Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

UPMC impianta il primo paziente negli Stati Uniti con la nuova unità retinica wireless

UPMC ha impiantato il primo paziente negli Stati Uniti con una nuova unità retinica wireless come componente di un test clinico puntato su riparando la vista parziale ai pazienti con degenerazione maculare senile relativa all'età avanzata (AMD), una malattia che quello piombo a cecità permanente.

" Vision Research " ha avanzato drammaticamente nell'esperienza recente e UPMC è alla prima linea di questo giro di motore. Ciò è la prima di molte tali innovazioni piombo da UPMC e da Pitt che avvantaggieranno i pazienti con perdita della visione nella nostra comunità ed intorno al mondo. Siamo fieri essere il primo centro negli Stati Uniti per collaudare questo innesto retinico della generazione seguente che potrebbe contribuire a trattare una malattia incurabile come AMD.„

José-Alain Sahel, M.D., Direttore della presidenza delle fondamenta del centro dell'occhio di UPMC, dell'occhio e dell'orecchio di oftalmologia e di professore distinto all'università di scuola di medicina di Pittsburgh che ha iniziato la prova a UPMC

Il sistema, chiamato PRIMA, è destinato per riparare la vista in pazienti accecati tramite degenerazione retinica. Consiste 2x2 di un millimetro, un chip fotovoltaico wireless miniaturizzato spesso da 30 micron, collocato nell'ambito della retina e degli impianti nocivi con i vetri aumentati della realtà che hanno un proiettore di infrarosso e della macchina fotografica miniaturizzato accessorio.

Il chip agisce come una retina artificiale minuscola, composta di 378 elettrodi minuscoli che convertono la luce infrarossa dai vetri in segnali elettrici che sono portati dal nervo ottico al cervello. Dopo la ricezione dell'innesto, i pazienti subiscono un programma di riabilitazione intensivo che prepara i loro cervelli per capire ed interpretare i segnali dall'innesto congiuntamente alla loro visione naturale restante. Confrontato agli innesti della presto-generazione, PRIMA è wireless ed ha significantly more elettrodi, che tiene conto la trasmissione di informazioni più visive.

“Questo è incredibilmente un emozionante in primo luogo per noi a UPMC e sono onorato per essere una parte di,„ ha detto Joseph Martel, M.D., il chirurgo d'impianto al centro dell'occhio di UPMC ed alla scuola di medicina di Pitt ed il ricercatore principale della prova a UPMC. “Sono riconoscente ai nostri pazienti che si sono offerti volontariamente per partecipare a questa prova, senza cui questa non sarebbe possibile.„

AMD è la causa principale di perdita della visione nella gente più vecchia di 50. Oggi, pregiudica circa 14 milione di persone negli Stati Uniti e la prevalenza si pensa che aumenti mentre i figli del baby boom invecchiano. Mentre AMD progredisce, il centro della visione diventa sempre più confuso. AMD “atrofico„, che rappresenta una grande proporzione di casse avanzate, non ha trattamento curativo disponibile.

La prova di possibilità di UPMC sta funzionando in parallelo con la prova primo in umana in Francia, che fa partecipare cinque pazienti con AMD avanzato, che ora sono stati seguiti per più di un anno. I risultati di 12 mesi dallo studio francese hanno dimostrato la capacità della maggior parte dei pazienti di identificare le sequenze delle lettere e c'erano effetti contrari seri non unità unità.

“Stiamo lavorando con una grande sensazione di urgenza perché la popolazione di invecchiamento degli Stati Uniti, particolarmente la regione occidentale della Pensilvania noi vive dentro, vederemo un aumento significativo nel numero dei pazienti a rischio di perdita della visione con le malattie come degenerazione maculare senile relativa all'età, il glaucoma e la malattia dell'occhio vascolare come pure termini genetici di inizio più iniziale quale le retinite pigmentose,„ ha detto Sahel. “Ecco perché i nostri medici e ricercatori a UPMC e Pitt, in collaborazione con i nostri Stati Uniti e colleghi internazionali -; particolarmente all'istituto di visione di Parigi all'università di Sorbonne -; stanno catturando uno sforzo multi-fronti per curare e riabilitare i pazienti con i danni della visione.„

Nel marzo 2019, UPMC ha preparato il terreno sulla visione di UPMC e pilone di ripristino a pietà di UPMC, che una volta completata, fornirà la cura clinica di specialità avanzata ed i programmi innovatori per i pazienti ciechi. Egualmente sarà la casa per il programma di ricerca della visione a Pitt e a UPMC.

L'innesto di PRIMA è stato inventato da Daniel Palanker, il Ph.D., professore dell'oftalmologia alla Stanford University ed è stato conceduto una licenza a e sviluppato stato dalla visione di Pixium, un prodotto derivato dall'istituto della visione di Parigi. Sahel è un co-fondatore di Pixium e detiene le azioni nella società.