Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il modulo modificato del virus polio mostra il potenziale come vaccino del cancro negli studi sugli animali

Un modulo modificato del virus polio, pionieristico a a duca Cancer Institute come terapia per i tumori cerebrali di glioblastoma, sembra nelle ricerche di laboratorio anche avere applicabilità per i tumori cerebrali pediatrici una volta usato come componente di un vaccino del cancro.

Negli studi preclinici facendo uso dei mouse e delle cellule tumorali dell'essere umano, un'iniezione del vettore modificato del virus polio ha istigato una risposta immunitaria che ha puntato le cellule tumorali mutate che predominano nei tumori diffusi del glioma (DMG) della linea mediana. Il cancro direzione i bambini ed è universalmente micidiale.

Riferendo questa settimana nelle comunicazioni della natura del giornale, i ricercatori descritti come una chimera del polio-rhinovirus (PVSRIPO), modificata per esprimere un antigene tumorale di mutazione trovato in DMG, può infettare ed indurre l'attività delle celle dentritiche.

Cellule T antigene-specifiche del tumore principale dentritico delle cellule per migrare al sito del tumore, celle del tumore di attacco, crescita del tumore di mora e per migliorare sopravvivenza nei modelli animali del tumore. Ma la loro attività può essere difficile da gestire.

“I virus polio presentano parecchi vantaggi per la generazione delle cellule T antigene-specifiche CD8 come vettore vaccino del cancro potenziale,„ ha detto l'autore Matthias senior Gromeier, M.D., che ha sviluppato alla la terapia basata a virus polio come membro del centro di tumore cerebrale Preston Robert Tisch di duca.

“Si sono evolute naturalmente per avere una relazione con il sistema immunitario umano, celle dentritiche d'attivazione, inducendo l'immunità a cellula T CD8 e suscitando l'infiammazione. Di conseguenza, mancano dell'interferenza con immunità innata o adattabile.„

Gromeier ha detto che l'approccio vaccino continua ad essere provato con lo scopo di inizio del test clinico di fase 1.

Siamo promettenti che questo approccio potrebbe essere provato come terapia potenziale a tumori di DMG, che esigono un carico terribile sui bambini e sulle loro famiglie.„

Matthias Gromeier, autore senior

Source:
Journal reference:

Mosaheb, M.M., et al. (2020) Genetically stable poliovirus vectors activate dendritic cells and prime antitumor CD8 T cell immunity. Nature Communications. doi.org/10.1038/s41467-019-13939-z.