La dieta del cheto produce le indennità-malattia a breve termine, ritrovamenti di studio di Yale

Una dieta ketogenic -- quale fornisce 99% delle calorie da grasso e soltanto 1% dai carboidrati -- produce le indennità-malattia a breve termine, ma gli effetti negativi dopo circa una settimana, ricercatori di Yale trovati in uno studio dei mouse.

I risultati offrono le indicazioni iniziali che la dieta del cheto potrebbe, per i periodi di tempo limitati, migliorare le sanità abbassando il rischio e l'infiammazione del diabete. Egualmente rappresentano un primo punto importante verso i test clinici possibili in esseri umani.

La dieta del cheto è diventato sempre più popolare mentre le celebrità, compreso Gwyneth Paltrow, Lebron James e Kim Kardashian, lo hanno sollecitato come regime di perdita di peso.

Nello studio di Yale, pubblicato nell'emissione del 20 gennaio del metabolismo della natura, i ricercatori hanno trovato che il positivo e gli effetti negativi della dieta entrambi si riferiscono alle celle immuni chiamate cellule T di delta di gamma, celle tessuto-protettive che abbassano il rischio e l'infiammazione del diabete.

Una dieta del cheto inganna l'organismo nella bruciatura grasso, ha detto l'autore principale Vishwa profondo dixit della scuola di medicina di Yale. Quando il livello del glucosio dell'organismo è diminuito dovuto il tenore in carboidrati basso della dieta, l'organismo agisce come se sia in uno stato di inedia -- sebbene non sia -- e comincia a masterizzare i grassi invece dei carboidrati. Questo trattamento a sua volta rende i prodotti chimici chiamati organismi di chetone come fonte alternativa di combustibile. Quando l'organismo masterizza gli organismi di chetone, le cellule T tessuto-protettive di delta di gamma si espandono in tutto l'organismo.

Ciò diminuisce il rischio e l'infiammazione del diabete e migliora il metabolismo dell'organismo, ha detto dixit, il Waldemar Von Zedtwitz Professore di medicina comparativa e del Immunobiology. Dopo una settimana sulla dieta del cheto, disse, i mouse mostrano una riduzione delle glicemie e dell'infiammazione.

Ma quando l'organismo è in questo modo “affamato-non-affamato„, lo stoccaggio grasso egualmente sta accadendo simultaneamente con la lipolisi, i ricercatori trovati. Quando i mouse continuano a mangiare l'ad alta percentuale di grassi, dieta a basso contenuto di carboidrati oltre una settimana, dixit ha detto, essi consumano più grasso di possono bruciare e sviluppano il diabete e l'obesità.

“Perdono le cellule T protettive di delta di gamma nel grasso,„ ha detto.

Gli studi clinici a lungo termine in esseri umani sono necessari ancora da convalidare i reclami aneddotici delle indennità-malattia del cheto.

Prima che una tal dieta possa essere prescritta, un grande test clinico nelle condizioni controllate è necessario da capire il meccanismo dietro i vantaggi metabolici ed immunologici o tutto il danno potenziale alle persone che sono di peso eccessivo e pre-diabetiche.„

Vishwa in profondità dixit, autore principale, scuola di medicina di Yale

Ci sono buoni motivi perseguire ulteriore studio: Secondo i centri per controllo di malattie, circa 84 milione adulti americani -- o più di uno su tre -- abbia prediabetes (glicemie aumentate), mettenti loro all'elevato rischio di sviluppare il diabete di tipo 2, la malattia di cuore ed il colpo. Più di 90% della gente con questa circostanza non sanno che la hanno.

“L'obesità ed il diabete di tipo 2 sono malattie di stile di vita,„ dixit ha detto. “La dieta concede alla gente un modo essere nel controllo.„

Con gli ultimi risultati, i ricercatori ora migliorano capiscono i meccanismi sul lavoro negli organismi continui sulla dieta del cheto e perché la dieta può portare le indennità-malattia per i periodi di tempo limitati.

“I nostri risultati evidenziano l'interazione fra metabolismo ed il sistema immunitario e come coordina il mantenimento della funzione sana del tessuto,„ ha detto Emily Goldberg, il collega postdottorale nella medicina comparativa che ha scoperto che la dieta del cheto amplia le celle di T di gamma-delta in mouse.

Se la lunghezza ideale della dieta per le indennità-malattia in esseri umani è un oggetto per gli studi successivi, dixit ha detto, scoprendo che il cheto è migliore a piccole dosi è buone notizie, ha detto: “Chi vuole per sempre essere su una dieta?„

Source:
Journal reference:

Goldberg, E. L., et al. (2020) Ketogenesis activates metabolically protective γδ T cells in visceral adipose tissue. Nature Metabolism. doi.org/10.1038/s42255-019-0160-6.