Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il trattamento di combinazione diminuisce lo sviluppo del cancro al seno in mouse

Aggiungendo un farmaco usato all'epilessia dell'ossequio, il disordine bipolare e le emicranie ad una medicina di pressione sanguigna hanno invertito alcuni aspetti di cancro al seno nella prole dei mouse ad ad alto rischio della malattia a causa della dieta ad alta percentuale di grassi data alle loro madri durante la gravidanza. Per contro, questa combinazione del trattamento ha aumentato lo sviluppo del cancro al seno nella prole di cui le madri non erano state alimentate una dieta ad alta percentuale di grassi durante la gravidanza. Lo studio dai ricercatori completi del centro del Cancro di Georgetown Lombardi è comparso 30 dicembre 2019, nei rapporti scientifici.

La droga chiave nel regime di studio era acido valproic che, fra parecchi obiettivi, inibisce il deacetylase dell'istone (HDAC), un silenziatore epigenetico importante dei geni. Contrariamente alle mutazioni che permanentemente interromperanno le funzioni normali dei geni, le modifiche epigenetiche sono reversibili. L'acido di Valproic si è combinato con l'idralazina che inibisce un altro regolatore epigenetico critico, methyltransferase del farmaco di pressione sanguigna del DNA (DNMT). Gli studi iniziali del trattamento nella gente hanno indicato che queste due droghe possono lavorare in tandem per interrompere la crescita del tumore.

Crediamo che la nostra ricerca sia la prima per indicare che possiamo invertire alcuni aspetti del rischio di cancro al seno aumentato trovato in prole delle madri del mouse abbiamo alimentato una dieta ad alta percentuale di grassi durante la gravidanza. Ciò che trova può avere implicazioni importanti nella gente perché le esposizioni nell'utero a determinati prodotti chimici, o la dieta ad alta percentuale di grassi di una madre, o essere obesi, possono successivamente aumentare il rischio di cancro al seno di una figlia.„

Leena A. Hilakivi-Clarke, PhD, professore di oncologia a Georgetown Lombardi

Questi risultati della ricerca dimostrano quanto impactful un'aggiunta epigenetica o una sottrazione del gruppo metilico da DNA può essere. I composti che diminuiscono la metilazione dei geni soppressori del tumore che eccessivamente sono metilati (hypermethylated) possono essere utili. Tuttavia, queste droghe possono avere l'effetto opposto se i geni soppressori del tumore non non hypermethylated; possono eliminare i gruppi metilici dai geni cancerogeni, rendenti a questi geni più attivo e potenzialmente principale ai cancri più aggressivi.

L'altro aspetto chiave di questo che trova comprende l'impatto potenziale della dieta sul rischio di cancro. Molte frutta e verdure hanno composti (quali i flavoni) che chimicamente reagiscono negli stessi modi delle droghe di DNMT-inibizione e di HDAC- in questo studio. Alcuni composti in questi alimenti, particolarmente acido folico, hanno di fronte agli effetti. Questa ricerca suggerisce che l'esposizione ad una dieta ad alta percentuale di grassi o i prodotti chimici d'interruzione della ghiandola endocrina nell'utero potrebbe essere invertito tramite il consumo di alimenti su in inibitori di HDAC e di DNMT, mentre coloro che non ha avuto tali esposizioni potrebbero anche trarre un vantaggio protettivo del cancro dagli alimenti di consumo su in acido folico. La nota degli scienziati, tuttavia, che i loro risultati, specialmente come si riferiscono alla dieta, necessità di essere studiato nella gente.

“Il nostro punto seguente sarà di provare ad identificare i biomarcatori in esseri umani che indicano un'esposizione nell'utero alle diete o prodotti chimici d'interruzione della ghiandola endocrina che potrebbero aumentare successivamente il rischio di cancro al seno nella vita,„ ha detto Hilakivi-Clarke. “Se possiamo identificare tali biomarcatori, guarderemo per vedere se gli alimenti specifici consumati dalle donne possono invertire i cambiamenti epigenetici al loro DNA che potrebbe piombo al rischio di cancro al seno aumentato.„

Source:
Journal reference:

de Oliveira Andrade, F., et al. (2019) Reversal of increased mammary tumorigenesis by valproic acid and hydralazine in offspring of dams fed high fat diet during pregnancy. Scientific Reports. doi.org/10.1038/s41598-019-56854-5.