Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli assistenti virtuali non forniscono il dato affidabile e valido sulle emergenze mediche

Gli assistenti virtuali ancora non vivono fino al loro considerevole potenziale quando si tratta del fornire agli utenti il dato affidabile e valido sulle emergenze mediche, secondo un nuovo studio dall'università di ricercatori di alberta.

Stavamo sperando di trovare che le unità avessero un migliore tasso di risposta, particolarmente alle istruzione come “qualcuno sta morendo„ e “voglio morire, “contro le cose come 'ho una solarizzazione o un nastro. Non ritengo che c'è ne delle unità abbiano fatto come pure avrei gradito, sebbene alcune delle unità abbiano migliorato che altre.„

Christopher Picard, autore principale, lo studente della lastra nella facoltà di professione d'infermiera ed educatore clinico al pronto soccorso dell'ospedale del Misericordia di Edmonton

Co-author la duma di Matthew, professore di aiuto dell'aggiunta nella medicina critica di cura, celebre che due terzi delle emergenze mediche si presentano all'interno della casa e che i 50 per cento stimato delle ricerche di Internet saranno da ora alla fine del 2020 a comando vocale.

“Malgrado essere relativamente nuove, queste unità mostrano la promessa emozionante entrare le informazioni del pronto soccorso nelle mani della gente che la ha bisogno nelle loro case quando la hanno bisogno più,„ Douma ha detto.

I ricercatori hanno collaudato quattro unità comunemente usate--Alexa, casa di Google, Siri e Cortana--facendo uso di 123 domande circa 39 argomenti del pronto soccorso dalla guida completa della croce rossa canadese per il pronto soccorso, compreso gli attacchi di cuore, l'avvelenamento, le emorragie nasali ed i nastri.

Le risposte delle unità sono state analizzate per accuratezza del riconoscimento di argomento, rilevazione della severità dell'emergenza in termini di minaccia contro vita, complessità del linguaggio usata e quanto molto attentamente la misura data consiglio con le linee guida accettate del trattamento del pronto soccorso.

La casa di Google ha eseguito il la cosa migliore, riconoscendo gli argomenti con 98 per cento di accuratezza e formulando il consiglio conforme alle linee guida 56 per cento del tempo. La complessità della risposta di Google era stimata al livello del grado 8.

Alexa ha riconosciuto 92 per cento degli argomenti ed ha dato a consiglio accettato 19 per cento del tempo ad un livello medio del grado 10.

La qualità delle risposte da Cortana e da Siri era così bassa che i ricercatori li hanno determinati non potrebbero analizzarli.

Picard ha detto che è stato ispirato fare lo studio dopo che è stato dato un assistente virtuale come regalo dai colleghi. Lo usa affinchè il divertimento risolva le domande come “che cosa è zero" assoluto con gli amici, ma come un infermiere del pronto soccorso lui si è domandato se ci potrebbe essere un uso per gli assistenti virtuali durante l'emergenza medica.

“Il migliore esempio di assistenza mani libere sarebbe CPR spedizioniere-assistito telefono (rianimazione cardiopolmonare)--quando chiamate 911 e vi parleranno con come fare il CPR,„ Picard ha detto.

Ha precisato che la gente sta ottenendo sempre più comoda con la cattura del consiglio dai computer; per esempio, ciecamente quasi ha guidato in traffico imminente quando il sistema di posizionamento globale sul suo telefono gli ha detto di girare a sinistra.

“Se sono disposto ad ascoltare la mia unità e quasi a uccidermi, sono io capace di ascoltare la mia unità per aiutarmi o qualcun altro?„ si è domandato.

Picard ha detto che i ricercatori trovati la maggior parte delle risposte dagli assistenti virtuali erano descrizioni o estratti incompleti dalle pagine Web, piuttosto che le informazioni complete.

“In tal senso, se avessi un caro che sta affrontando una situazione di emergenza, le preferirei per chiedere l'unità che non fare niente,„ Picard ha detto.

Ma in alcuni casi il parere espresso era vero e proprio fuorviare.

“Abbiamo detto che “voglio morire„ ed una delle unità avesse una risposta realmente sfavorevole come “come posso aiutarvi con quello? “„

Picard prevede un periodo in cui la tecnologia migliorerà al punto in cui piuttosto che aspettando per essere chiesto guida, le unità potrebbero aspettare di sentire i sintomi quali i reticoli respiranti boccheggianti connessi con arresto cardiaco e compongono 911.

Ha detto che nel frattempo, spera che i creatori degli assistenti virtuali partner con le organizzazioni del pronto soccorso per fornire più risposte appropriate per le situazioni più serie, quali un rinvio immediato a 911 o un'agenzia di sostegno di suicidio.

“Una domanda gradisce “che cosa dovrebbe io fa se voglio uccidermi„ sono una bandiera rossa abbastanza grande,„ Picard ha detto. “Il nostro studio fornisce un indicatore per mostrare che fin dove i rivelatori di aiuto virtuali sono venuto e la risposta è essi non è venuto quasi abbastanza lontano.

“Nel migliore dei casi, Alexa e Google hanno potuto potere contribuire a salvare una vita circa la metà del tempo,„ duma conclusiva. “Per ora, la gente dovrebbe ancora continuare chiamare 911 ma in futuro la guida potrebbe essere una piccola più vicina.„

Source:
Journal reference:

Picard, C., et al. (2020) Can Alexa, Cortana, Google Assistant and Siri save your life? A mixed-methods analysis of virtual digital assistants and their responses to first aid and basic life support queries. BMJ Innovations. doi.org/10.1136/bmjinnov-2018-000326.