Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'inibitore novello per combattere il carcinoma della prostata metastatico mostra la promessa

Quando le diffusioni del carcinoma della prostata è spesso una malattia micidiale, ma ora da un gruppo di ricerca guidato da università del ruscello pietroso crede che un nuovo approccio che inibisce una proteina obbligatoria specifica dell'acido grasso (FABP) possa essere il tasto alla progressione esitante di malattia. I loro risultati della ricerca sugli inibitori FABP5 come promessa degli agenti terapeutici contro carcinoma della prostata metastatico piombo ad una nuova concessione quinquennale dall'istituto nazionale contro il cancro (NCI) che ammonta a $4,2 milioni per avanzare la ricerca a 2025.

Il principale inquirente Iwao Ojima, il PhD, professore distinto di chimica e Direttore dell'istituto della scoperta chimica della droga e di biologia (ICB&DD), con i colleghi al ruscello pietroso ed al laboratorio freddo del porto della sorgente, in collaborazione con le scienze biologiche di Artelo, stanno studiando FABPs nel trattamento di infiammazione, dolore e contro determinati cancri, poichè la droga si mira o congiuntamente ai trattamenti di chemioterapia correnti.

Il Dott. Ojima e Martin Kaczocha, PhD, (ICB&DD) ha ricevuto una concessione del seme chiamata “un premio di fusione„ dalla scuola di medicina di rinascita alla Stony Brook University per intraprendere gli studi preliminari di FABP5 e dei sui inibitori come l'obiettivo terapeutico ed agenti del carcinoma della prostata potenziale. Il loro lavoro e collaborazione originali con Lloyd Trotman, il PhD, un professore al laboratorio freddo del porto della sorgente, piombo ad un documento nella prostata che ha mostrato gli inibitori novelli FABP5 sviluppati dal gruppo di ICB&DD hanno esibito la citotossicità significativa contro le celle di carcinoma della prostata metastatiche altamente resistenti alla droga. FABP5 egualmente ha migliorato gli effetti antitumorali delle droghe del taxene nei modelli animali. Questi risultati di promessa piombo all'acquisizione della concessione di NSC.

Questa concessione è un esempio tremendo di come la ricerca di collaborazione che comprendono la Stony Brook University, il laboratorio freddo del porto della sorgente e l'industria hanno fatto avanzare un concetto di scienze biologiche inizialmente di supporto dai fondi di promozione dal nostro banco ad un livello in cui l'istituto nazionale contro il cancro vede il suo potenziale come nuovo e migliore trattamento per carcinoma della prostata metastatico.„  

Kenneth Kaushansky, MD, vicepresidente per le scienze di salubrità e decano della scuola di medicina di rinascita alla Stony Brook University

Nell'ambito della concessione, il gruppo farà leva agli gli approcci basati a struttura della sintesi di progettazione e del prodotto chimico della droga per identificare i migliori inibitori FABP5 per la potenza e la selettività, per impiegare una piattaforma in vitro robusta di prova dell'inibitore e per accedere all'efficacia degli inibitori del candidato nei modelli del mouse. Egualmente studieranno gli inibitori FABP5 una volta usati come monoterapie come pure congiuntamente alle droghe approvate dalla FDA.

“Questo premio evidenzia le capacità eccezionali della ricerca e progettazioni innovarici della droga che sono state create all'offerta d'appello internazionale & al DD nell'ambito della direzione del professor Ojima,„ ha detto Richard J. Reeder, il PhD, vicepresidente per la ricerca alla Stony Brook University. “Il lavoro di collaborazione egualmente dimostra come tali associazioni avvantaggiano il fuoco crescente del ruscello pietroso su ricerca sul cancro.„

“Pensiamo continuare lo slancio delle innovazioni con la nostra impresa di ricerca sul cancro,„ ha detto Yusuf Hannun, il MD, Direttore del centro del Cancro di Stony Brook University. “Questo lavoro è alla frontiera di determinare la terapeutica novella del cancro, uno scopo importante per il centro pietroso del Cancro del ruscello. Questa espansione della ricerca dal Dott. Ojima ed i suoi colleghi con il nuovo finanziamento federale è il tipo di lavoro che progressivo speriamo gli insiemi la barra verso la nostre designazione del centro del cancro di NSC e cura paziente di impatti nell'immediato futuro.„

I taxani sono usati per curare il carcinoma della prostata metastatico. Mentre possono essere efficaci, i tumori sviluppano spesso la resistenza a queste droghe. I pazienti egualmente avvertono spesso gli effetti contrari a queste droghe, che provoca la chiusura del trattamento. L'emergenza degli inibitori FABP5 ha potuto essere una soluzione potenziale a trattare la malattia avanzata efficacemente e minimizzare gli effetti contrari.

“Nella nostra ricerca, né il docetaxel o il cabazitaxel da solo poteva sradicare le celle di carcinoma della prostata in vitro, mentre le combinazioni di taxani con gli inibitori FABP5 hanno provocato la morte completa delle cellule della prostata con sinergismo alle concentrazioni molto basse di taxani,„ ha detto il Dott. Ojima.

“Mentre gli inibitori FABP5 non hanno prodotto delle cellule o limitata la citotossicità in celle noncancerous, hanno raggiunto la morte quasi-completa delle cellule nelle linee cellulari del carcinoma della prostata utilizzate nel nostro studio, che suggerisce che gli inibitori FABP5 avessero molto meno effetti collaterali rispetto al taxano corrente/alla terapia basata a steroide,„ Martin aggiunto Kaczocha, PhD, assistente universitario, dipartimento di anestesiologia e co-dirigenti del gruppo di collaborazione.

Per sviluppare gli inibitori FABP5 per le prove contro carcinoma della prostata, il Dott. Ojima ed il Dott. Kaczocha stanno collaborando con Robert Rizzo, PhD, professore, dipartimento di matematica applicata e delle statistiche e Trotman, che ha sviluppato un modello unico ed altamente di promessa del mouse per carcinoma della prostata metastatico.

Egualmente collaboreranno con gli scienziati a Artelo per sviluppare gli inibitori di piombo di FABP contro carcinoma della prostata.

Nel 2018, Artelo ha preso parte ad una licenza esclusiva con le fondamenta di ricerca per State University di New York alla proprietà intellettuale degli inibitori di FABP per la modulazione del sistema del endocannabinoid per il trattamento di dolore, di infiammazione e di cancro.