica. Quando è alterata, è vulnerabili agli attacchi del sistema immunitario ad interfaccia ed agli organi multipli che sono l'marchio di garanzia della malattia.

I pazienti di lupus corrente hanno opzioni molto limitate per il trattamento, ma i nuovi risultati suggeriscono che un approccio novello chiamato fusione della proteina potrebbe imitare PD-1H e contribuire a gestire il sistema immunitario ed a combattere la malattia, Chen ha detto.

La ricerca soprattutto è stata costituita un fondo per da Boehringer Ingelheim, che aveva studiato PD-1H come trattamento del cancro potenziale e tramite una dotazione di United Technologies.