La gente con le diete limitate più probabili ritenere solo durante i pasti di festa

Le celebrazioni di festa girano spesso intorno al cibo, ma per quelle con le restrizioni dell'alimento, che possono produrre una sensibilità incongruente quando pranzano con gli amici ed i cari: solitudine.

La gente con le diete limitate - dovuto le allergie, le emissioni di salubrità o le norme religiose o culturali - è più probabile ritenere sola quando non possono dividere in cui altre stanno mangiando, la nuova ricerca di Cornell University mostra.

Malgrado essere fisicamente presente con altri, avere una restrizione dell'alimento lascia la gente che ritiene sinistra fuori perché non possono partecipare al legame sopra il pasto.„

Kaitlin Woolley, assistente universitario dell'introduzione sul mercato nella scuola post-laurea di Samuel Curtis Johnson della gestione e nell'autore principale della ricerca

Attraverso sette studi e gli esperimenti controllati, i ricercatori hanno trovato che le restrizioni dell'alimento hanno predetto la solitudine fra sia i bambini che gli adulti.

La ricerca egualmente offre la prima prova, Woolley ha detto, che avere cause di una restrizione dell'alimento ha aumentato la solitudine. Per esempio, in un esperimento, definire le persone senza restrizione per avvertire una restrizione dell'alimento aumentata ha riferito le sensibilità di solitudine. Che suggerisce tali sensibilità non sono guidati dalle emissioni non alimentari o limitato ai mangiatori difficili, Woolley ha detto.

“Possiamo spogliare quello via ed indicare che definendo qualcuno ad una restrizione o non può avere implicazioni per la loro sensibilità dell'inclusione nel pasto del gruppo,„ ha detto.

Ulteriore prova è venuto da un'indagine degli osservatori della festa ebrea del pesach. Una volta ricordato a durante la festa degli alimenti che fatti lievitare non potrebbero godere di con altri, la solitudine dei partecipanti è aumentato. Tuttavia, all'interno dei loro proprie gruppo similmente ristretto, hanno ritenuto una più forte obbligazione.

Saldando sopra i pasti è un'esperienza inerentemente sociale, note di Woolley. Nella ricerca precedente, ha trovato che gli sconosciuti ritenuti connessi e fidarsi di a vicenda quando hanno diviso lo stesso alimento e mangiare l'alimento dalla stessa lastra grossa hanno aumentato la cooperazione fra gli sconosciuti.

Ma una volta limitata dalla divisione nel pasto, la gente soffre “le preoccupazioni dell'alimento,„ Woolley ha detto. Si corrodono circa cui possono mangiare e come altre potrebbero giudicarle per non andare d'accordo.

Quelle preoccupazioni hanno generato un grado di solitudine comparabile a quello riferito dagli adulti celibi o a basso reddito e più forte di quello sperimentato dagli scolari che non erano anglofoni indigeni, secondo la ricerca. Rispetto alle persone non limitate, fare aumentare una restrizione ha riferito la solitudine da 19%. La gente ha ritenuto più sola indipendentemente da quanto severo la loro restrizione era, o da se la loro restrizione è stata imposta o atto volontario.

Lo studio ha concluso che le restrizioni e la solitudine dell'alimento sono sull'aumento e “possono essere le epidemie relative,„ l'autorizzazione di ricerca ulteriore.

Fin qui, Woolley ha detto, i bambini sono stati il fuoco primario della ricerca sugli effetti delle restrizioni dell'alimento. Un'indagine che nazionalmente rappresentativa ha analizzato dai centri per controllo di malattie non ha tenuto la carreggiata l'emissione fra gli adulti.

Ma sempre più, ha detto, le restrizioni dell'alimento stanno portande nell'età adulta, o gli adulti stanno scegliendo le diete limitate quali senza glutine, il vegetariano ed il vegano per salubrità o ragioni etiche. Fino a 30% di tutti i partecipanti al suo affare con le restrizioni, Woolley di ricerca ha detto.

“Questo è un problema che io non pensa che la gente sia abbastanza informata di,„ ha detto, “e quella ha implicazioni affinchè la capacità della gente connettesse con altre che mangiano troppo.„

Source:
Journal reference:

Woolley, K., et al. (2019) Food Restriction and the Experience of Social Isolation. Journal of Personality and Social Psychology. doi.org/10.1037/pspi0000223.