L'università di Kentucky riceve $3 milioni per la ricerca in relazione con l'opioide nella regolazione della giustizia penale

L'università di Kentucky recentemente ha ricevuto $3 milioni dall'istituto nazionale su abuso di droga e dall'istituto nazionale sulle scienze mediche generali per costituire un fondo per la nuova ricerca in relazione con l'opioide nel sistema di giustizia penale.

Noto mentre la variazione geografica nello studio del trattamento di dipendenza (PORTONE), il progetto di cinque anni piombo da Carrie Oser, professore della sociologia nell'istituto universitario BRITANNICO delle arti & delle scienze. Oser ed i suoi colleghi metteranno a fuoco sui fattori che influenzano la decisione di una persona per usare uno dei tre farmaci approvati dalla FDA per il trattamento di disordine di uso dell'opioide (OUD) - naltrexone del metadone, della buprenorfina e della esteso-versione.

Sebbene la ricerca indichi che questi farmaci sono altamente efficaci a diminuire l'uso dell'opioide, la trasmissione della malattia infettiva ed il comportamento criminale relazionato con la droga, l'assorbimento di questi farmaci è soltanto circa 7% basso della gente con l'OUD riceve i farmaci - e più della metà delle contee delle KY non hanno alcuni fornitori che prescrivano i farmaci per l'OUD. È ancor più provocatorio per quelli in questione nel sistema di giustizia penale. In questi ultimi anni, il dipartimento del Kentucky delle correzioni ha affrontato questa emissione mettendo a disposizione il naltrexone dentro le loro istituzioni e corrente sta pilotando l'espansione della STUOIA a tre prigioni offrendo la buprenorfina alle persone che OUD che incontra i protocolli clinici e medici.

Lo studio del PORTONE mira ad identificare come le diverse caratteristiche di una persona, le reti personali ed i fattori strutturali influenzano la loro decisione indipendentemente da fatto che catturare il farmaco per l'OUD sia durante l'incarcerazione che dopo la versione e specificamente esaminerà le differenze fra urbano e popolazioni rurali. Mentre altri studi hanno esaminato diversi e fattori strutturali poichè i preannunciatori di uso del farmaco, questo studio è unici nel suo fuoco sulla gente che circonda la persona con l'OUD e come il loro supporto - o manchi di di ciò - ed opinioni influenza le decisioni sulla cattura del farmaco.

Lo scopo è di studiare come i comportamenti, le credenze e gli atteggiamenti delle decisioni della gente per catturare i farmaci sono a forma di con il contatto e la comunicazione con l'altra gente nella loro rete. Siamo interessati in come le reti positivamente o negativamente influenziamo i loro risultati. Quello ci aiuterà ad identificare i punti in cui possiamo intervenire nella rete di quella persona e se ci sono differenze geografiche della rete.„

Carrie Oser, professore di sociologia nell'istituto universitario BRITANNICO delle arti & delle scienze

Per esempio, Oser dice, se una persona con l'OUD ha un genitore che dice che quello facendo uso del farmaco “sta vendendo appena una droga con un altro,„ che fornisce un'opportunità di applicare un intervento educativo su come i farmaci di OUD realmente funzionano con i membri della famiglia nella rete di una persona, in grado di urtare positivamente che le probabilità della persona al ripristino e ad un riuscito rientro nella società.

“Egualmente ci interessiamo alla natura dinamica di queste reti sociali,„ Oser ha detto. “Particolarmente quando passate con una grande esperienza di vita - se state rientrando la società dopo essere stato incarceratoe per un lungo periodo di tempo, la vostra rete può cambiare.„

Durante la durata dello studio, Oser ed il gruppo di ricerca pianificazione intervistare approssimativamente 450 persone con l'OUD, a cominciare da un'intervista del riferimento mentre sono incarcerati e facenti le interviste di seguito nella comunità a sei e 12 mesi dopo che sono rilasciati dalla prigione. Ulteriormente, funzioneranno con i consulenti ed il personale di abuso di sostanza dentro le prigioni per capire meglio il trattamento di inizio dei farmaci e con i clinici di servizio sociale che possono aiutare la gente di collegamento ad ulteriori risorse per la versione seguente di OUD.

Lo scopo finale, Oser dice, è di capire quali interventi dovrebbero essere offerti per aiutare più gente a capire come i farmaci per l'OUD possono salvare le vite.

“Penso che i farmaci circostanti del marchio di infamia per disordine di uso dell'opioide sia una grande parte del problema, ma è egualmente la gente che non capisce appena perché i farmaci potrebbero essere necessari,„ Oser ha detto. “I disordini di uso dell'opioide sono differenti che altri disordini di uso della sostanza - se qualcuno con un OUD ricade, particolarmente dopo che la loro tolleranza è in basso dovuto l'incarcerazione, c'è un'alta probabilità che potrebbero sperimentare una dose eccessiva e morire. Quello è che cosa vogliamo impedire ed i farmaci sono un viale da contribuire ad impedire le dosi eccessive interne.„

Oltre al lavoro con il dipartimento del Kentucky delle correzioni su questo progetto, Oser sta funzionando molto attentamente con i colleghi ricercatori BRITANNICI Michele Staton e Hannah Knudsen, il direttore di progetto Maggie Campe e un gruppo dei ricercatori all'Indiana University.