Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Tecnologia novella di uso degli scienziati per l'apertura della barriera ematomeningea con l'ultrasuono impiantabile

Una della maggior parte delle droghe potenti per il trattamento del glioblastoma, il tipo più micidiale di tumore cerebrale, non può essere utilizzata in pazienti a causa di due problemi. In primo luogo, non può raggiungere il suo obiettivo perché ha bloccato dalla barriera ematomeningea, una struttura microscopica che protegge il cervello dalle tossine nel sangue. E la formulazione convenzionale per questa droga è tossica al cervello.

Ma ora gli scienziati nordoccidentali della medicina hanno usato una tecnologia novella per l'apertura della barriera ematomeningea con un ultrasuono impiantabile ed hanno consegnato la droga potente al tumore in mouse. In un nuovo documento, riferiscono sui loro risultati di estesa ricerca preclinica.

Gli scienziati egualmente hanno scoperto la tossicità del cervello per la formulazione convenzionale per questo paclitaxel droga - al cervello è stato causato dalla soluzione richiesta per dissolvere la droga (cremophor.) Gli scienziati hanno verificato una nuova formulazione della droga che usa l'albumina rispetto al cremophor e non era nocivo al cervello.

L'apertura della barriera ematomeningea con un ultrasuono ha aumentato le concentrazioni di questo paclitaxel nel cervello vicino quintuplo. Lo studio egualmente ha indicato che i mouse del tumore-cuscinetto del cervello vivono molto più lungamente una volta trattati con il paclitaxel potente della droga di Cancro-combattimento e la sopravvivenza era ancora ulteriore esteso una volta trattata congiuntamente all'ultrasuono per aprire la barriera ematomeningea.

Lo studio sarà pubblicato il 12 dicembre nella ricerca sul cancro clinica, un giornale dell'Associazione per la ricerca sul cancro americana.

In laboratorio, il paclitaxel è molto più potente del temozolomide corrente usato della chemioterapia. Quando il paclitaxel è stato provato contro il tumore cerebrale in un piatto fuori di un organismo, una volta 1.400 poca concentrazione nella droga era necessaria da uccidere lo stesso numero delle celle del tumore, confrontato alla chemioterapia convenzionale usata per questo cancro.

Gli scienziati ora stanno applicando all'alimento degli Stati Uniti & all'amministrazione della droga per lanciare un test clinico per verificare questo concetto di nuova formulazione di paclitaxel congiuntamente alla tecnologia novella di ultrasuono per aprire la barriera ematomeningea in pazienti. La prova prevista mira a determinare se il trattamento è sicuro e se prolunga la sopravvivenza dei pazienti con tumore al cervello.

Glioblastoma corrente non ha maturazione e quando il tumore ricorre ci non sono molte opzioni del trattamento. Abbiamo bisogno urgentemente di efficaci nuovi trattamenti.

Dott. Adam Sonabend, un assistente universitario del ricercatore principale di ambulatorio neurologico alla scuola di medicina di Feinberg di Northwestern University e ad un medico nordoccidentale della medicina

La tecnologia di ultrasuono può avere più vasti vantaggi. “Questa tecnologia di ultrasuono ora ci permetterà di usare molti agenti stabiliti in altri cancri per i pazienti con i tumori cerebrali,„ ha detto il co-ricercatore Roger Stupp, il capo dell'neuro-oncologia ed il Paul C. Bucy professore di ambulatorio neurologico a Feinberg.

Altri test clinici stanno verificando all'l'apertura basata a ultrasuono della barriera ematomeningea con i vari agenti della chemioterapia, ma nessuno stanno usando così droga potente come il paclitaxel.

Come funziona?

L'ultrasuono minuscolo sarebbe impiantato durante la chirurgia in una finestra nel cranio che non contiene l'osso. È usato congiuntamente alle bolle di gas microscopiche iniettate nel sangue allo stesso tempo che l'ultrasuono comincia. Quando le bolle colpiscono le onde sonore, queste vibrano e meccanicamente interrompono la barriera ematomeningea. L'apertura è immediata, permettendo l'infiltrazione delle molecole della droga. L'apertura della barriera ematomeningea è reversibile e dura parecchie ore dopo la sonicazione. L'emettitore di ultrasuono rimane nel cranio per la consegna ripetuta della droga.

Source:
Journal reference:

Zhang, D. Y. et al. (2019) Ultrasound-mediated Delivery of Paclitaxel for Glioma: A Comparative Study of Distribution, Toxicity, and Efficacy of Albumin-bound Versus Cremophor Formulations. Clinical Cancer Research. https://clincancerres.aacrjournals.org/content/early/2019/12/11/1078-0432.CCR-19-2182