Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'esposizione batterica è un fattore di rischio ambientale potenziale nella celiachia di sviluppo

L'esposizione batterica è stata identificata come fattore di rischio ambientale potenziale nella celiachia di sviluppo, uno stato del tipo di autoimmune ereditario che pregiudica circa uno in 70 australiani.

È stimato che la metà di tutti gli australiani nasca con uno di due geni che causano la celiachia e circa uno in 40 è probabile sviluppare la circostanza.

La gente con la celiachia deve seguire una dieta senza glutine per tutta la vita, poichè anche le piccole quantità di glutine possono causare i problemi sanitari.

Mentre i fattori ambientali sono conosciuti per avviare la celiachia in quelli con la predisposizione genetica, esattamente come quel gli impianti è rimanere poco chiari.

Gli scienziati dal Discovery Institute della biomedicina di Monash (BDI) e dal centro dell'ARCO di eccellenza nella rappresentazione molecolare avanzata, ora hanno fornito le fondamenta molecolari per l'esposizione microbica come fattore ambientale potenziale nello sviluppo della celiachia.

I risultati dello studio, fatti in collaborazione con i ricercatori al centro universitario medico di Leida e l'istituto di Eliza e di Walter Corridoio di ricerca medica, sono stati pubblicati nella biologia strutturale e molecolare della natura del giornale.

il Dott. Hugh Reid del ricercatore del Co-cavo, dalla Monash University, ha detto il gruppo indicato, al livello molecolare, come i ricevitori isolati dalle celle di T immuni dai pazienti della celiachia possono riconoscere i frammenti della proteina dai batteri sicuri che imitano quei frammenti da glutine.

L'esposizione a tali proteine batteriche può partecipare alla generazione di riconoscimento aberrante di glutine da queste stesse celle di T quando le persone suscettibili mangiano i cereali che contenente il glutine, ha detto.

Nella celiachia ottenete la reattività aberrante a glutine ed abbiamo fornito un prova-de-principio che c'è un collegamento fra le proteine del glutine e le proteine che sono trovate in alcuni batteri.„

Cioè è possibile che il sistema immunitario reagisca alle proteine batteriche in una risposta immunitaria normale ed in questo modo sviluppi una reazione alle proteine del glutine perché, al sistema immunitario, sembrano indistinguibili - come un mimo.„

Dott. Hugh Reid, ricercatore del Co-Cavo, Monash University

Il Dott. Reid ha detto che i risultati potrebbero finalmente piombo agli approcci diagnostici o terapeutici alla celiachia.

Source:
Journal reference:

Petersen, J, et al. (2019) T cell receptor cross-reactivity between gliadin and bacterial peptides in celiac disease. Nature Structural and Molecular Biology. doi.org/10.1038/s41594-019-0353-4.