Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il nuovo obiettivo del trattamento ha potuto cambiare la prospettiva dei pazienti a rischio della lesione del rene

La lesione del rene è una complicazione temuta delle procedure comunemente eseguite quali angiografia coronaria o ambulatorio cardiaco, spesso fermando i medici ed i pazienti nei loro cingoli.

La gente con la malattia renale o un rischio percepito di lesione acuta del rene è spesso meno probabile essere offerta le stesse procedure di salvataggio che altri pazienti con le stesse circostanze cardiovascolari riceverebbero, anche se la lesione acuta del rene pregiudica sproporzionatamente i pazienti criticamente malati ed i pazienti con cuore e la malattia vascolare.

La nuova ricerca dal centro cardiovascolare di Frankel della medicina del Michigan, in collaborazione con altre istituzioni, scopre un obiettivo del trattamento che i ricercatori dicono potrebbero cambiare drammaticamente la prospettiva dei pazienti a rischio della lesione del rene: ricevitore plasminogen dell'attivatore di urokinase solubile, o suPAR in breve.

Viene in un momento in cui le nuove opzioni per questi pazienti sono irritato necessarie, dice l'autore principale Salim Hayek, M.D., un cardiologo al Frankel CVC.

Dopo le decadi con poco progresso nella gestione della malattia renale, abbiamo sulle nostre mani un obiettivo nuovo di promessa per evitare la lesione acuta del rene.„

Salim Hayek, autore principale

Il suo ultimo documento, pubblicato in New England Journal di medicina, aggiunge alle prove crescenti che i medici dovrebbero prestare attenzione a suPAR, che proviene dal midollo osseo ed è il modulo di circolazione di una proteina che è espressa sulle celle immuni.

“Abbiamo saputo da qualche tempo del ruolo importante dei suPAR nella malattia renale. Qui indichiamo che il suPAR è pertinente nelle situazioni cliniche importanti quali angiografia coronaria ed ambulatorio cardiaco e potremmo essere mirati a per minimizzare il rischio di AKI,„ dice Hayek, anche un assistente universitario di medicina interna. Negli Stati Uniti da solo, milione cateterizzazioni cardiache e 400.000 ambulatori cardiaci sono eseguiti annualmente.

Valutazione dei livelli del suPAR in pazienti e nei modelli

Hayek, con Jochen senior Reiser autore, M.D., Ph.D., dalla Rush University e dai colleghi, ha realizzato un'indagine a due punte su suPAR.

In primo luogo, hanno esaminato i livelli del suPAR ed il rischio di lesione acuta del rene in più di 3.800 pazienti in tre impostazioni cliniche. Alcuni erano pazienti di ICU ed alcuni erano pazienti cardiovascolari che subiscono l'ambulatorio cardiaco o l'angiografia coronaria, che è ad una procedura basata a catetere per diagnosticare la coronaropatia. Alto SuPAR livella AKI coerente preveduto in questi pazienti, con i livelli superiore a 3.000 picograms per millilitro che raddoppia il rischio di AKI.

Piombo i ricercatori alla seconda fase dello studio: hanno impiegato i modelli del mouse della lesione acuta del rene per studiare se l'alto suPAR è realmente una causa di contributo della complicazione.

“I mouse con i livelli elevati di suPAR egualmente hanno avuti peggioramento drammatico dei reni rispetto ai mouse ai livelli normali di suPAR una volta esposti allo stesso contrasto utilizzato in pazienti che subiscono l'angiografia coronaria,„ Hayek dice. “Ma quando abbiamo pretrattato i mouse per bloccare il suPAR facendo uso di un anticorpo monoclonale, siamo riuscito ad attenuare lo sviluppo della lesione del rene.„

La domanda ora, Hayek dice, è che cosa è il migliore modo fare diminuire i livelli del suPAR in esseri umani per ridurre il loro rischio di insufficienza renale? Il suo gruppo sta esaminando i trattamenti ed i farmaci già usati per altri scopi, come gli statins o gli immunomodulatori, oltre ad un anticorpo umanizzato del suPAR che sarà esplorato nei test clinici.

Implicazioni cliniche per la prova del suPAR

Hayek dice i livelli di misurazione del suPAR in clinica, che spera sarà sistematico in futuro, potrebbe aiutare i fornitori a conoscere quando sollevare i campanelli d'allarme circa la malattia renale prima che cominci. Nella malattia renale cronica, i pazienti non avvertono spesso i sintomi nella fase iniziale e prima che le misure convenzionali quale creatinina confermassero una diagnosi, il danno già ha accaduto ed è spesso irreversibile.

“Questa misura potrebbe essere impiegata per capire chi è all'elevato rischio della progressione di malattia o delle complicazioni procedurali in relazione con il rene, che è corrente difficile da determinare nella pratica clinica,„ Hayek dice. “Ora che abbiamo estesi dati su un ruolo per suPAR nel causare la malattia renale, possiamo prevedere di utilizzare suPAR-diminuendo le terapie nei pazienti a rischio di sia la malattia renale cronica che acuta.„

E quelli con il rischio più basso di lesione del rene dai livelli del suPAR hanno potuto più con confidenza essere approvati per ambulatorio cardiaco importante ed altre procedure.

Hayek dice il ruolo dei suPAR recentemente scoperti dei ricercatori soltanto nella malattia renale e la scienza sta avanzando rapido.

“SuPAR riflette un trattamento che i medici non possono rappresentare nelle valutazioni tradizionali della malattia renale. Crediamo che questa proteina funga dal collegamento fra infiammazione e la malattia renale, sia croniche che acute,„ dice.

Con invecchiamento, altre condizioni mediche connesse con i livelli elevati del suPAR includono il fumo, il diabete, le malattie autoimmuni, la sepsi ed il HIV. Ed a differenza di altre misure di infiammazione, Hayek dice che il suPAR non aumenta acutamente. Infatti, i livelli anche rimangono stabili persino durante gli attacchi di cuore.

Nel 2015 la sua pubblicazione, anche in New England Journal di medicina, ha riferito una perdita di 20% nella funzione del rene dopo cinque anni nella gente con i livelli elevati del suPAR.

Source:
Journal reference:

Hayek, S.S., et al. (2020) Soluble Urokinase Receptor and Acute Kidney Injury. New England Journal of Medicine. doi.org/10.1056/NEJMoa1911481.