Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La terapia fisica pelvica individualizzata fa diminuire l'incontinenza, dolore nei pazienti del post-prostatectomy

Per le decadi, la terapia per rinforzare i muscoli pelvici ha stato il trattamento standard per gli uomini che si occupano dell'incontinenza urinaria dopo la chirurgia di prostata. Ma un nuovo studio dai dipartimenti sudoccidentali di UT dell'urologia e medicina fisica e ripristino suggerisce che non possono essere il migliore approccio.

Lo studio ha esaminato le registrazioni dai pazienti del post-prostatectomy con l'incontinenza urinaria di sforzo - perdita di significato del controllo della vescica mentre starnutendo, chinandosi, ecc. - che hanno ricevuto la terapia fisica fra 2009 e 2014. Il maggior parte trovato ricercatori avuto un certo muscolo “iperattività„ - muscle la tenuta o gli spasmi - piuttosto che appena la debolezza di muscolo, dice Kelly M. Scott, M.D., un professore associato nel dipartimento di medicina fisica e ripristino all'autore sudoccidentale e primo di UT dello studio.

Facendo uso dell'esercizio nel tentativo di rinforzare un muscolo stretto o spasming può essere controproduttivo, rendendo il muscolo più stretto invece di più forte.„

Michelle H. Bradley, un terapista fisico con il programma di riabilitazione pelvico globale nel dipartimento della medicina fisica e un co-author dello studio

Dei 136 pazienti di terapia di cui le registrazioni sono state esaminate per questo studio, 25 hanno avuti soltanto debole, o “underactive,„ i muscoli pelvici del pavimento, 13 hanno avuti muscoli iperattivi o stretti e 98 hanno avuti prova di entrambi, secondo lo studio, ora online e pubblicando presto in un'emissione imminente dell'urologia e della nefrologia internazionali.

“Che era realmente un'individuazione molto sorprendente,„ Scott dice del grande numero di pazienti con sia i muscoli pelvici stretti che deboli del pavimento.

I muscoli tesi possono essere un meccanismo protettivo dopo la lesione da chirurgia, lei spiega. La parte o tutta prostata che circonda l'uretra è eliminata in un prostatectomy, solitamente a causa di cancro. “Ma i risultati dello studio sono al contrario dell'idea prevalente, che è che questi uomini devono avere muscoli molto deboli.„

Quasi ogni paziente ha incontinenza subito dopo di un prostatectomy, Scott dice, ma cali di quella percentuale a circa 5 - 20 per cento in due anni dopo chirurgia. Coloro che non ha veduto che il miglioramento entro due - sei mesi dovrebbe cercare la terapia fisica, dice.

Il trattamento standard ha messo a fuoco sul rafforzamento degli esercizi, a volte facendo uso di cosiddetti esercizi che comprendono le ripetizioni di contratto, poi rilascianti, muscoli di Kegel. Recentemente, medici ed i terapisti hanno cominciato a valutare i pazienti per determinare la giusta terapia piuttosto che presupporre il problema era la debolezza di muscolo, Scott dice. Tuttavia, ha stato pochi o niente studi che esaminano l'efficacia di questo approccio mirato a, dice.

“Questo è forse il primo studio per esaminare il tipo di disfunzione del muscolo presente negli uomini dopo che hanno avuti questa chirurgia. Sono i muscoli realmente deboli e devono essere rinforzati, o sono essi realmente stretti ed appena necessità essere rilassati ed allungati?„ chiede.

Dopo la valutazione di un terapista, gli uomini - tutti i pazienti di Claus Roehrborn, M.D., autore senior dello studio e di un chirurgo, professore e presidenza del dipartimento di urologia - terapia ricevuta a si rilassano o rinforzano i loro muscoli pelvici.

In 87 per cento, incontinenza migliore, con 58 per cento di raggiungimento che cosa è considerato il miglioramento ottimale di bisogni necessari dei due o meno cuscinetti protettivi al giorno, secondo lo studio.

Il dolore era egualmente un problema per 27 per cento dei pazienti, lo studio indicato. Il numero con dolore è caduto a 14 per cento per la fine della terapia, che ha fatto la media leggermente più di quattro sessioni. In coloro che ancora ha avuto certo dolore, il livello riferito è stato diminuito. “Questo è il primo studio per mostrare una diminuzione nel dolore del post-prostatectomy dopo la terapia,„ Scott dice.

Questi risultati dovrebbero incoraggiare altri a lanciare gli studi per verificare la terapia fisica individualizzata, Roehrborn dice.

“Se i pazienti possono rafforzarsi rilassandosi i loro muscoli, quindi c'è più lavoro da fare per capire il migliore modo curare questi pazienti,„ Scott dice.

Source:
Journal reference:

Scott, K.M., et al. (2019) Individualized pelvic physical therapy for the treatment of post-prostatectomy stress urinary incontinence and pelvic pain. International Urology and Nephrology. doi.org/10.1007/s11255-019-02343-7.