Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Più gente e riserve di pesce di diminuzione creano lo spazio dell'offerta in acidi grassi omega-3

Ognuno sa che mangiare il pesce è buono per voi, in parte a causa degli acidi grassi sani omega-3 che contiene.

alcuni di questi acidi grassi sono essenziali nelle diete umane, particolarmente quando si tratta dello sviluppo infantile e della diminuzione del declino conoscitivo in adulti.

Ma le riserve di pesce di diminuzione universalmente, combinato con una popolazione crescente, significano che un numero considerevole di di gente sul pianeta non ottiene abbastanza di queste sostanze nutrienti essenziali, un nuovo studio mostra.

I ricercatori messi a fuoco su due acidi grassi particolari omega-3, su EPA abbreviato e su DHA, perché sono i due acidi grassi che sono sia disponibile essenziale che limitato. Altri acidi grassi sono disponibili facilmente attraverso gli impianti.

Quando abbiamo esaminato come EPA e DHA sono prodotti e consumato, in esseri umani e nell'oceano, abbiamo trovato che 70 per cento della popolazione del mondo non ottengono di che cosa realmente hanno bisogno. Quello può avere conseguenze ampie di salubrità.„

Helen Hamilton, primo autore del documento

Hamilton recentemente ha completato un postdoc all'università norvegese di programma dell'ecologia industriale di scienza e tecnologia (NTNU) ed è ora uno specialista di sostentamento economico a Biomar globale.

Hamilton ed i suoi colleghi hanno documentato le ragioni dietro lo spazio ed i modi suggeriti dell'offerta aumentare le offerte con il riciclaggio migliore e le fonti primarie nuove di spillatura e diminuire la domanda con le diete alternative. I loro risultati sono stati pubblicati nell'alimento accademico della natura del giornale.

Le industrie della pesca del mondo sono sotto pressione, con i 63 per cento stimato di tutte le riserve di pesce considerate sfruttate e necessitante la ricostruzione, Hamilton ed i suoi colleghi hanno scritto. Quello lo rende improbabile che la gente possa pescare abbastanza pesce per fornire le loro esigenze dietetiche di EPA e di DHA.

“Non possiamo catturare altro pesce dall'oceano,„ Hamilton ha detto. “Quel significa che realmente dobbiamo ottimizzare che cosa o troviamo le nuove, sorgenti novelle. Dobbiamo esaminare come EPA e DHA sono prodotti e consumati dagli esseri umani e nell'oceano.„

Per arrivare ai loro risultati, i ricercatori hanno raccolto i dati dall'Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura dell'ONU e dall'organizzazione marina internazionale degli ingredienti, con gli articoli della ricerca ed i rapporti pubblicati. I dati sono stati inseriti in un modello chiamato una struttura a più strati dell'analisi di flusso di materiale. Questa Hamilton permessa ed i suoi colleghi per stimare la quantità di acidi grassi disponibili omega-3 e come e dove sono consumati.

I ricercatori suggeriscono quella migliore gestione delle industrie della pesca, come la limitazione delle catture e modificazione dell'attrezzatura di pesca per tagliare la cattura del pesce indesiderato, come modi amplificare le riserve di pesce. Tuttavia, permettere che le riserve di pesce recuperino è una soluzione a lungo termine che provocherà le diminuzioni a breve termine nelle offerte, essi ha detto.

Un'altra sorgente marina di EPA e di DHA è krill, corrente raccolto dalle acque antartiche.

“La cattura aumentante del krill per uso come alimentazione potrebbe aumentare sostanzialmente l'offerta di EPA/DHA,„ Hamilton ed i suoi colleghi hanno scritto. Le tariffe annuali del raccolto di approssimativamente 300 000 tonnellate sono bene sotto raccomandano i limiti della cattura di 5,6 milioni di tonnellate, i ricercatori hanno scritto.

Ma il krill di cattura non è necessariamente una risposta della soluzione rapida neanche, hanno detto. Il krill di cattura dall'ANTARTIDE è sia costoso che sfidando a causa della distanza pura fra le acque antartiche e i servizi, hanno scritto.

L'impresa di piscicoltura può aiutare, ma molti pesce coltivato, compreso il salmone, alimentazione del pesce di bisogno che include la farina di pesce e l'olio di pesce. La forte domanda dell'olio di pesce e del pasto piombo l'industria di acquicoltura per sviluppare l'alimentazione del pesce basata sui prodotti vegetali, come soia. Ma troppo poco EPA e DHA in alimentazione del pesce possono causare i problemi sanitari in pesce coltivato ed anche diminuire la quantità di acidi che grassi omega-3 contengono.

Hamilton ed i suoi colleghi suggeriscono che l'acquicoltura possa fare l'uso strategico degli oli di pesce in alimentazione del pesce alimentando questi composti essenziali al pesce coltivato nelle fasi chiave di vita, particolarmente right before il pesce sarà macellato per consumo.

L'analisi dei ricercatori egualmente ha mostrato quell'acquicoltura, mentre un consumatore importante di EPA e DHA, è egualmente un produttore importante quando si tratta delle specie che non dipendono dagli oli di pesce nella loro dieta. Queste specie includono i molluschi e la carpa. Il pesce di acqua dolce come la carpa anche può sintetizzare due la sostanza, i ricercatori celebri.

La gente mangia raramente tutto il pesce, eppure questi sottoprodotti rimanenti, quali il frattaglie e le teste, egualmente contengono gli acidi grassi omega-3. L'alimentazione del pesce e l'olio di pesce possono essere fatti dagli sprechi del pesce, i ricercatori hanno scritto, con il trucco che è di raccogliere e trattare gli sprechi.

“Europa ed in America settentrionale, pesce sono sventrati ed elaborato dall'industria, che lo rende realmente facile raccogliere e riutilizzare i sottoprodotti,„ Hamilton ha detto. “Ma in Cina, specificamente, la cultura è di raccordare e sventrare il pesce a casa, rendendolo molto difficile usare lo spreco per qualche cosa utile.„

L'Asia, molto altrove nel mondo, è dove ci sono la maggior parte da guadagnare raccogliendo i sottoprodotti del pesce per uso, ha detto.

Di conseguenza, il migliore uso dei sottoprodotti richiederà sia i cambiamenti culturali che impianti di trattamento centrale, hanno detto.

Le diete cambianti possono aiutare

I ricercatori hanno osservato che EPA e DHA possono essere prodotti sia dalle microalghe naturali che geneticamente modificate come pure microbatteri ed impianti.

Ma quello egualmente richiederà un portare su scala industriale nella produzione ed i cambiamenti nell'accettazione culturale, specialmente in Europa, in cui uso di limite di norme in vigore degli organismi geneticamente modificati.

“Non c'è richiamo d'argento per l'eliminazione del divario dell'offerta e nessuno delle strategie che abbiamo suggerito sono facili. Ma dobbiamo trovare un modo saldare l'alimentazione umana sana, una popolazione crescente e proteggere il nostro ambiente,„ Hamilton ha detto. “Per fare questo, avremo bisogno di una combinazione di strategie che mirano alle parti differenti della catena di fornitura. Tuttavia, prima che andiamo in avanti, è essenziale noi capisce le alternanze potenziali, quali le ripercussioni che possono venire dall'uso molto diffuso degli organismi geneticamente modificati,„ lei ha detto.

Source:
Journal reference:

Hamilton, H.A., et al. (2019) Systems approach to quantify the global omega-3 fatty acid cycle. Nature Food. doi.org/10.1038/s43016-019-0006-0.