Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'analisi del sangue cardiaca comune prima di chirurgia può predire le complicazioni postoperatorie

Un'analisi del sangue cardiaca comune effettuata prima che l'ambulatorio possa predire chi avvertirà i risultati avversi dopo la maggior parte dei tipi di chirurgie, dice uno studio internazionale piombo dai ricercatori di Hamilton.

Globalmente, dei 200 milione adulti che subiscono l'ambulatorio principale, 18 per cento avvertiranno le complicazioni cardiache e vascolari serie compreso la morte entro i 30 giorni che seguono il loro intervento, quali le sostituzioni del ginocchio e del cinorrodo, le resezioni delle viscere e la riparazione addominale di aneurisma aortico.

“Qualunque tipo di chirurgia ha il potenziale di danneggiare il tessuto del cuore, con formazione del coagulo di sangue, lungi periodi di infiammazione, o sanguinando,„ ha detto il cavo di studio, il Dott. PJ Deveraux, professore di medicina, cardiologo alle scienze di salubrità di Hamilton (HHS) ed al cavo scientifico per la ricerca perioperative alla McMaster University ed istituto di ricerca di salubrità della popolazione di HHS (PHRI).

Lo studio della VISIONE ha esaminato se i livelli di analisi del sangue cardiaca, NT-proBNP, misurato prima di chirurgia possono predire le complicazioni cardiache e vascolari. I livelli elevati di NT-proBNP, che possono essere causati dalle varie anomalie nel muscolo cardiaco, quale lo sforzo, infiammazione o overstretch, possono contribuire ad identificare quali pazienti sono al più grande rischio di complicazioni cardiache dopo chirurgia.

Lo studio ha incluso 10.402 pazienti di 45 anni o più vecchi avendo ambulatorio non cardiaco con il soggiorno di notte da 16 ospedali in nove paesi.

“Come conseguenza di questi risultati, medici può predire chi è al maggior rischio di attacchi di cuore e di altri eventi vascolari negativi dopo chirurgia,„ ha detto il Dott. Devereaux.

Questa fase delle configurazioni di studio della VISIONE sopra sei anni di ricerca studia per capire i fattori pre- e postoperatori che piombo alle complicazioni cardiache.

“Questa analisi del sangue semplice può essere effettuata rapidamente e facilmente come componente della valutazione preoperatoria del paziente e può aiutare meglio i pazienti a capire il loro rischio di complicazioni postoperatorie e prendere le decisioni informate circa la loro chirurgia,„ ha detto il primo autore della pubblicazione, il Dott. Emmanuelle Duceppe, internista e ricercatore al candidato del centro Hospitalier de l'Universite de Montreal (AMICO), di PhD in epidemiologia clinica alla McMaster University ed al ricercatore del socio a PHRI. “Questa analisi del sangue è venti prove più che richiede tempo più economiche di volte quali le prove di sforzo cardiache e la rappresentazione diagnostica.„

I risultati di questa analisi del sangue semplice possono informare il tipo di chirurgia che il paziente subirà, quale ambulatorio laparoscopic o aperto, il tipo di anestesia usato durante la chirurgia e chi richiederà il video più intenso postoperatorio.

I risultati dei test di sangue possono anche diminuire l'esigenza delle visite mediche prechirurgiche per i pazienti che non mostrano rischio per le complicazioni cardiache.

La lesione del cuore dopo ambulatorio non cardiaco sta emergendo come emissione di salubrità importante che richiede l'attenzione. Facendo uso del finanziamento di CIHR, il gruppo di ricerca piombo da PHRI ed il Dott. Devereaux, ha chiarito l'associazione fra un'elevazione di un biomarcatore comune ed il rischio di morbosità e di mortalità per-operative.„

Dott. Brian H. Rowe, Direttore scientifico, istituto di funzione respiratoria circolatoria e, istituti canadesi per ricerca di salubrità