Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'approccio novello può offrire un più modo efficace di sradicare le cellule tumorali colorettali

Un approccio novello per invertire la progressione delle celle in buona salute a quei maligni può offrire un più modo efficace di sradicare le cellule tumorali colorettali con ben meno effetti secondari, secondo un gruppo dei ricercatori basati in Corea del Sud.

Il cancro colorettale, o il cancro del colon, è il terzo la maggior parte del cancro comune negli uomini e nel secondo terreno comunale in donne universalmente. La Corea del Sud ha la seconda più alta tariffa di incidente di cancro colorettale nel mondo, completata soltanto dall'Ungheria, secondo il fondo di ricerca sul cancro del mondo.

I loro risultati sono stati pubblicati come articolo di coperchio descritto il 2 gennaio nella ricerca sul cancro molecolare, un giornale dell'Associazione per la ricerca sul cancro americana.

Piombo da Kwang-Hyun Cho, un professore e un vice presidente del socio della ricerca a KAIST, i ricercatori hanno usato una struttura di calcolo per analizzare le celle in buona salute del colon e le cellule tumorali colorettali. Hanno trovato che alcune proteine matrici del regolatore in questione nella replica cellulare hanno aiutato le celle in buona salute del colon mature, o si differenziano nel loro tipo specifico delle cellule e rimangono in buona salute. Una proteina particolare, chiamata SETDB1, soppresso le proteine utili, forzanti le nuove celle rimanere in uno stato di immaturità con il potenziale di diventare cancerogeno.

Ciò suggerisce che le celle differenziate abbiano un meccanismo inerente della resistenza contro trasformazione maligna ed indica che riprogrammare cellulare è indispensabile per malignità. Abbiamo speculato che i beni maligni potrebbero essere sradicati se l'espressione genica tessuto-specifica è reintegrata -- se reprimiamo SETDB1 e che permettiamo che le celle del colon maturino e si differenzino mentre normalmente.„

Kwang-Hyun Cho, professore e vice presidente del socio di ricerca a KAIST

Facendo uso delle celle umano-derivate, Cho ed il suo gruppo hanno mirato ai programmi tessuto-specifici di espressione genica identificati nella loro analisi di calcolo. Queste sono le cianografie per le proteine che finalmente aiutano le celle acerbe a differenziarsi nei tipi tessuto-specifici delle cellule, quali le celle del colon. Quando una persona ha una mutazione genetica, o ha esposizione a determinati fattori ambientali, questo trattamento può andare storto, piombo ad una sovraespressione delle proteine inutili, quale SEDTB1.

I ricercatori specificamente hanno diminuito la quantità di SEDTB1 in questi programmi tessuto-specifici di espressione genica, che hanno permesso che le celle maturassero e completamente si differenziassero nelle celle del colon.

“Il nostro esperimento egualmente mostra che lo svuotamento SETDB1 combinato con le droghe citotossiche potrebbe essere potenzialmente utile al trattamento anticancro,„ Cho ha detto. Le droghe citotossiche sono usate spesso per trattamento del cancro perché il tipo di medicina contiene i prodotti chimici che sono tossici alle cellule tumorali che possono impedire loro di ripiegare o di crescere. Ha notato che questa combinazione potrebbe essere più efficace nel trattamento del cancro trasformando lo stato della cellula tumorale in uno stato meno maligno o resistente. Finalmente persegue una terapia di reversione del cancro da solo invece della terapia farmacologica citotossica convenzionale poiché la terapia di reversione del cancro può fornire un'esperienza molto meno dolorosa per i pazienti cancro che hanno spesso effetti secondari severi dai trattamenti progettati per uccidere fuori le celle cancerogene, quale la chemioterapia.

I ricercatori pianificazione continuare a studiare come restituire le cellule tumorali agli stati più sani, con lo scopo finale della traduzione del loro lavoro al trattamento terapeutico per i pazienti con il cancro colorettale.

“Penso che il nostro studio su reversione del cancro finalmente abbia cambiato la pratica medica corrente di trattamento del cancro verso la direzione di conservazione della qualità di vita del paziente mentre minimizzando gli effetti secondari delle terapie anticancro correnti,„ Cho ha detto.

Source:
Journal reference:

Lee, S., et al. (2020) Network Inference Analysis Identifies SETDB1 as a Key Regulator for Reverting Colorectal Cancer Cells into Differentiated Normal-Like Cells. Molecular Cancer Research. doi.org/10.1158/1541-7786.MCR-19-0450.