Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La terapia antipsicotica a lungo termine per la schizofrenia è sicura

I ricercatori a Karolinska Institutet in Svezia ed i loro colleghi in Germania, U.S.A. e Finlandia hanno studiato la sicurezza della terapia antipsicotica molto a lungo termine per la schizofrenia. Secondo lo studio, che è pubblicato in psichiatria del mondo del giornale scientifico, la mortalità era più alta durante i periodi in cui i pazienti non erano sul farmaco che quando erano.

La gente con la schizofrenia ha le speranze di vita media dieci - venti anni sotto la norma e lungamente c'è stato preoccupazione che una delle cause è l'uso a lungo termine delle droghe antipsicotiche. Le compilazioni più in anticipo (meta-analisi) dei risultati dagli studi ripartiti con scelta casuale, tuttavia, hanno indicato che il tasso di mortalità per la gente con la schizofrenia sul farmaco antipsicotico era 30 - 50 per cento più basso di coloro che ha ricevuto il placebo.

Tuttavia, la maggior parte degli studi fatti sono stati più brevi di sei mesi, che non riflettessero la realtà del trattamento spesso che è tutta la vita. I ricercatori da Karolinska Institutet ed i loro colleghi internazionali ora hanno fatto seguito a lungo termine, i risultati precedenti di conferma e una dimostrazione che le droghe antipsicotiche non sono associate a un aumentato rischio delle complicazioni co-morbose, quale la malattia cardiovascolare. Gli studi sono il più grande intrapresi nel campo fin qui.

Sono difficili da raffrontare la gente sul farmaco permanente e coloro che non è, poichè questi gruppi differiscono in molti modi. Un metodo comune di occuparsi di questo è stato di provare a tenere conto di tali differenze quando fa i confronti. Tuttavia, abbiamo scelto un altro metodo, in cui ogni persona era il loro proprio controllo, permettente affinchè noi facesse i diversi confronti dell'ospedalizzazione durante i periodi di farmaco antipsicotico ed i periodi di nessun trattamento.„

Heidi Taipale, assistente universitario al dipartimento di neuroscienza clinica a Karolinska Institutet

I ricercatori riflessi appena al disopra 62.000 finlandesi che avevano ricevuto una diagnosi della schizofrenia a un certo momento fra 1972 e 2014. Ciò che hanno fatto fino al 2015 mediante le registrazioni finlandesi varie d'accesso su, dando un periodo medio di seguito di 14 anni. Hanno trovato che la probabilità dell'ospedalizzazione per una malattia somatica era appena come alta durante i periodi in cui i pazienti erano sulle droghe antipsicotiche come quando non erano. Le differenze nella mortalità, tuttavia, erano notevoli. Il tasso di mortalità cumulativo nel periodo di seguito ai periodi di farmaco e di non farmaco era 26 e 46 per cento rispettivamente.

I ricercatori ritengono che ci sia contributo in modo schiacciante al trattamento antipsicotico continuo per la schizofrenia che è un'opzione più sicura che farmaco. Allo stesso tempo, il trattamento porta il rischio di effetti collaterali negativi, quale un aumento nel peso, che può sollevare il rischio di malattia cardiovascolare. L'individuazione che il trattamento con le droghe antipsicotiche non aumenta della probabilità dell'ospedalizzazione per la malattia cardiovascolare può essere attribuibile, discute i ricercatori, al fatto che le droghe possono anche avere un effetto antipertensivo e possono diminuire l'ansia ed il rischio di abuso di sostanza. Il trattamento antipsicotico può anche aiutare i pazienti ad adottare uno stile di vita più sano ed ad incitarli più probabilmente per cercare la cura una volta avuto bisogno di.

Gli antipsicotici ottengono qualcosa di cattiva stampa, che può renderla difficile raggiungere fuori al gruppo paziente con informazioni su quanto importante sono. Sappiamo dagli studi precedenti che soltanto metà di coloro che è stato scaricato dall'ospedale dopo che il loro primo episodio psicotico con una diagnosi della schizofrenia cattura le droghe antipsicotiche. Inoltre, c'è molta gente con la schizofrenia che è sul farmaco a lungo termine della benzodiazepina, che è nella violazione delle linee guida attuali ed è associato con il rischio aumentato della mortalità. La fiducia e la comprensione dell'edilizia verso l'efficacia e la sicurezza delle droghe antipsicotiche è importanti e speriamo che questo studio possa contribuire a questo scopo.„

Jari Tiihonen, professore di psichiatria al dipartimento di neuroscienza clinica, Karolinska Institutet

Source:
Journal reference:

Taipale, H., et al. (2020) 20-year follow-up study of physical morbidity and mortality in relationship to antipsychotic treatment in a nationwide cohort of 62,250 patients with schizophrenia (FIN20). World Psychiatry. doi.org/10.1002/wps.20699.