Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il numero delle operazioni realizzate in un ospedale si è collegato a successo della chirurgia del cancro

I tumori del colon, cosiddetti carcinoma colorettali, sono i secondi - terzi più frequenti tumori in donne ed uomini in Germania. La rimozione chirurgica dei tumori è una componente centrale della terapia.

Due aspetti sono importanti per la sopravvivenza a lungo termine dopo chirurgia: in primo luogo, ambulatorio oncologically corretto e secondariamente, il giusto trattamento se le complicazioni sorgono dopo chirurgia.„

Dott. Armin Wiegering, testa del palladio del centro viscerale di oncologia all'ospedale universitario di Würzburg in Baviera, Germania

C'è una chiara correlazione fra il numero delle operazioni realizzate all'anno in un ospedale e nella possibilità di sopravvivenza. Ciò è stata indicata dal gruppo di ricerca di Wiegering in uno studio di cui i risultati sono pubblicati in BJS aperto, un giornale della società britannica di chirurgia.

I tassi di mortalità in piccoli ospedali sono due volte alti

I risultati dello studio: In ospedali che realizzano poche operazioni sui carcinoma colorettali (una media di sei all'anno), il tasso di mortalità postoperatorio è due volte più alto in ospedali con i grandi numeri di caso (una media di 50 all'anno).

Questa differenza non è dovuto il fatto che le complicazioni si presentano più spesso in più piccoli ospedali - perché, secondo Wiegering, questo accade circa ugualmente spesso in tutti gli ospedali. Piuttosto, la differenza è che i pazienti in piccoli ospedali muoiono più spesso dalle complicazioni. “In grandi ospedali, d'altra parte, c'è un'infrastruttura sufficiente per salvare i pazienti in caso di complicazioni postoperatorie,„ ha detto il medico di Würzburg.

Fatti e figure dello studio

In Germania, più della metà di tutti i pazienti con tumore del colon corrente sono gestiti in ospedali che non incontrano i numeri minimi di caso (50 all'anno) richiesti dall'associazione del cancro tedesca DKG. Con più di 150 casi all'anno, l'ospedale universitario di Würzburg è uno degli ospedali con i numeri molto alti di caso.

Lo studio ha incluso tutti i casi dei carcinoma colorettali che sono stati gestiti in ospedali in Germania fra 2012 e 2015. Quello era complessivamente 64.349 pazienti. Attraverso tutti gli ospedali, 3,9 per cento dei pazienti sono morto. In piccoli ospedali la tariffa era 5,3 per cento, in grandi cliniche soltanto 2,6 per cento.

Studi su ulteriori malattie del tumore

“Questo è la prima volta che abbiamo potuti provare per la Germania che c'è una chiara correlazione fra il numero dei pazienti ha funzionato all'anno ed il successo dell'operazione,„ ha detto Wiegering. Il suo gruppo è stato sorpreso a quanto grande la differenza è. “Non avevamo preveduto che il tasso di mortalità in più piccole cliniche fosse due volte alto. È quindi elementare gestire sopra i pazienti in ospedali di cui il personale medico ha esperienza sufficiente.„

Il gruppo di Wiegering ora pianificazione effettuare le simili analisi per i carcinoma dello stomaco, le metastasi del fegato ed altre malattie del tumore.

Source:
Journal reference:

Diers, J., et al. (2020) Nationwide in‐hospital mortality rate following rectal resection for rectal cancer according to annual hospital volume in Germany. BJS Open. doi.org/10.1002/bjs5.50254.