Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il DNA estratto dagli esemplari del museo può fornire informazioni genetiche

Il DNA negli esemplari conservati del museo può permettere che gli scienziati esplorino la cronologia delle specie e gli studi umanistici urtano sull'ecosistema, ma i campioni sono conservati tipicamente in formaldeide che può danneggiare il DNA e renderla molto difficile recuperare.

Il DNA estratto dagli esemplari del museo può fornire informazioni genetiche

I ricercatori hanno utilizzato un'unità fluida di vortice (VFD) per accelerare l'estrazione del DNA da un astice americano conservato in formaldeide - con i risultati che forniscono una carta stradale per l'esplorazione del DNA da milioni di valuable e perfino dalle specie estinte in musei universalmente.

Il candidato Jessica "phillips" di Ph.D. del Flinders dice che elaborando il tessuto conservato dagli esemplari del museo nel VFD separa le proteine, rilascianti il DNA che offre informazioni genetiche storiche importanti.

L'estrazione del DNA è raggiunta elaborando il tessuto conservato in una soluzione degli enzimi nel VFD. Questo enzima separa le proteine, rilascianti il DNA che può essere analizzato. Usando il VFD possiamo accelerare questo trattamento a partire dai giorni alle ore.

Per 150 anni questi campioni sono stati conservati in formaldeide che può danneggiare il DNA ed anche preparare il DNA difficile recuperare. Abbiamo utilizzato l'energia meccanica in un'unità fluida di vortice (VFD) per accelerare l'estrazione elaborando il tessuto conservato in una soluzione degli enzimi nel VFD.„

Jessica "phillips", candidato di Ph.D., Flinders University

Questo lavoro è una collaborazione fra l'università di California, Irvine (UCI), il dipartimento di biologia Organismic ed evolutiva alla Harvard University e la Flinders University.

I ricercatori dicono che i risultati forniscono una carta stradale per l'esplorazione del DNA da milioni di storico e perfino di specie estinte in musei universalmente.