Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori riferiscono la prova che collega “vaping„ a probabilità aumentata di asma e di COPD

Facendo uso dei dati da una grande indagine del telefono del governo federale degli adulti, i ricercatori della medicina di Johns Hopkins riferiscono la prova che inalare il vapore heated del tabacco attraverso le e-sigarette è stata collegata alle probabilità aumentate di asma e della malattia polmonare ostruttiva cronica (COPD), circostanze lungamente dimostrate per essere causato fumando le sigarette tradizionali e combustibili. I dati, i ricercatori dicono, egualmente suggeriscono che le probabilità di sviluppare COPD possano essere fino a sei volte maggior quando la gente le riferisce sia vape che fuma il tabacco regolarmente, rispetto a coloro che non utilizza alcuni prodotti del tabacco affatto.

I rapporti sugli studi sono pubblicati il 2 gennaio nel giornale americano di medicina preventiva e il 16 ottobre nella medicina polmonare di BMC.

Per entrambi gli studi, i ricercatori avvertono che non sono stati destinati per indicare che vaping direttamente causa l'affezione polmonare, ma soltanto se agendo in tal modo è stato associato con una probabilità aumentata di avere malattia. I ricercatori egualmente non hanno distinto fra tabacco vaping rispetto alla cannabis. Egualmente hanno avvertito che i auto-rapporti via le indagini del telefono non possono essere interamente affidabili. Tuttavia, dicono che i loro risultati dimostrano col passare del tempo la necessità per la ricerca continuata con gli utenti della e-sigaretta di confermare e chiarire i rischi.

Sebbene le e-sigarette possano risultare essere camice più sicuro che le sigarette combustibili tradizionali, i nostri studi aggiungono a prova crescente che portano i rischi sanitari. Questi studi sono i primi in una serie studi di lungo termine e di più grandi che più definitivo forniranno la prova per informare gli utenti ed i regolatori di tabacco.„

Michael Blaha, M.D., M.P.H., professore di medicina alla scuola di medicina di Johns Hopkins University

L'asma, tracciata tramite infiammazione delle gallerie di ventilazione e della dispnea, pregiudica i 25 milione Americani stimati e gli episodi pericolosi possono essere avviati facilmente inquinamento, le allergie e fumando. COPD, che pregiudica circa 16 milione Americani, descrive un gruppo di disordini compreso l'enfisema e la bronchite cronica che lo rendono duro respirare col passare del tempo dovuto danneggiamento permanente dei polmoni. Le tariffe di asma e di COPD stanno aumentando universalmente, secondo l'organizzazione mondiale della sanità. La maggior parte dei casi di COPD derivano dal fumo delle sigarette tradizionali.

Uno studio ha pubblicato da Blaha all'inizio di quest'anno negli annali di medicina interna ha stimato quel 1,4% della gente, o circa 1,9 milione di persone negli Stati Uniti, solamente e-sigarette di uso. I rapporti sparsi hanno collegato la pratica ad una punta in EVALI definito malattie respiratorie (e-sigaretta, o nel vaping, lesione di polmone uso-associata del prodotto), pregiudicanti più di 2,500 persone ed associato con le numerose morti, secondo il centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. Poiché vaping ed i prodotti hanno inalato con sono ancora relativamente nuovi al servizio, la sua sicurezza rimangono poco chiari.

Per fare un certo indicatore luminoso sul rischio, i ricercatori hanno approfittato dei dati nazionali di indagine riuniti entro il sistema di sorveglianza comportamentistico di fattore di rischio dal 2016 e 2017. Questa indagine annuale, affidata dal centri per il controllo e la prevenzione delle malattie degli Stati Uniti, ha consistito delle interviste di telefono di più di 400.000 partecipanti adulti e fornisce i dati sui comportamenti correlati con la salute di rischio e sulle condizioni mediche croniche.

Nell'analisi pubblicata nella medicina polmonare di BMC, i ricercatori hanno analizzato i dati da 402,822 persone che non si sono identificate mai come fumatori, significanti hanno detto che avevano fumato meno di 100 sigarette combustibili nelle loro vite. Questi, di 3.103 riferiti facendo uso delle e-sigarette o del vaping ed esclusivamente di 34,074 persone riferite avendo asma. L'età media degli utenti della e-sigaretta era 18-24. Circa 67% degli utenti della e-sigaretta erano uomini. Circa 57% degli utenti della e-sigaretta ha riferito che erano bianche, 19% era ispano e 12% erano neri.

Quasi 11% degli utenti della e-sigaretta ha riferito avere asma, rispetto a 8% di coloro che non aveva usato mai le e-sigarette. Quella gente che ha riferito essere utenti correnti della e-sigaretta era 39% il auto-rapporto che più probabile che ha asma rispetto a quella gente che le ha dette non ha usato mai le e-sigarette. Coloro che ha detto che hanno usato le e-sigarette determinati giorni erano 31% più probabili ed utenti quotidiani erano 73% più probabili riferire l'asma, rispetto agli utenti della non e sigaretta.

Per lo studio pubblicato nel giornale americano di medicina preventiva, i ricercatori hanno analizzato gli stessi dati da tutti i partecipanti interrogati. Dai più di 700.000 intervistati, circa 61% ha riferito non essere mai fumatori, circa 9% erano i fumatori correnti, 30% erano ex fumatori, più di 3% ha detto corrente hanno usato le e-sigarette e 2% ha detto che hanno usato sia le e-sigarette che hanno fumato. Gli utenti della e-sigaretta erano più probabili cadere nell'intervallo di età di 30-34, quasi 60% erano uomini, 72% bianco identificato 8%, quanto il nero, 3,5% asiatici e 11% quanto il latino-americano.

Di coloro che ha detto hanno usato le e-sigarette, circa 11% ha detto hanno avute bronchite cronica, enfisema o COPD, rispetto a 5,6% della gente che ha detto che non avevano usato mai le e-sigarette. Fra mai i fumatori, gli utenti correnti della e-sigaretta erano 75% più probabili riferire avere COPD, rispetto a coloro che non le aveva usate mai. Coloro che le ha dette hanno usato sia le e-sigarette che le sigarette fumate erano quasi sei volte probabilmente riferire avere COPD, rispetto a coloro che non aveva usato mai l'uno o l'altro, mentre appena facendo uso delle sigarette combustibili da solo ha aumentato le probabilità entro tre volte.

“Come medico, sono più mi sono preoccupato per coloro che usa sia le e-sigarette che sigarette combustibili perché possono finire contenendo la maggior parte del nicotina, che può fare la maggior parte del danno,„ dice Albert Osei, M.D., M.P.H., un collega postdottorale alla scuola di medicina di Johns Hopkins University e autore principale sullo studio. “Con la salute pubblica fa una campagna, definitivo abbiamo avuti livelli di fumo giù in alcune popolazioni, ma ora con l'epidemia vaping corrente, prevedo precedentemente un intero nuovo tabacco-naïve, giovane generazione che diventa dipendente da nicotina se non intensifichiamo gli sforzi di educazione sanitaria di salute pubblica.„

Secondo il CDC, di 16 milione di persone negli Stati Uniti che hanno COPD, 38% di loro ancora fumano.

Source:
Journal references:

Osei, A.D., et al. (2019) The association between e-cigarette use and asthma among never combustible cigarette smokers: behavioral risk factor surveillance system (BRFSS) 2016 & 2017. BMC Pulmonary Medicine. doi.org/10.1186/s12890-019-0950-3.

Osei, A.D., et al. (2019) Association Between E-Cigarette Use and Chronic Obstructive Pulmonary Disease by Smoking Status: Behavioral Risk Factor Surveillance System 2016 and 2017. American Journal of Preventive Medicine. doi.org/10.1016/j.amepre.2019.10.014.