Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'influenza di neuroanatomia sulla risposta di trattamento dei pazienti con la nevralgia del trigemino

Un nuovo studio pubblicato nella cefalalgia del giornale, la Gazzetta ufficiale della società internazionale di emicrania, mostra i dati senza precedenti per quanto riguarda l'influenza neuroanatomical sulla risposta del trattamento dei pazienti con la nevralgia del trigemino. Lo studio, intitolato “volume del nervo trigemino e Hippocampal predice il risultato del trattamento chirurgico per la nevralgia del trigemino„, è stato condotto dal gruppo di ricerca del Dott. Tejas Sankar, dall'università di alberta, il Canada.

La nevralgia del trigemino (TG) è un dolore facciale nella parte più bassa della fronte di taglio, principalmente ha ritenuto nella maschetta accanto al radiatore anteriore o nella mascella. Secondo la versionerd 3 della classificazione internazionale dei disordini di emicrania - ICHD-3, TG è descritto come segue:

“Un disordine caratterizzato dai brevi dolori del tipo di scossa elettrici unilaterali ricorrenti, bruschi nell'inizio e nella chiusura, limitato alla distribuzione di una o più divisioni del nervo trigemino ed avviato dagli stimoli innocui. Può svilupparsi senza causa evidente o essere un risultato di un altro disordine diagnosticato. Ulteriormente, ci può essere dolore continuo concomitante dell'intensità moderata all'interno delle distribuzioni delle divisioni commoventi del nervo.„

I due moduli più comuni del TN sono tipi non-lesional, vale a dire, il TN classico, connesso con compressione neurovascular della zona dell'entrata della root del nervo e del TN idiopatico, che si presenta in assenza di compressione neurovascular. Occasionalmente, il TN può essere dovuto le lesioni. La decompressione microvascolare è una procedura neurochirurgica adottata come alternativa ai pazienti refrattari ai trattamenti farmacologici.

Sulla base dei dati precedenti che indicano che il volume del nervo trigemino e la sezione trasversale sembrano essere diminuiti coerente dal lato commovente in pazienti con il TN, il Dott. Sankar ed il suo gruppo hanno supposto che i pazienti di TN che non reagiscono al trattamento chirurgico potrebbero essere caratterizzati dalle funzionalità neuroanatomical distinte.

Il gruppo del Dott. Sankar ha valutato 37 classici o i pazienti idiopatici di TN. Neuroimaging si è verificato da imaging a risonanza magnetica di T2-weighted (1.5T) è stato eseguito entro i 12 mesi precedentemente l'ambulatorio microvascolare della decompressione. Il nervo trigemino e le strutture subcortical del cervello in questione nel relè sensoriale del trigeminale (talamo) o come contributori potenziali alle componenti limbiche di dolore cronico (ippocampo, amigdala), sono stati analizzati. Hanno confrontato le parti ipsilateral e controlaterali del lato di dolore, del volume totale del nervo (ipsilateral + controlaterale) e di % di differenza ((ipsilateral - controlaterale/ipsilateral) 100).

La tariffa dei radar-risponditore (cioè, ripetizione della chirurgia di dolore relief/no recurrence/no che segue 1 anno di chirurgia) era 68%, in accordo gli studi precedenti. I risultati principali sono elencati qui sotto:

  • In tutti i pazienti, il volume del talamo era più grande controlaterale al lato di dolore che ipsilateral;
  • i Non radar-risponditore hanno presentato il più grande volume intracranico, il volume del nervo trigemino controlaterale al lato di dolore ed il più grande volume controlaterale dell'ippocampo che i radar-risponditore;
  • i Non radar-risponditore hanno mostrato il più grande volume totale ed ipsilateral dell'ippocampo che i radar-risponditore pure;
  • Il volume controlaterale dell'ippocampo e del nervo trigemino era preannunciatori della risposta del trattamento, in cui più grandi volumi di entrambe le strutture connesse con i pazienti dei non radar-risponditore;
  • Sia l'ippocampo ipsilateral che controlaterale era contributori significativi di accuratezza di previsione;

Sebbene lo studio riferisca i risultati originali e confermi quei precedenti, l'avvertenza di esercizio degli autori che interpreta i loro dati e riflette: “Il fenomeno della resistenza del trattamento nel dolore cronico è improbabile da essere guidato da una singola struttura, malgrado i nostri risultati. Gli esami futuri della connettività e della rete fra i radar-risponditore e i non radar-risponditore complementerebbero piacevolmente questo lavoro, come l'ippocampo - e potenzialmente altre strutture limbiche pure - possono rappresentare un vertice all'interno delle reti che lavorano insieme per influenzare il dolore.„

I risultati per quanto riguarda l'ippocampo sottolineano la pertinenza di questa area del cervello come l'integratore emozionale dell'esperienza cronica di dolore, per quanto riguarda l'emicrania ed i disordini facciali di dolore. Per esempio, nell'emicrania, le alterazioni strutturali del cervello compreso il più alta connettività nell'ippocampo recentemente è stata riferita da altri ricercatori.

Source:
Journal reference:

Danyluk, H., et al. (2019) Hippocampal and trigeminal nerve volume predict outcome of surgical treatment for trigeminal neuralgia. Cephalalgia. doi.org/10.1177/0333102419877659.