Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La maggior parte delle gioventù non ottengono il trattamento tempestivo di dipendenza dopo la dose eccessiva dell'opioide

Uno studio su più di 4 milione registrazioni di reclami di Medicaid durante il periodo di sette anni recente conclude quello più di meno di un terzo dei quasi 3.800 adolescenti degli Stati Uniti e di giovani adulti che hanno sperimentato una dose eccessiva non fatale dell'opioide ottenuta (entro 30 giorni) il trattamento tempestivo di dipendenza di seguito per porre freno o impedire l'uso improprio futuro e per diminuire il rischio di seconda dose eccessiva.

L'analisi, piombo dai ricercatori alla medicina di Johns Hopkins, egualmente ha trovato quel soltanto 1 in 54 -; meno di 2% -; consiglio ricevuto e farmaci di standard-de-cura raccomandati dall'accademia americana di pediatria (AAP) per il trattamento del disordine di uso dell'opioide.

“Se 1 in 54 giovani con asma o il diabete non riuscisse a ricevere le terapie standard per le situazioni di emergenza con le loro malattie, non lo accetteremmo,„ dice Rachel Alinsky, M.D., M.P.H., un pediatra e un collega adolescente della medicina al ricercatore del centro e del cavo dei bambini di Johns Hopkins dello studio descritto recentemente nella pediatria di JAMA. “Tuttavia, questo è dove siamo ora con il trattamento che il nostro sistema può fornire alle gioventù che hanno sopravvissuto ad una dose eccessiva dell'opioide -; e dobbiamo fare meglio per loro.„

Il centri per il controllo e la prevenzione delle malattie degli Stati Uniti (CDC) riferisce nel 2017 quello, circa 68% delle più di 70.200 morti dell'overdose negli Stati Uniti ha compreso uno dei tre tipi di opioidi: droghe illegali quale eroina; farmaci di prescrizione quali il oxycodone (OxyContin), il hydrocodone (Vicodin), la morfina ed il metadone; ed opioidi sintetici quale fentanil. Di quelle morti, appena al disopra 4.000 erano fra quelle età 15 - 24. Ulteriormente, il CDC dice che il tasso di mortalità dell'opioide per il minorenne 20 della gente ha triplicato dall'anno 2000.

Le tariffe delle dosi eccessive non fatali dell'opioide per gli anni dell'adolescenza ed i giovani adulti egualmente hanno intensificato, rappresentando le più di 7.000 ospedalizzazioni e visite stimate le 28.000 di un pronto soccorso appena nel 2015, l'anno più recente per cui i dati sono disponibili.

Alinsky dice che il rischio di dose eccessiva ricorrente per questo gruppo è estremamente alto. Per esempio, dice, più di 8% delle gioventù nel nuovo studio che è sopravvissuto a una dose eccessiva dell'eroina ha sperimentato un altro una entro tre mesi.

Che cosa fa questi numeri così che allarmano è che un intervento provato di dipendenza è disponibile. Secondo il AAP, una combinazione di consiglio e di farmacoterapia comportamentistici di salubrità -; facendo uso di buprenorfina, di metadone o del naltrexone prescritto -; è stato indicato efficace alla diminuzione dell'uso dell'opioide ed a tenere i pazienti nella cura che segue una dose eccessiva.

È stato stimato che gli anni dell'adolescenza ed i giovani adulti fossero soltanto un decimo probabile quanto quelli sopra l'età 25 ottenere al il trattamento basato a prova raccomandato per disordine di uso dell'opioide. Nel nostro studio, abbiamo voluto esaminare più specificamente che cosa accade ai giovani pazienti dopo che una dose eccessiva non fatale dell'opioide e confronta quei dati a quelli per gli adulti.„

Rachel Alinsky, pediatra e collega adolescente della medicina ai bambini di Johns Hopkins concentrare

Facendo uso di un database nazionale stabilito dei reclami di Medicaid dal 2009 al 2015, i ricercatori hanno esaminato le registrazioni di appena al disopra 4 milione di persone, le età 13 - 22, da 16 stati e dalla rappresentazione di tutte le regioni di censimento degli Stati Uniti.

Per le 3.606 gioventù che hanno sperimentato una dose eccessiva non fatale dell'opioide e sono state iscritte a Medicaid per i 30 giorni dopo l'incidente, i ricercatori hanno imparato quanto segue circa il trattamento della post-dose eccessiva ricevuto durante quel periodo di tempo:

  • 2.483 (68,9%) non hanno ricevuto alcun trattamento di dipendenza, comportamentistico o farmacologico
  • 1.056 (29,3%) hanno ricevuto i servizi sanitari comportamentistici da solo
  • Soltanto 67 (1,9%) hanno ricevuto uno dei tre farmaci approvati per disordine di uso dell'opioide

Alinsky dice questi risultati mostrano che quello più di due terzi delle gioventù che hanno avute dosi eccessive non riuscite per ricevere qualunque intervento nei 30 giorni e 98% non ha convinto la terapia del farmaco durante quella portata per aiutarli per diminuire il rischio di secondo e dose eccessiva potenzialmente interna.

C'è probabile molte ragioni per questo spazio del trattamento, dice.

“Per esempio, il disordine di uso dell'opioide spesso non è considerato una malattia “pediatrica„, in modo dai pediatri non possono essere informati del problema o sapere efficacemente trattare con un paziente che ha avuto una dose eccessiva,„ Alinsky spiega. “Ulteriormente, c'è un marchio di infamia diffuso fissato a usando i farmaci a disordine di uso dell'opioide dell'ossequio, con alcuno che lo considera “che sostituisce appena una droga con un altro„ o “per essere usato soltanto come ultima località di soggiorno. “„

Altre barriere a cura esistono pure, dice. Questi comprendono il numero limitato degli impianti del trattamento di dipendenza disponibili per le gioventù ed il fatto che molto pochi fornitori pediatrici sono stati certificati per prescrivere i farmaci raccomandati.

Sulla base dei loro risultati, Alinsky ed i suoi colleghi invitano i fornitori di cure mediche, particolarmente medici e pediatri del pronto soccorso, ad includere i pazienti adulti adolescenti e giovani con le dosi eccessive non fatali dell'opioide nei programmi di trattamento di dipendenza appena possibile che seguono il trattamento dell'incidente iniziale. , Dice, i clinici dovrebbero dare la priorità ulteriormente a migliorare l'accesso paziente alla farmacoterapia.

“Se i pazienti con le dosi eccessive non arrivano la destra collegata nel pronto soccorso alla cura appropriata di seguito che potrebbe aiutarle per evitare una ricorrenza, essi o le loro famiglie dovrebbero chiedere assistenza nella fabbricazione accadono,„ Alinsky dice. “Abbiamo programmi di trattamento che funzionano efficacemente e salvano le vite, ma che non importa se i pazienti non entrano in loro.„

Source:
Journal reference:

Alinsky, R. H., et al. (2020) Receipt of Addiction Treatment After Opioid Overdose Among Medicaid-Enrolled Adolescents and Young Adults. JAMA Pediatrics. doi.org/10.1001/jamapediatrics.2019.5183.