Lo studio fornisce le comprensioni chiave nell'uso delle donne incinte di marijuana

Mentre l'uso di marijuana è legalizzato in un numero aumentante di stati di Stati Uniti, il numero della gente che usa il quotidiano della droga è sull'aumento. Questa tendenza al rialzo egualmente sostiene in donne che sono incinte o allattanti, malgrado prova che facendo uso di marijuana potrebbe nuocere ai loro bambini.

Pubblicato nel giornale della medicina di dipendenza, i risultati dagli studi intrapresi da un gruppo dei ricercatori alle scienze Spokane di salubrità di Washington State University ricercano più profondo nell'uso delle donne incinte di marijuana, fornente le comprensioni chiave che contribuiranno ad informare gli sforzi di formazione di paziente. I loro studi sono stati intrapresi nello Stato del Washington E sono il primo studio sul suo genere condotto in uno stato in cui la marijuana è legale.

“Non abbiamo tutta la ricerca, ma ci sono abbastanza là per autorizzare dire che non dovreste usare la marijuana mentre incinto,„ ha detto l'autore principale Celestina Barbosa-Leiker, citante la ricerca priore che suggerisce l'uso della marijuana durante la gravidanza che è associata a un aumentato rischio di basso peso alla nascita, il feto nato morto e le emissioni conoscitive e comportamentistiche. “Tuttavia, c'è un gruppo di donne che stanno usando la marijuana che ha queste altre circostanze croniche e dobbiamo aiutarli per gestire quelle.„

Un professore associato nell'istituto universitario di WSU di professione d'infermiera e del rettore per la ricerca alle scienze Spokane, Barbosa-Leiker di salubrità di WSU ha detto che, in base ai loro risultati, i fornitori di cure mediche delle donne incinte dovrebbero più completamente considerare la cronologia paziente ed impegnarsi in un processo decisionale comune con loro circa il loro uso della marijuana. Ha suggerito che i fornitori di cure mediche adottassero un approccio di riduzione di danno messo a fuoco sulla limitazione dell'uso della marijuana, piuttosto che chiedendo alle donne di andare disintossicazione spontanea. Inoltre, ha detto che è importante formare tutto il personale di sanità per interagire con i pazienti in un modo che minimizza il marchio di infamia.

Molte delle mamme che abbiamo parlato alla sensibilità riferita incredibilmente stigmatizzata non appena hanno riferito che stavano usando la marijuana. La cosa peggiore che potrebbe accadere è che una di queste mamme ritiene così scomoda che non ritorni per visita prenatale, che è nociva alla salubrità del bambino.„

Celestina Barbosa-Leiker, autore principale

Cinque temi emergono dallo studio

Come componente del loro studio, il gruppo di ricerca di WSU ha condotto le interviste personali con 14 donne incinte e 5 donne cui aveva dato alla luce entro i tre mesi scorsi, tutte le chi ha riferito usando il quotidiano della marijuana mentre incinto. Hanno fatto alle donne le domande relative alle loro percezioni del rischio e dei vantaggi di usando la marijuana durante la gravidanza. Dalle risposte dei partecipanti, hanno identificato cinque temi comuni:

  • I partecipanti hanno riferito usando la marijuana come un modo gestire le loro emissioni di salubrità, dalle emissioni fisiche quali la nausea, il dolore e la difficoltà addormentati alle emissioni psicologiche quali lo sforzo, l'ansia ed il trauma. Molti hanno preso questa decisione non appena per se stessi, ma anche per il loro bambino. Una donna ha riferito che quello facendo uso di marijuana era il solo modo potrebbe tenere l'alimento per scolarsi, fornendo l'alimentazione critica al suo bambino. Altri hanno detto che le ha aiutate per diminuire lo sforzo e l'ansia e per funzionare meglio come genitore.
  • Molti hanno pesato con attenzione la loro decisione per continuare l'uso della marijuana durante che la gravidanza e che hanno rivalutato il loro uso con ogni fase della gravidanza e dopo avere dato alla luce. Una ragione per la quale comune hanno usato la marijuana era di evitare usando altri farmaci che hanno ritenuto erano più nocivi al loro bambino, quali gli opioidi, le droghe di anti-nausea ed i farmaci antipsicotici.
  • Le donne incinte stanno ottenendo i messaggi misti dai loro fornitori di cure mediche. Principalmente i loro fornitori hanno detto loro che per smettere di usando la marijuana, ma alcuna sono stati chiesti di limitare il loro uso. Alcune donne hanno riferito non mai essere chiesta notizie sull'uso della marijuana o il loro fornitore che non dice nulla quando lo hanno rivelato, che ha sorpreso i ricercatori dati le linee guida nazionali che dirigono i fornitori di cure mediche consigliare le donne incinte circa i rischi di usando la marijuana.
  • Tutti i partecipanti hanno detto che hanno voluto più informazioni sulla sicurezza e gli effetti di usando la marijuana mentre incinti. Quando le donne hanno ritenuto che i fornitori medici non stessero fornendo loro abbastanza informazioni, hanno cercato il consiglio da altre sorgenti, quali i budtenders.
  • Le considerazioni di ordine morale sembrano guidare indipendentemente da fatto che le donne incinte rivelino il loro uso della marijuana ai fornitori di cure mediche come pure il loro reticolo di uso durante la gravidanza. Il timore di segnalazione ai servizi protettivi del bambino ha incitato alcune donne a decidere di smettere di usando verso la conclusione della loro gravidanza, quando i risultati dei test potrebbero esporre il loro uso della marijuana.

Barbosa-Leiker ha detto che lo studio completamente ha cambiato la sua prospettiva.

“Entrando in studio, ho pensato che quello mostrare a queste donne la ricerca circa come urta il loro bambino li facesse cambiare il loro comportamento,„ ha detto. “Una volta che sentissi le storie di queste donne di passare con le esperienze incredibilmente traumatiche e di operare le scelte molto coraggiose per tenermi ed i loro bambini sani come possibile, mi ha incitato a rend contoere che dobbiamo fare un migliore processo di conoscere le prospettive dei pazienti prima che provassimo a convincerli per adottare i comportamenti più sani,„ lei abbiamo detto.

Oltre a fornire le comprensioni chiave che possono aiutare meglio i fornitori di cure mediche a concentrare i loro sforzi di formazione di paziente, Barbosa-Leiker ha detto che lo studio egualmente evidenzia la necessità per la più ricerca di determinare gli effetti a lungo termine di uso della marijuana durante la gravidanza e l'allattamento al seno.

Source:
Journal reference:

Barbosa-Leiker, C., et al. (2020) Daily Cannabis Use During Pregnancy and Postpartum in a State With Legalized Recreational Cannabis. Journal of Addiction Medicine. doi.org/10.1097/ADM.0000000000000625.