risultati Paziente-riferiti collegati ad aderenza dell'inibitore di aromatase

Se volete predire quali pazienti di cancro al seno molto probabilmente smetteranno di catturare gli inibitori di aromatase, assegno fuori le loro proprie risposte alla risposta dei pazienti di problemi sanitari comunemente nei test clinici del cancro, secondo i risultati di ricerca da presentare venerdì 13 dicembre al simposio del cancro al seno di San Antonio.

Conosciuto come risultati paziente-riferiti, queste indagini sono utilizzate nelle prove per fornire una prospettiva paziente su un trattamento ed il suo impatto su qualità di vita. Era la droga facile da prendere? Che cosa sono i vostri sintomi? Siete nel dolore? Potete lavorare? State ottenendo il supporto della famiglia?

Le risposte possono predire chi è probabile smettere di catturare gli inibitori di aromatase (AIs), pillole catturate ogni anno da decine di migliaia di donne postmenopausali per curare i loro ai cancri al seno ormone sensibili, secondo la nuova ricerca piombo dall'alba Hershman della presidenza vice della rete di ricerca sul cancro di SWOG, MD. Le donne che catturano l'AIS che ha riferito una qualità di vita più scadente che i loro pari sulla prova ed i livelli elevati sia dei sintomi della ghiandola endocrina che di dolore, Hershman hanno trovato, sono più probabili smettere di catturare il loro farmaco. Così sono le donne con le credenze negative circa se il farmaco funziona - e se lo hanno bisogno di tenere il loro cancro dal ritorno.

Abbiamo trovato una chiara associazione fra le donne che hanno iniziato la prova che stava lottando con dolore, qualità di vita difficile ed i sintomi endocrini - come pure le credenze che la medicina non sta aiutando - e quelle che non catturano al farmaco 36 mesi più successivamente. In questo modo, paziente-riferito i risultati può agire come i biomarcatori. Possono predire un risultato - ed essere usati per personalizzare i trattamenti.„

Alba Hershman, Direttore del programma del cancro al seno al centro completo di Columbia University e NewYork-Presbiteriano di Irving del centro medico del Herbert Irving del Cancro

Il lavoro sarà presentato la mattina del venerdì 13 dicembre in una sessione del riflettore che evidenzia le presentazioni notevoli del manifesto al simposio del cancro al seno di San Antonio, la più grande conferenza della ricerca del cancro al seno del mondo, con 7.500 membri da più di 90 paesi preveduti questo anno. Lo studio è stato supportato da SWOG, una rete di test clinici del cancro dell'internazionale costituita un fondo per dall'istituto nazionale contro il cancro (NCI) attraverso gli istituti della sanità nazionali.

L'AIS è uno dei trattamenti più comuni per cancro al seno. Le pillole fermano la produzione di estrogeno in donne postmenopausali, essenzialmente morente di fame le celle di cancro al seno ricevitore-positive dell'ormone. Molte donne devono catturare l'AIS per un lungo come cinque anni. Di osteoalgia circa metà di rapporto e molte hanno effetti secondari che comprendono le emicranie, la nausea e le vampate di calore. Terminare il trattamento può essere pericoloso. Le donne che fanno sono al rischio aumentato per il loro ritorno del cancro al seno.

Hershman ed i colleghi a SWOG hanno studiato l'AIS intensamente, cercando i migliori modi affinchè i pazienti gestiscano il dolore associato AI, come le droghe della depressione e di agopuntura ed altrimenti migliorano la qualità di vita per le donne che catturano le pillole. Alla riunione annuale della società americana dell'oncologia clinica (ASCO) a giugno, Hershman ha presentato i risultati di S1105, una prova ripartita con scelta casuale di SWOG che verifica l'efficacia dei ricordi del messaggio di testo per migliorare l'aderenza di AI. Le donne su S1105 stavano catturando le pillole di AI per almeno i 30 giorni. Il gruppo non ha trovato differenza nelle tariffe di aderenza fra le donne che hanno fatto e non hanno ricevuto i testi. S1105 era il primo lungo termine, studio prospettivo valutare un intervento per migliorare l'aderenza della droga di cancro.

Per intraprendere questi studi correnti, Hershman ed il suo gruppo hanno analizzato i dati da S1105. Hanno esaminato le informazioni su 702 pazienti ripartiti con scelta casuale in due gruppi - uno che ha ricevuto due volte alla settimana un testo per 36 mesi ed uno che non ha fatto. Per vedere se potessero trovare i fattori connessi ad non aderenza, i ricercatori hanno notato quali pazienti hanno terminato catturare le droghe, in base agli esami delle urine negativi. Egualmente hanno studiato paziente-hanno riferito le risposte (PRO) di risultato al riferimento, o l'inizio della prova ed anche alla conclusione della prova.

Domande incluse di pro circa:

  • Livelli di dolore unito su un disgaggio 1-10
  • I sintomi endocrini, quali le vampate di calore, piccante o freddo suda e obesità
  • Qualità di vita, quali l'umore, il sonno e l'abilità di camminata
  • Credenze circa i farmaci, quale fiducia nell'efficacia

Il gruppo ha diviso le risposte pazienti in due gruppi - quelli con i punteggi bassi su ogni PRO misura (0-50 per cento) e quelli con gli alti punteggi su ogni PRO misura (50-100 per cento). L'associazione era chiara. Coloro che più di meno è stato soddisfatto con i farmaci e non hanno veduto la loro utilizzabilità e coloro che ha avuto più alti rapporti di dolore, di effetti secondari e di qualità di vita difficile, erano più probabili smettere di catturare l'AIS a lungo termine.

“Questo significa che possiamo esaminare i PRO dati del riferimento ed identificare - nella fase iniziale - che i pazienti sono a rischio di non aderenza,„ Hershman ha detto. “Coerente catturare un farmaco non è col passare del tempo semplice quanto essendo dando un ricordo. C'è una miriade di fattori che pregiudicano perché i pazienti possono fermarsi. Possiamo usare i dati di pro per adattare gli interventi in modo da sono più probabili continuare a catturare questi potenzialmente farmaci di salvataggio. Quello è buono da sapere.„

Source: