Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

l'unità di respirazione della In-casa può offrire la speranza per la gente con COPD

In un nuovo articolo il 4 febbraio pubblicato in JAMA, ricercatori della clinica di Mayo descrive i vantaggi della terapia non invadente di ventilazione della in-casa che comprende un tipo citato come pressione positiva a due livelli della galleria di ventilazione, o di BiPAP- per molti pazienti con la malattia polmonare ostruttiva cronica (COPD). Il gruppo ha identificato una serie di vantaggi, compreso la mortalità diminuita, meno ricoveri ospedalieri, più a basso rischio di intubazione, di dispnea migliore e di meno visite del pronto soccorso.

COPD è un'affezione polmonare cronica che lo rende difficile respirare. COPD è la terza causa della morte principale negli Stati Uniti, con più di 15 milione di persone corrente che vivono con la malattia, secondo l'associazione di polmone americano.

Molta gente che fa soffrire COPD dall'ipercapnia, la conservazione dell'anidride carbonica -- i residui di metabolismo espelsi normalmente dai polmoni come persona respirano. Ciò può piombo ad arresto respiratorio ed all'ospedalizzazione acuti. L'un trattamento per l'ipercapnia cronica è ventilazione non invadente, o un commputer con una maschera che contribuisce a migliorare la respirazione.

Michael Wilson, M.D., un medico polmonare e critico di cura alla clinica di Mayo, piombo lo studio, che è stato costituito un fondo per dall'agenzia per la ricerca di sanità e dalla qualità nel quadro di un contratto con al il centro Basato a prova di pratica della clinica di Mayo.

Sebbene ci sia prova importante che supporta l'uso in ospedale delle unità di respirazione quale BiPAP, finora, non abbiamo conosciuto quali vantaggi possono essere disponibili quando inviamo la gente a casa con un nuovo pezzo di strumentazione. C'erano indicazioni che la terapia casalinga potrebbe essere utile, ma c'erano studi e linee guida contrastanti quanto a che cosa sarebbe stato la cosa migliore per i nostri pazienti.„

Dott. medico critico di cura di Michael Wilson, polmonare ed alla clinica di Mayo

Lui ed i suoi colleghi hanno voluto determinare il best practice, raccogliente e riassumente tutta la conoscenza medica disponibile che circonda l'argomento.

A tal fine, il gruppo ha condotto una meta-analisi, pettinando letteratura pari-esaminata ed altra esperta tutto il disponibile per i test clinici ripartiti con scelta casuale pertinenti e gli studi d'osservazione comparativi.

Dopo l'esame delle più di 6.300 citazioni, i ricercatori hanno trovato 33 studi che valutano i risultati per 51.085 pazienti con COPD e l'ipercapnia che sono stati seguiti per almeno un mese mentre per mezzo di un ventilatore non invadente a casa durante le ore di sonno di notte.

Fra questi pazienti, l'uso di un'unità non invadente del ventilatore, quale pressione positiva a due livelli della galleria di ventilazione, confrontata a nessun'unità è stato associato significativamente con la mortalità più bassa: 29,2% contro 22,3%. L'uso di un'unità non invadente del ventilatore anche piombo a meno visite ed ospedalizzazioni del pronto soccorso e tariffe più basse di intubazione se i pazienti fossero ammessi all'ospedale.

“Mentre ci sembrano essere alcuni chiari vantaggi a per mezzo delle unità quale BiPAP, dovremmo essere prudenti come gli studi abbiamo compreso molti tipi differenti di pazienti con COPD. E molti degli studi che abbiamo valutato erano bassi o moderato nella qualità,„ dice il Dott. Wilson. “Ancora abbiamo molto più imparare circa quali impostazioni a macchina sono la cosa migliore per i tipi differenti di pazienti. Inoltre, sebbene molti studi nel nostro esame comprendessero le misure di qualità di vita, non abbiamo veduto un miglioramento. Mentre alcuni studi hanno mostrato la migliore qualità di vita, altri studi non hanno evidenziato differenza. Di nuovo, questo indica l'importanza di bisogno necessario valutare più con attenzione quali pazienti con COPD possono ricevere il vantaggio.„

“I pazienti con COPD dovrebbero parlare con i loro medici per determinarlo se un'unità di respirazione quale un commputer di BiPAP potrebbe essere una buona scelta per loro,„ dice. “Per molti pazienti, una tal unità può offrire i vantaggi importanti.„

L'autore senior dello studio è Zhen Wang, il Ph.D., direttore associato al del programma di ricerca Basato a prova di pratica della clinica di Mayo. Questo progetto egualmente è stato supportato dalla clinica Robert D. di Mayo ed il centro di Patricia il E. Kern per la scienza della consegna di sanità, in cui il Dott. Wang tiene un ruolo della direzione nella ricerca della sintesi di conoscenza e nel Dott. Wilson è un alunno di programma dello studioso di Kern.