Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I rischi sanitari si sono associati con NSAIDs come fattore per la prescrizione aumentata dell'opioide

I pazienti con dolore cronico hanno catturato fra le preoccupazioni cardiovascolari circa gli analgesici dell'non opioide ed i rischi di dipendenza di opioidi, probabilmente causanti l'esigenza insoddisfatta significativa di sollievo di dolore.

Un nuovo banco di Boston University dello studio di salute pubblica (BUSPH) pubblicato nella rete di JAMA aperta indica che il declino nelle prescrizioni degli analgesici dell'non opioide--in gran parte NSAIDs ed inibitori COX-2--nel primi anni '2000 ha coinciso con un profondo aumento nella prescrizione dell'opioide. Gli autori congetturano che, dopo che gli effetti secondari cardiovascolari degli inibitori COX-2 sono emerso nel primi anni '2000, prescrizioni dell'opioide aumentate per colmare la lacuna per la gente di dolore osteomuscolare cronico.

Mentre l'epidemia dell'opioide è complessa ed ha molte cause possibili, i nostri risultati suggeriscono che i rischi sanitari connessi con NSAIDs siano stati un fattore che quello piombo alla prescrizione aumentata degli opioidi.„

Dott. Andrew Stokes, autore di studio del cavo, assistente universitario di salubrità globale a BUSPH

Lo studio egualmente ha trovato che il riconoscimento crescente della crisi dell'opioide fra 2013 e 2016 piombo alle diminuzioni in opioide ed alle prescrizioni analgesiche dell'non opioide per la gente con dolore osteomuscolare cronico, particolarmente fra quelli di stato socioeconomico basso. “La cura è necessaria assicurare che la nostra risposta alla crisi dell'opioide non lasci la gente che vive con il dolore cronico dietro. Il declino brusco nella prescrizione a quelli di stato socioeconomico basso è interessare poichè queste stesse persone egualmente affrontano le più grandi barriere ad accedere ai trattamenti alternativi di dolore, quale terapia fisica,„ il Dott. Stokes dice.

Con supporto dalle fondamenta di Robert Wood Johnson, i ricercatori hanno usato 1999-2016 dati dallo studio nazionale dell'esame di nutrizione e di salubrità su 7.256 adulti con le limitazioni funzionali dovute dolore al collo o appoggiare e/o artrite o l'altra malattia reumatica. Hanno trovato che gli aumenti nelle prescrizioni dell'opioide approssimativamente hanno abbinato le diminuzioni in analgesici dell'non opioide (principalmente NSAIDs ed inibitori COX-2) che cominciano fra 2003 e 2006. Poi hanno veduto le diminuzioni significative nelle prescrizioni dell'opioide fra 2013 e 2016, specialmente fra gli uomini e la gente con meno formazione.

“Abbiamo rend contoere che il punto a cui le prescrizioni aumentanti dell'opioide attraversate con la diminuzione nelle prescrizioni dell'non opioide si sono presentate quando i rischi cardiovascolari di inibitori COX-2 piombo a rofecoxib (Vioxx) che viene fuori il servizio. I rischi gastrointestinali di NSAIDs erano egualmente incontestati per allora. Così è sembrato a noi che un aumento in opioide che prescrive durante quel tempo fosse, almeno in parte, una conseguenza non intenzionale degli inibitori COX-2 che vengono fuori il servizio e preoccupazioni circa il rischio di NSAID,„ dice il Dott. senior Tuhina Neogi, professore dell'epidemiologia a BUSPH, professore dell'autore di studio di medicina alla scuola di medicina di Boston University ed al capo della reumatologia al centro medico di Boston.

Il Dott. Neogi dice che è importante da continuare a lavorare diminuire la prescrizione e l'uso dell'opioide, ma deve essere l'attenzione e sforzo uguali verso la fornitura dell'approccio completo e multimodale a dolore, compreso le strategie non farmaceutiche provate ma poco usate quale terapia fisica.

“Ora c'è così tanto conversazione circa la gente transitioning a partire dagli opioidi. Ma se quello sta accadendo senza considerare le barriere ai trattamenti non farmacologici, ci può essere un problema significativo del sotto-trattamento di dolore,„ aggiunge il MX del co-author di studio. Dielle Lundberg, un ricercatore a BUSPH.

Source:
Journal reference:

Stokes, A., et al. (2019) Trends in Prescription Analgesic Use Among Adults With Musculoskeletal Conditions in the United States, 1999-2016. JAMA Network Open. doi.org/10.1001/jamanetworkopen.2019.17228.