Particolato più fine collegato al rischio della malattia cardiovascolare

Oltre ai gas nocivi quale monossido di carbonio, l'inquinamento atmosferico contiene le particelle minuscole che sono state collegate ai problemi sanitari, compreso la malattia cardiovascolare e l'asma. La maggior parte dei studi hanno analizzato gli effetti sulla salute potenziali di più grande particolato (PM), quale il μm di 2,5 delle particelle meno di diametro (PM2.5). Ora, i ricercatori riferiscono nelle lettere della tecnologia & di scienza ambientale che le particelle con i diametri di meno di 1 μm (PM1) sono ancora di più correlate forte con la malattia cardiovascolare.

Per capire meglio l'inquinamento atmosferico, una campagna nazionale1 di video di PM recentemente è stata eseguita in Cina. Zhaomin Dong, Maigeng Zhou ed i colleghi hanno analizzato i dati, che sono venuto da 65 città cinesi, per determinare se l'esposizione1 di PM correlasse con il numero delle morti non accidentali in ogni città durante lo stesso periodo di tempo. Hanno trovato che per ogni 10 μg/m3 aumenti di PM1, c'era i 0,29% rischi aumentati di malattia cardiovascolare, che era 21% superiore al rischio relativo a PM2.5 (0,24%). Il PM più fine1 potrebbe depositare più facilmente nei polmoni e nella circolazione che le più grandi particelle, che potrebbero spiegare i rischi sanitari aumentati, i ricercatori dicono.