Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il primo paziente di glioblastoma ha trattato con il virus polio geneticamente modificato al UH

Il centro (UH) del Cancro di Seidman degli ospedali universitari ha curato il suo primo paziente in un nuovo test clinico per convalidare gli effetti approfonditi del virus polio sul glioblastoma (GBM), un cancro micidiale del grado IV del cervello.

Il UH è il solo sito di Midwest che partecipa a questo test clinico, che è stato iniziato a duca Cancer Institute a Durham, NC. Lo studio originale, che ha funzionato dal 2012-2017, è stato pubblicato in New England Journal di medicina nel luglio 2018 come pure è stato evidenziato “su 60 minuti„ nel 2015 ed ancora nel 2018. Lo studio ha trovato che i tassi di sopravvivenza erano significativamente più alti nei pazienti di glioblastoma che hanno ricevuto un'infusione intratumoral di una chimera virale modificata che combina la polio ed i rhinoviruses (immunoterapia di PVSRIPO) hanno confrontato ai pazienti che ricevono il trattamento standard alla stessa istituzione.

Siamo fieri che gli ospedali universitari sono stati selezionati mentre uno di una manciata di centri superiori di tumore cerebrale quali il policlinico di Massachusetts e il UCSF ha partecipato a questo test clinico di fase II basato sulla nostra competenza nell'immunoterapia e sulla reputazione per il trattamento dei tumori cerebrali. Vogliamo offrire questa opportunità del trattamento ai pazienti con i glioblastomas ricorrenti che vogliono perseguire le alternative approfondite che possono migliorare le loro possibilità di sopravvivenza dal più provocatorio dei tumori al cervello.„

Andrew E. Sloan, MD, FAANS, FACS, Direttore del centro di Neuro-Oncologia e di tumore cerebrale e del centro di eccellenza in Neuro-Oncologia di traduzione al centro del Cancro di UH Seidman ed all'istituto neurologico di UH

L'uomo di 59 anni in primo luogo iscritto a questa prova ha sofferto dal glioblastoma che è ricorso dopo ambulatorio ed il trattamento iniziali. A seguito di una biopsia per verificare la progressione del tumore cerebrale, il Dott. Sloan ha collocato un catetere nel tumore ed il virus polio attenuato modificato convected tramite il catetere nel tumore la mattina dopo. Con questo trattato, conosciuto come convezione ha migliorato la consegna (CED) ed ha eseguito nell'unità di cura di NeuroIntensive al centro medico di UH Cleveland, il virus polio attacca il tumore che crea una risposta immunitaria antitumorale. Il paziente è andato a casa il giorno successivo.

“Questa prova usa un virus di polio modificato specificamente per mirare ad un ricevitore (CD155) trovato soltanto sulle celle del tumore,„ il Dott. Sloan ha detto. “Mentre uccide soltanto direttamente un piccolo numero di celle del tumore, il virus e la risposta immunitaria esercita gli esposti queste celle del tumore, che stanno nascondendo dal sistema immunitario e creano una risposta immunitaria antitumorale significativa che assume la direzione di ed uccidono il resto del tumore che il virus non ha distrutto. A differenza del virus indigeno di polio, il virus modificato non attacca i neuroni.„

Tradizionalmente, la sopravvivenza da un GBM è di meno che un anno ed i pazienti vivono tipicamente meno di sei mesi dopo la ricorrenza. Il tasso di sopravvivenza fra quelli che ricevono l'immunoterapia di PVSRIPO era 21 per cento a 24 e 36 mesi, molto più superiore al tasso di sopravvivenza di 4 per cento fra i comandi storici trattati a duca, secondo l'articolo pubblicato in New England Journal di medicina il 12 luglio 2018.

I ricercatori a duca in primo luogo hanno scoperto che il virus polio consegnato direttamente nei tumori intracranici poteva avviare una reazione immune positiva, che piombo notoriamente ad un tasso di sopravvivenza più lungo dal cancro dell'difficile--ossequio. Nella fase I del test clinico, medici hanno determinato la dose corretta del virus per amministrare mentre attenuavano gli effetti secondari. Nella fase II, i ricercatori confronteranno i risultati in pazienti.

“L'organismo ha una memoria immunologica stupefacente,„ il Dott. Sloan ha detto. “Se avete ricevuto il vaccino antipolio come bambino, il vostro sistema immunitario si ricorda che la polio è una cattiva cosa. L'iniezione degli salto-avvii del virus di polio la risposta immunitaria, che a sua volta attacca il cancro.„