Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Studio: Soltanto 25% dei pazienti di Assistenza sanitaria statale partecipano al ripristino cardiaco

Troppo poca gente coperta da Assistenza sanitaria statale ha partecipato al ripristino cardiaco del paziente esterno dopo un attacco di cuore o un evento del cuore o un ambulatorio acuto, specialmente donne, i pazienti anziani e di colore, secondo la nuova ricerca pubblicata oggi alla circolazione del giornale dell'associazione americana del cuore: Qualità e risultati cardiovascolari.

Ogni anno, adulti stimati i 1,3 milione degli Stati Uniti con la malattia di cuore possono qualificarsi per ripristino cardiaco (questo numero non include quelli con infarto di qualificazione). Il ripristino cardiaco del paziente esterno è stato indicato per migliorare i risultati di salubrità fra i pazienti che hanno infarto, hanno sofferto gli attacchi di cuore o hanno subito una procedura cardiaca quale la chirurgia di esclusione di arteria coronaria. Questo studio d'osservazione ha misurato i tassi di partecipazione ed ha identificato le popolazioni e le regioni più a rischio di ripristino cardiaco suboptimale.

Nell'esame di più di 366.000 pazienti coperti da Assistenza sanitaria statale che erano ammissibili per ripristino cardiaco del paziente esterno nel 2016, i ricercatori hanno trovato:

  • soltanto circa 25% (circa 90.000) ha partecipato ad un programma di riabilitazione cardiaco;
  • fra coloro che ha partecipato al ripristino cardiaco, solo 24% ha cominciato il programma entro 21 giorno dell'evento o dell'ambulatorio cardiaco acuto; e
  • fra coloro che ha partecipato al ripristino cardiaco, solo circa 27% ha completato il corso completo sessioni dei 36 raccomandati o più cardiaci di ripristino, che sono state indicate per migliorare i risultati di salubrità.

Il ripristino cardiaco ha prova ben fondata dimostrare il suo salvataggio e vita migliorare i vantaggi e la parte B Di Assistenza sanitaria statale fornisce la copertura per il programma. Tuttavia, la partecipazione ai programmi di riabilitazione cardiaci rimane bassa fra la gente coperta da Assistenza sanitaria statale. I tassi di partecipazione di completamento e bassi osservati traducono a verso l'alto di 7 milione opportunità mancanti in questo studio potenzialmente di migliorare i risultati di salubrità se 70% di loro coprisse da Assistenza sanitaria statale che ha avuta un attacco di cuore o l'evento o l'ambulatorio acuto del cuore ha partecipato al ripristino cardiaco e completasse 36 sessioni.„

Matthew D. Ritchey, P.T, D.P.T., O.C.S., M.P.H., autore di studio del cavo, ricercatore ai centri per divisione della prevenzione e del controllo di malattie per la prevenzione del colpo e della malattia di cuore

Risultati supplementari di studio inclusi:

  • La partecipazione al ripristino cardiaco del paziente esterno è diminuito con l'aumento dell'età, con soltanto circa 10% dell'età 85 dei pazienti e la più vecchia partecipazione, contro circa 32% di quelle invecchia 65 - 74.
  • La partecipazione era più bassa fra le donne che gli uomini, circa 19% contro circa 29%, rispettivamente.
  • Più della metà dei pazienti ammissibili di ripristino cardiaco ha avuto meno di 5 stati del comorbid.
  • I bianchi del Non Latino-americano hanno avuti il più alto tasso di partecipazione a circa 26%, contro 16% per gli asiatici, 14% per i nero del non Latino-americano e 13% per i latino-americani.
  • La partecipazione egualmente ha variato dalla regione, con ripristino cardiaco che è più basso nel sud-est degli Stati Uniti e nella regione appalachiana.
  • I pazienti che hanno avuti una procedura quale la chirurgia di esclusione coronaria erano più probabili partecipare al ripristino cardiaco che coloro che ha avuto un attacco di cuore senza la procedura eseguita.

I ricercatori hanno notato che i pazienti affrontano le barriere sistematiche, logistiche e culturali all'assistere ed a completare ad un programma di riabilitazione cardiaco del paziente esterno. Al livello di sistema, non ci sono trattamenti universalmente accettati, automatizzati, elettronici di rinvio per i servizi cardiaci di ripristino. A livello personale, i pazienti non possono completare il ripristino dovuto i costi e/o il tempo necessari per partecipare al programma contro il ritorno al lavoro e ad altri impegni personali.

“Migliorare la consapevolezza del valore del rinvio cardiaco aumentare, di ripristino dei pazienti ammissibili e ridurre il sistema e delle barriere del paziente alla partecipazione sono tutte le tappe critiche nel miglioramento del rinvio, iscrizione ed i tassi di partecipazione, che, a loro volta, possono migliorare i risultati pazienti,„ hanno detto Ritchey. “Per esempio, l'agenzia per la ricerca di sanità e la qualità, recentemente hanno lanciato l'iniziativa di TAKEheart per applicare con attenzione il coordinamento automatico di trattamenti di rinvio per aumentare i rinvii, l'iscrizione e la conservazione cardiaci di ripristino attraverso le centinaia di ospedali. Ciascuno di questi programmi è particelle elementari importanti per miglioramento continuato per i pazienti.„

Questo studio ha presentato le seguenti limitazioni:

  • I codici di fatturazione sono stati usati per identificare i pazienti ammissibili per ripristino cardiaco, tuttavia, le tariffe di rinvio non possono essere valutate con uso dei dati di fatturazione.
  • Le informazioni cliniche non erano disponibili per i pazienti; quindi, gli autori non potevano convalidare la fatturazione codifica usato o escludere i pazienti che non possono essere appropriati per ripristino cardiaco.
  • Questo studio si è limitato a valutare l'uso cardiaco di ripristino fra i pazienti più anziani con copertura originale di Assistenza sanitaria statale, quindi, i risultati non possono essere generalizzabili ai membri di vantaggio di Assistenza sanitaria statale o ai più giovani pazienti.
  • Gli autori non potevano gestire per i fattori che possono pregiudicare i loro risultati quale la disponibilità dei programmi di riabilitazione cardiaci nelle comunità sicure.

“È egualmente importante migliorare la capacità nell'ambito dei programmi di riabilitazione cardiaci esistenti ed indirizzare le scarsità nei programmi disponibili, particolarmente nelle zone rurali. Una strategia per l'indirizzo delle queste scarsità potrebbe essere di aumentare l'uso di da casa o il ripristino tele-cardiaco, che sono stati indicati per raggiungere i simili risultati di salubrità rispetto aa cura basata a centro di ripristino,„ ha detto Ritchey.

Nel 2019, l'associazione americana del cuore ha pubblicato una nuova istruzione scientifica, una collaborazione con l'associazione americana per ripristino cardiovascolare e polmonare e l'istituto universitario americano della cardiologia, dettagliando il bisogno di ed i vantaggi dei programmi di riabilitazione cardiaci da casa migliorare i risultati pazienti di salubrità e di accesso. L'associazione americana del cuore egualmente supporta Access aumentante ad una Legge cardiaca di cura di ripristino di 2019 (H.R. 3911), introdotta nella Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti nel luglio 2019. Misure cliniche della prestazione e di qualità le di 2018 ACC/AHA per ripristino cardiaco, pubblicate nell'aprile 2018, forniscono un rapporto completo sulle misure di qualità e della prestazione che possono valutare e migliorano la qualità dell'assistenza per i pazienti ammissibili per ripristino cardiaco.

“I risultati di questo studio confermano il bisogno urgente di aumentare la partecipazione a e di accedere a ai programmi di riabilitazione cardiaci - particolarmente poiché sono coperti da Assistenza sanitaria statale e molte società di assicurazioni,„ ha detto che Randal J. Thomas, M.D., M.S., presidenza del comitato di scrittura di ACC/AHA per le misure scientifiche unite di prestazione e di istruzione riferisce e Direttore medico del programma di riabilitazione cardiaco e professore di medicina alla clinica di Mayo a Rochester, Minnesota. “Il ripristino cardiaco fornisce i supporti, i servizi e l'orientamento essenziali di sanità che si rivelano essere critici al ripristino ottimale dei pazienti dopo un evento cardiovascolare importante e la diminuzione dell'incidenza degli eventi secondari e dell'inabilità a lungo termine. Dobbiamo trovare i modi migliorare l'accesso paziente a ripristino cardiaco.„

Source:
Journal reference:

Ritchey, M. D., et al. (2020) Tracking Cardiac Rehabilitation Participation and Completion Among Medicare Beneficiaries to Inform the Efforts of a National Initiative. Circulation: Cardiovascular Quality and Outcomes. doi.org/10.1161/CIRCOUTCOMES.119.005902.